Inter: Perisic - Lavezzi, con Lamela in attesa

Perisic va allo scontro con il Wolfsburg, il Psg apre per il Pocho, l'Inter valuta il doppio colpo.

Inter: Perisic - Lavezzi, con Lamela in attesa
Inter: Perisic - Lavezzi, con Lamela in attesa

Valzer d'attacco. L'Inter spegne le sirene di difesa e di centrocampo e riversa ogni attenzione sul comparto offensivo, è qui che circolano nomi  da capogiro, giocatori in grado di avvicinare la squadra di Mancini alle prime d'Italia. Con il passare delle ore si consolida l'idea di un doppio colpo per consegnare al tecnico una rosa congrua alla stagione da affrontare. Perisic e Lavezzi, trattative avviate o ri-allacciate: il croato va allo scontro con il Wolfsburg, "minaccia" il club e chiede la cessione, l'argentino, sacrificabile a Parigi, medita il rilancio in nerazzurro.

Non operazioni semplici, per diversi motivi. I teutonici sono ad un passo dal chiudere l'affaire De Bruyne e al momento non forniscono garanzie ad Ausilio e agli uomini mercato dell'Inter. Il Psg, invece, si siede volentieri al tavolo, chiede una cifra non esorbitante, 7 milioni rispetto ai 10-12 iniziali, ma è il contratto di Lavezzi ad inibire una rapida fumata bianca. L'Inter non può garantire i 4,5 milioni percepiti dal Pocho a Parigi e punta ad allungare di un anno il contratto dell'argentino. L'ex Napoli chiede un ulteriore sforzo, ingaggio da top e accordo fino al 2018.

Il mercato è a un passo dalla chiusura, occorre quindi tutelarsi, da qui i contatti con il Tottenham per Lamela, prima alternativa a Lavezzi e Perisic. Prestito oneroso e riscatto a seguire per il 23enne ammirato in Italia con la maglia della Roma. In seconda linea, le scelte di rincalzo: Ljajic, Perotti, Borini.

Nel mezzo, incedibile Guarin. Senza innesti di spessore, con la partenza di Kovacic, l'Inter non può svuotare la mediana, apparsa alle corde già all'esordio con l'Atalanta. Esuberi, invece, nel settore arretrato. Andreolli chiude al Bologna, per D'Ambrosio viva la pista Marsiglia. In ottica mercato invernale, attenzione alla situazione Ranocchia, mentre per Juan Jesus porte aperte da subito.

Con l'approdo a Monaco di Coentrao, per la corsia sinistra si segue la pista Siqueira (Ghoulam a seguire), operazione subordinata però alla partenza di diversi effettivi e da rifinire nelle ultime ore, al termine delle faticose "vertenze" offensive.