Risultato Inter - Milan di Serie A 2015/16: decide Guarin, vince l'Inter 1-0

Risultato Inter - Milan di Serie A 2015/16: decide Guarin, vince l'Inter 1-0
Diretta live Inter - MIlan
Inter
1 0
Milan
Inter: (4-3-3) Handanovic; Santon, Medel, Murillo, Juan Jesus (68' Alex Telles); Guarin, Felipe Melo, Kondogbia; Perisic (84' Ranocchia), Icardi, Jovetic (72' Palacio). A DISPOSIZIONE: Carrizo, Montoya, D'Ambrosio, Nagatomo, Gnokouri, Brozovic, Biabiany, Ljajic, Manaj. All.: Mancini.
Milan: (4-3-1-2): Diego Lopez; Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Bonaventura, Montolivo, Kucka (72' Poli); Honda (81' Cerci); Bacca (62' Balotelli), Luiz Adriano. A DISPOSIZIONE: ​Abbiati, Donnarumma, Alex, Calabria, Rodrigo Ely, Mexes, De Jong, Nocerino, Suso. All.: Mihajlovic.
SCORE: 58' Guarin
ARBITRO: Gianluca Rocchi. AMMONITI: 22' Abate, 37' Juan Jesus, 42' Honda, 64' Felipe Melo, 66' Kucka
NOTE: Gara valida per la terza giornata di Serie A che si gioca allo stadio San Siro di Milano alle ore 20.45.

22.51 - Insomma, anche stasera cose belle e cose meno belle. Sicuramente questo derby è stato un passo avanti rispetto a quello dello scorso anno. Per quanto ci riguarda, per stasera è veramente tutto: Giorgio Dusi e tutta la redazione di Vavel Italia vi ringraziano per l'attenzione.

22.49 - Per l'Inter nella ripresa molto meglio Kondogbia, autore di alcune ottime giocate in fase offensiva. Il fatto che Kucka sia calato notevolmente ha comunque aiutato e favorito i nerazzurri. La stanchezza non è stata d'aiuto a un Milan apparso troppo spesso confusionario in avanti. Meglio in difesa, e infatti il gol è stato un mezzo miracolo di Guarin.

22.46 - Eccolo qui il gol di Fredy Guarin che decide la gara.

22.43 - Solo un episodio poteva decidere la partita, ed è stato a favore dell'Inter. Tantissimo equilibrio in campo, come anche nel primo tempo. Di fatto la gara è stata la stessa, Mihajlovic la stava cambiando inserendo Balotelli, l'ex di giornata ha colpito un palo e sfioratone un altro, risultando comunque tra i migliori in campo. Inter che porta a casa altri tre punti con il minimo scarto e vola a punteggio pieno, Milan che cade ancora in trasferta (ufficialmente era l'Inter in casa) e resta a una sola vittoria, quella con l'Empoli.

90+5' - FINISCE QUIIIIIIIII!!!!! FINISCE QUIIIIIIIIII!!!!!!!!!! VINCE L'INTERRRRRRRR!!!!! DECIDE LA RETE DI FREDY GUARIN!!!!!

90+4' - BONAVENTURA PRESSATO DA FUORI, PALLA LARGA!!! Non gli è scesa, punizione innocua quella battuta da Balotelli!!!

90+3' - Fallo di Telles sull'out di destra, punizione molto pericolosa, arrivano i saltatori!

90+3' - Icardi cerca il fallo invano, l'Inter deve soffrire nel finale! 

90+1' - Bonaventura con una preghiera dai 30 metri che finisce direttamente in curva, mancanza di lucidità. Ci sta, ha corso tantissimo l'ex Atalanta.

CINQUE MINUTI DI RECUPERO!!!!

89' - Ranocchia chiude su Luiz Adriano in area, sarà corner, ultimi assedi per i rossoneri!!!

88' - Squadre lunghe, Balotelli a terra da una parte senza fallo, dall'altra Icardi chiuso al limite dell'area!

87' - Cerca una rovesciata alla Pinilla il colombiano Murillo, palla colpita male che termina sul fondo.

86' - Kondogbia cresciuto negli ultimi minuti, prova a sfondare ma vien chiuso in corner da Zapata.

84' - Fermo anche Perisic, che lascia il campo a Ranocchia!! Si copre ora Mancini!!

82' - HANDANOVIC DECISIVO SULLA STAFFILATA DI BALOTELLI, PUNIZIONE PERFETTA DEL 45, RIMBALZA ANCHE A TERRA MA IL PORTIERE SLOVENO PRONTISSIMO LA DEVIA!!!

81' - Storie tese tra Guarin e Balotelli, non fa una piega l'ex Liverpool. Occhio alla punizione ai quasi 35 metri, intanto Cerci rileva Honda.  

78' - BALOTELLI MAMMA MIA CHE PALO PRENDE!!!!! SI LIBERA DEL MARCATORE AI 25 METRI E CALCIA SUBITO COL DESTRO, PALLA CHE RIMBALZA E INCOCCIA SUL PALO ESTERNO!! CHE GIOCATA DI BALO, CHE MERITEREBBE IL GOL!!!

78' - Rientra invece in campo Felipe Melo.

76' - Si ferma Felipe Melo, soccorso dallo staff medico nerazzurro a centrocampo. Sta in piedi, ma non sembra in grado di proseguire.

75' - MAMMA MIA!!! Balotelli doppio dribbling e palla bassa in mezzo, Telles rischia parecchio l'autogol anche con una qual certa precisione col sinistro!!! Solo corner però!!!!

72' - Un cambio per parte: Palacio per Jovetic nell'Inter, Poli per Kucka nel Milan.

71' - ICARDI SI MANGIA IL RADDOPPIO!!!! Attacca benissimo il primo palo, di testa si tuffa ma non trova la porta sul cross di Santon!! Ha deviato Abate ma non è stata vista. E a proposito di sviste, graziato Felipe Melo per un fallo di mano plateale a centrocampo... E il brasiliano è ammonito.

70' - MURILLO!!!! Palla dentro per Honda che lo manda inizialmente fuori tempo con una finta, poi recupera e chiude in corner!!

69' - Tiro-cross di Jovetic, non la tocca nessuno e Diego Lopez ci arriva.

68' - Eccolo qui il cambio: fuori Juan Jesus, dentro Alex Telles! 

67' - Intanto problemi grossi per Juan Jesus che sembra essersi fatto davvero molto male e addiritura sta uscendo in barella. Pronto Telles, ma anche Palacio.

66' - Fallo di Kucka, che appare molto stanco, su Juan Jesus. Giallo anche per lui.

65' - Perfetta uscita di Handanovic sulla testa di due giocatori del Milan.

64' - Si scaldano gli animi per un fallo duro di Felipe Melo su Balotelli. Giallo per il brasiliano.

62' - PERICOLO!!! Balo batte la punizione tagliata sul secondo palo, Kucka di testa la prolunga e Luiz Adriano di un nulla non ci arriva!!!

62' - Cambio a mio parere clamoroso per il Milan: fuori Bacca, dentro Mario Balotelli. Interessante inserimento del Balo, entrato tra i fischi, ma perchè fuori Bacca? Vediamo...

61' - Juan Jesus tira giù Adriano col braccio, sul suo out dell'area di rigore. Attenzione alla punizione.

58' - FREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEDYYYYY GUAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAARINNNNNNN!!!! INTER IN VANTAGGIO, INTER IN VANTAGGIO!!!!!!!! IL GUARO!!!!! SINISTRO A GIRO PERFETTO DAL LIMITE DELL'AREA DOPO UNA BUONA PERCUSSIONE, SPLENDIDA GIOCATA DEL COLOMBIANO!!! Tutto partito da quel disimpegno difficilissimo e rischioso!!!! INTER AVANTI, 1-0!!!

57' - Mamma mia quanto rischiano Kondogbia e Medel in disimpegno, se la cava in qualche modo l'Inter!!

56' - Stacca ancora Guarin sul corner, palla stavolta molto alta.

55' - DIEGO LOPEZ IN CORNER!!! Cross di Perisic dal fondo, Guarin prende il tempo a De Sciglio sul secondo palo ma la schiaccia a terra e Lopez riesce ad alzarla sopra la traversa, forse anche con una deviazione di Zapata!!

54' - Mini-assedio di tre minuti del Milan, gioca bene ma come al solito non riesce a concludere pericolosamente con l'Inter chiusa dietro.

51' - Progressione di Kondogbia interessante, ma poi al limite si ferma e tocca lateralmente per Jovetic. Poteva provarci il francese.

51' - Scarico di Bacca da dentro l'area, destro di Montolivo da fuori: largo!

50' - SUPER ROMAGNOLI!!! Diego Lopez fa una FOLLIA e aspetta a rilanciare: pressato da Icardi, la passa a Jovetic che si accentra e al limite prova il tiro, ma il centrale ex Roma e Samp mura la conclusione in maniera perfetta!!! Bravissimo anche Zapata a ritardare il tiro dell'avversario.

48' - Non grande qualità in quest'avvio di ripresa. Tanti errori, poche occasioni e nessun affondo degno di nota.  

21.49 -  E SI VA!!! COMINCIA IL SECONDO TEMPO A MILANO!!!!

21.48 - Confermo, nessun cambio. Si risistemano le squadre in campo.

21.45 - Rientrano in campo le squadre, non sembrano esserci cambi almeno dall'inizio.

21.40 - Per quanto riguarda il Milan, buona la prova offerta da Kucka, che ha veramente ammutolito un Kondogbia che ha faticato parecchio a contenerlo, oltre che a proporsi in fase offensiva. Meno bene Luiz Adriano, bravo a muoversi ma meno a realizzare. Ancora tutto da verificare Perisic, non entrato in partita nella prima frazione di gioco.

21.36 - Beh, che dire, era lecito aspettarsi molto di più, ma viste le precedenti uscite delle due squadre non ci sono grosse sorprese. I problemi delle due squadre sono sotto gli occhi: il Milan tira troppo poco e solo una volta è stato veramente pericoloso con una conclusione, quella dopo tre minuti su regalo di Murillo. Però ha comunque creato qualcosa in più dell'Inter, che senza Jovetic sarebbe davvero persa. Molto male il centrocampo, che ha subito troppo l'iniziativa rossonera, difesa a sprazzi. Da salvare anche la prestazione di Juan Jesus da terzino.

21.32 - E FINISCE QUI IL PRIMO TEMPO!!! 0-0 A SAN SIRO, RISULTATO GIUSTO!!!

45+1' DIEGO LOPEZ SALVA IL MILAN NEL RECUPERO!!!! JOVETIC METTE ICARDI IN PORTA CON UN GRAN PALLONE, SINISTRO PIU' PRECISO CHE PIAZZATO DELL'ARGENTINO CHE SI VEDE DI FRONTE IL GIGANTE SPAGNOLO IN USCITA, CHE COL PIEDONE LA RESPINGE!!!! 

UNO DI RECUPERO!!!

44' - Azione in velocità in contropiede per l'Inter, Guarin conduce e apre per Icardi che potrebbe concludere, ma Romagnoli lo mura.

43' - Diego Lopez sicuro!! Punizione tagliata da posizione centrale deviata appena da Guarin, presa sicura del portiere spagnolo.

42' - Giallo per Honda che prende in pieno il pallone, poi sullo slancio colpisce anche il giocatore. Fallo sì, ma giallo eccessivo.

41' - Bell'uscita palla al piede di Juan Jesus dopo una grande azione difensiva, poi Montolivo ostruisce la sua corsa!! Molto, molto bene il centrale, schierato oggi da terzino sinistro.

39' - JOVETIC A LATO DI UN NULLA!!! Segnale di vita dell'Inter, veramente poca roba in attacco in questo primo tempo: il montenegrino prova a svegliare i suoi con un sinistro dal limite in diagonale che sfiora il palo!!

39' - Super Juan Jesus su Kucka stavolta!! Il duello si ripropone in area con lo slovacco che prova a sterzare andando sul sinistro, perfetta chiusura del terzino nerazzurro.

37' - Giallo per Juan Jesus, ancora una volta saltato netto da Juraj Kucka sulla destra. Eccellente la sua partita per ora. 

34' - Fallo di mano di Luiz Adriano su un lancio immediato di De Sciglio! Ma era andato via ancora da solo il brasiliano... Poi il tocco con la mano c'è ma è totalmente involontario, la palla gli rimbalza sul braccio...

33' - Pestone molto furbo di Felipe Melo su Bacca, il colombiano resta a terra un attimo prima di rialzarsi zoppicando.

32' - Jovetic stava andando via ma a un certo punto al limite dell'area è caduto da solo. Fallo di mano e punizione per il Milan. Siparietto simpatico. Ovviamente nessun problema per Jojo.

31' - BUON SINISTRO DI HONDA!! Ancora Kucka lavora bene il pallone sulla destra, tocco al limite per il giapponese che cerca il primo palo, Handanovic si allunga per prenderla!

30' - De Sciglio ha spazio per accentrarsi, sceglie di calciare ma senza ottimi risultati. Palla larga e controllata da Handanovic.

29' - Problemi intanto per Juan Jesus, soccorso dallo staff medico. Non dovrebbe esser nulla di grave.

28' - Ancora un'idea di Bonaventura per Bacca, che si muove molto bene. Medel ci mette la testa, poi Handanovic fa suo il secondo tentativo di lancio. 

26' - CHIUDE DE SCIGLIO SU ROMAGNOLI!!! Percussione palla al piede di Jovetic, il gioco viene aperto da Perisic su Guarin, conclusione deviata in corner dal terzino che ha buon senso della posizione.

23' - Buona partita di Montolivo da vertice basso intanto, la squadra sale bene: ci prova Kucka ad allungare, ma la controlla male e Jesus lo ferma.

22' - La punizione non frutta nulla, l'Inter riparte con Jovetic: Abate lo ferma trattenendolo, giallo ben speso.

21' - Punizione molto pericolosa per il Milan, pallone che sarà scodellato al centro dalla trequarti sinistra. 

17' - COSA SALVA JUAN JESUS!!!! COSA SALVA!!! MURILLO E MEDEL TOTALMENTE FUORI CONTROLLO, BONAVENTURA LA METTE BASSA E TAGLIATA ALLE SPALLE DEI DIFENSORI PER LUIZ ADRIANO CHE ENTRA IN AREA ED E' TROPPO LENTO NELLA CONCLUSIONE, IL BRASILIANO FA LA DIAGONALRE E CHIUDE!!! Male Luiz Adriano, ma bene Juan Jesus!!

16' - Malinteso tra Murillo e Handanovic, il difensore ha spazzato col portiere fuori dai pali: Bonaventura ha provato a sorprender tutti col destro, ma era davvero impossibile. E infatti non ha preso la porta.

15' - Honda prova il destro da fuori, non è il suo piede e si vede. Palla più che larga.

14' - Buon numero di Kucka in area!! Azione poi sventata dalla difesa, ma bene lo slovacco!!

13' - Non riesce la girata al volo a Icardi sul cross di Perisic, giocata difficilissima cercata dall'argentino, che si trovava sul primo palo. 

10' - Perisic cerca un destro al volo quasi impossibile, palla in curva. Una buona trama dei nerazzurri però in avanti.

9' - Due cross di Honda, il primo messo fuori e il secondo preda di Handanovic. Si cercava Bacca a centro area, con esigui risultati però. Meglio il Milan in queste prime battute, che ora alza il pressing.

7' - Buona intesa tra Bacca e Luiz Adriano, ancora il Colombiano viene indietro mentre il brasiliano attacca la profondità, poi il suo destro da posizione defilata sul lancio del compagno d'attacco è alto. Non bene la difesa dell'Inter.

5' - Jovetic!!! Destro da fuori senza pensarci, palla che sfiora solo il primo palo con Diego Lopez in controllo!!

3' - HANDANOVICCCCC!!!!!! SUBITO!!! MURILLO UN FOLLE, PROVA A IMPOSTARE MA COLPISCE IN PIENO BACCA CHE RIPARTE, POI SERVE COL FILTRANTE IL TAGLIO DI LUIZ ADRIANO IN AREA SULL'INCROCIO, IL PORTIERE SLOVENO ESCE E RESPINGE COL CORPO IL DESTRO DEL BRASILIANO!!! OCCASIONISSIMA, MA FOLLIA DI MURILLO!!

2' - Tanta aggressività, ma pochissima tecnica in quest'avvio di gara.

20.46 - FISCHIA GIANLUCA ROCCHI, COMINCIA IL DERBY DI MILANO NUMERO 215!!!!! PRIMO PALLONE PER L'INTER!!!

20.44 - Scambio di gagliardetti, strette di mano tra i giocatori, è davvero tutto pronto a San Siro.

20.42 - SQUADRE IN CAMPO!!! Le coreografie delle due curve sempre da brividi...

20.35 - In campo le leggende nerazzurre stanno raccogliendo le targhe a loro dedicate, tra poco però toccherà all'Inter di oggi contro il Milan... 10 minuti al fischio d'inizio!!!

20.30 - Parole (poche) anche di Maurito Icardi, che torna titolare: "Vogliamo i 3 punti. La società ha fatto grandi investimenti in estate, ora tocca a noi. Primo Derby di Milano da capitano? Sì, ma tutti devono essere responsabili come il capitano". Icardi non ha mai segnato al Milan.

20.25 - Diego Lopez chiarissimo nel pre-partita: "Dobbiamo fare una partita da vero Milan, non mi piace parlare del passato ma penso rimanga qualcosa in testa in spogliatoio, basta con le parole, dobbiam mostrare quel che sappiam fare in campo".

20.20 - La composizione della panchina nerazzurra:

Carrizo, Montoya, D'Ambrosio, Ranocchia, Nagatomo, Alex Telles, Gnokouri, Brozovic, Biabiany, Ljajic, Manaj, Palacio. 

20.15 - Sarà come sempre una sfilata di stelle in tribuna. Poco fa è arrivato Andriy Shevchenko, passato ai microfoni di Sky Sport: la sua scommessa è Luiz Adriano...

20.10 - Incontri tutti brasiliani a bordocampo...

20.05 - I Rossoneri sono anche passati sul terreno di gioco per testare il manto erboso di San Siro...

20.00 - Ecco la composizione della panchina rossonera: 

​Abbiati, Donnarumma, Alex, Calabria, Rodrigo Ely, Mexes, Poli, De Jong, Nocerino, Suso, Balotelli, Cerci.

19.55 - Nessuna novità nemmeno dall'altra parte, nell'undici del Milan. In difesa confermati Romagnoli e Zapata, l'indisponibile Antonelli viene sostituito da Abate, che va a destra con De Sciglio a sinistra. Panchina per De Jong in mezzo al campo, Montolivo titolare con Bonaventura e Kucka ai suoi lati. Davanti il tridente atteso: Honda, Luiz Adriano e Bacca.

(4-3-1-2): Diego Lopez; Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Bonaventura, Montolivo, Kucka; Honda; Bacca, Luiz Adriano. All.: Mihajlovic.

19.50 - Giungono le FORMAZIONI UFFICIALI!!! Partiamo da chi stasera gioca almeno ufficialmente in casa, ovvero l'Inter. Come annunciato, Miranda non è a disposizione e per sostituirlo Mancini decide di arretrare Medel, inserendo Felipe Melo in un centrocampo molto muscolare ma poco tecnico con Guarin e Kondogbia. Panchina per Telles invece, parte Juan Jesus dal primo minuto. Confermato il tridente con Perisic, Icardi e Jovetic.

(4-3-3) Handanovic; Santon, Medel, Murillo, Juan Jesus; Guarin, Felipe Melo, Kondogbia; Perisic, Icardi, Jovetic. All.: Mancini.

Buonasera a tutti, amici appassionati di calcio e non. Stasera è una grande sera, perchè all'ombra della Madonnina, delle guglie del duomo, all'ombra dei palazzi della città di Milano si gioca il derby. Inter Milan in campo per la gara valevole per la terza giornata del campionato di Serie A 2015/16. Momenti diversi, stesso obiettivo: vincere. Da Giorgio Dusi e da tutta la redazione di Vavel Italia, un augurio di buon calcio con noi.

Facciamo il punto su quanto abbiamo visto in questa giornata prima di parlare di calcio, partendo dalle tre gare di ieri. Se nelle gare delle 18 non ci sono state novità o risultati clamorosi, lo stesso non si può dire per la sera: la Juventus non riesce a vincere e deve accontentarsi del pareggio in casa col Chievo. Ecco il punto della giornata:

QUI INTER

Archiviati i primi sei punti stagionali, ottenuti contro le non irresistibili Atalanta e Carpi, per l'Inter di Mancini è arrivato il momento di testare le proprie ambizioni nella partita più affascinante della stagione, il derby contro i cugini del Milan. Con una squadra rivoluzionata rispetto alla scorsa stagione, Mancini, accontentato in tutto e per tutto da Erick Thohir, sa che non ci sono più alibi. L'assenza dalle coppe europee dovrebbe incidere di più a stagione in corso, infatti una sola partita a settimana consentirà di lavorare con più tranquillità.

Tuttavia, se i nerazzurri non dovessero riuscire a centrare l'obiettivo Champions League, difficilmente i pezzi pregiati della rosa potrebbero essere trattenuti la prossima estate. Ecco perché il derby di questa sera, nonostante sia solo alla terza giornata, può essere utile per capire quanto i nerazzurri possano stare nelle prime posizioni di classifica. Anche perché di fronte ci sarà una squadra con la stessa voglia di riscatto, e guidata da un tecnico, Sinisa Mihajlovic, poco avvezzo ai fallimenti e che già ha richiamato all'ordine la squadra, rea di scarso impegno.

Dal 2-1 di Modena è cambiato tanto: Hernanes ha salutato per accasarsi nella Torino bianconera, ma sempre nell'ultimo giorno di mercato la coppia Ausilio-Fassone ha regalato a Mancini quattro innesti di qualità. Il buco a sinistra è stato coperto con Alex Telles, terzino del Galatasaray. Sempre dalla Turchia è sbarcato il fedelissimo Felipe Melo, che nelle intenzioni del Mancio dovrebbe garantire ordine, muscoli e personalità in mezzo al campo. Il reparto avanzato, invece, stato impreziosito con Ivan Perisic e con la sorpresa Adem Ljajic. Per questo l'Inter di domani sarà diversa, non solo dal punto di vista delle motivazioni, rispetto alla squadra delle ultime uscite.

Il vero nodo da sciogliere sarà la presenza o meno di Miranda al centro della difesa, a causa di un problema al collaterale rimediato in nazionale. In caso di forfait, e comunque fino all'ultimo si tenterà un recupero del brasiliano, pronto Medel, in vantaggio su Ranocchia, ad arretrare di fianco a Murillo. Sugli esterni, invece, dovrebbe essere confermata la coppia delle ultime due uscite formata da Santon (sulla destra) e Juan Jesus (sulla sinistra), con quest'ultimo in vantaggio su Telles. A centrocampo spazio subito a Felipe Melo, che dovrebbe schierarsi da centrale con Kondogbia sulla sinistra e Guarin (in vantaggio su Brozovic) ad agire sulla destra. Davanti invece spazio al tridente costituito da Perisic, Jovetic e Icardi, che ha smaltito completamente l'infortunio e si prepara al primo derby da capitano nerazzurro.

Inter (4-3-3): Handanovic, Santon, Murillo, Miranda (Medel), Juan Jesus, Guarin, Felipe Melo, Kondogbia, Perisic, Icardi, Jovetic. All. Mancini.

QUI MILAN

Sinisa Mihajlovic aveva cominciato a pensarci nei giorni scorsi e alla fine il dubbio è diventato certezza. Riccardo Montolivo sarà titolare nel derby di questa sera contro l'Inter di Roberto Mancini. Con lui Bonaventura e Kucka a centrocampo, con Honda che ritrova un posto da trequartista. Chi resta in panchina è Nigel De Jong. Per molti sono i rossoneri i favoriti per il derby di questa sera anche se a vedere le prime due gare di campionato qualche dubbio non può che sorgere spontaneo. Mihajlovic si interessa il giusto di queste questioni e anzi se ne esce con una battuta: "Loro dicono che siamo noi favoriti e siccome sono loro amico farò di tutto per fargli azzeccare il pronostico". 

In ogni caso per il Milan sarebbe una notevole spinta psicologica portare a casa questa partita. L'Inter verrebbe riagganciata in classifica e magari qualche malumore e critica potrebbe presto essere solo un ricordo. Formazione che sembra definita. Detto delle sorprese a centrocampo, per il resto tutto confermato. Diego Lopez, Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio, Bacca e Luiz Adriano gli altri che completeranno l'undici iniziale che comincerà la partita contro i nerazzurri. Attesa anche per il possibile inserimento a gara in corso di Mario Balotelli.

Mihajlovic intanto prova a caricare la squadra così: "Vincere il derby dà grande entusiasmo, ma vale sempre tre punti. La prepariamo come tutte le altre partite, sappiamo che sarebbe una grande gioia vincerlo o una brutta cosa se perdiamo, ma siamo solo alla terza giornata e ci sono ancora tante partite. Dobbiamo giocare con serenità, mettendo in campo quello che abbiamo preparato." 

Per ora la classifica vede i rossoneri a quota 3 punti, frutto di una vittoria e una sconfitta: alla prima giornata una grande Fiorentina aveva messo in luce tutte le lacune della squadra di Mihajlovic, poi confermate con l'Empoli, anche se in questo caso è arrivata una vittoria, frutto di due tiri in porta e due gol della nuova coppia d'attacco. In ogni caso c'è molto da lavorare per la squadra rossonera, ancora decisamente indietro, come sottolineato anche dal tecnico in conferenza stampa.

Milan (4-3-1-2)Diego Lopez, Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio, Bonaventura, Montolivo, Kucka, Honda, Bacca, Luiz Adriano. All. Mihajlovic

LE PAROLE DELLA VIGILIA - MANCINI

Tiene banco il caso Miranda in casa Inter: Roberto Mancini, intervenuto in conferenza stampa, l'ha risolto con queste parole. "Domani mattina vedremo, valuteremo questo pomeriggio le sue condizioni. Di certo non rischieremo. Non ci sono squadre in questo momento al top della condizione, tutte devono dare qualcosa in più. Tutti i giocatori sono abbastanza pronti, vedremo chi prenderà il posto di Miranda se non ce la farà".

Mancini limita, però, la portata dell'incontro. La Serie A è ai primi botti, impossibile tracciare una linea definita all'alba della terza giornata: "Vincere orrebbe dire avere più entusiasmo, dare continuità alle vittorie in campionato. Ma ai fini della classifica non cambierebbe assolutamente niente perché siamo alla terza giornata. Siamo convinti di poter fare un grande campionato al di là del risultato di domani. Difesa a 3? Non si può escludere niente nella vita, ma non credo. Icardi? Sta bene, ieri ha fatto tutto. La maggior parte dei nuovi giocatori conoscono bene il campionato, a parte Perisc e Telles. Medel? Ha tutto, ha grinta, ha qualità, sa giocare".

Sulla ristrutturazione in corso: "Inter e Milan in questo momento stanno crescendo di nuovo, e credo che in breve tempo arriveranno al top. Cercheremo di fare il massimo per dare una gioia ai nostri tifosi. Penso che il Milan sia un'ottima squadra. Ha quasi tutti Nazionali, Luiz Adriano e Bacca sono pericolosi. Ci sono diversi giocatori in grado di cambiare la partita, capaci di giocare a calcio. Telles è un giocatore giovane, quando l'ho preso io dal Gremio non aveva fatto tante partite. Ha passaporto italiano, potrebbe essere buono anche per la Nazionale. Assomiglia molto a Maxwell per me".

Occhi puntati soprattutto ai nuovi arrivati, quelli all'esordio assoluto: "Felipe Melo sta abbastanza bene fisicamente, pensavo di trovarlo peggio perché aveva giocato solo una partita, non aveva fatto la preparazione intera con il Galatasaray. Ha lavorato questi dieci giorni, vedremo se giocherà dall'inizio". Il capitano è Icardi. Perisic? Siamo convinti che possa essere un giocatore straordinario per l'Inter, ha iniziato il campionato a metà agosto, è in condizione. Ha giocato partite importanti negli ultimi anni. Può giocare ovunque, nasce attaccante. Può giocare attaccante, esterno, interno di centrocampo. Non ha difficoltà a fare questi ruoli. Domani vediamo, Jovetic è arrivato ieri e ha fatto un allenamento blando. Aspettiamo domani mattina e prendiamo decisioni".

Chiusura dedicata ai tifosi: "Se fossi un tifoso dell'Inter vorrei solo vincere domani, in questo momento conta assolutamente questo. Il gioco e le altre cose vengono in seguito ai risultati. Ma credo che sia così per tutti gli interisti. Il derby di Milano per me è il primo, è sempre stato un derby in cui giocavano giocatori di grandissimo livello e ci si giocava importanti trofei. La nostra speranza è quella di riuscire a portare l'Inter di nuovo a quei livelli".

LE PAROLE DELLA VIGILIA - MIHAJLOVIC

Sinisa Mihajlovic è pronto a vivere il suo primo derby da allenatore del Milan. I rossoneri arrivano all'appuntamento carico di aspettative: il tecnico serbo, intervenuto in conferenza stampa da Milanello, lo sa e non si nasconde: "Il Milan ha una tifoseria esigente, abituata a vincere. Quando saremo una squadra coraggiosa, anche i nostri tifosi ci appoggeranno. Domani giochiamo fuori casa, ma chiedo ai nostri tifosi di sostenerci e dare coraggio alla squadra. Se giochiamo dietro e con la paura di sbagliare, facciamo vedere limiti che non vanno bene per una squadra ambiziosa. Dipende tutto da noi. I derby sono importanti e capisco che tutto questo fornisce autostima, ma resta comunque un match da 3 punti. In questo momento è la gara più importante, così come la settimana prossima sarà quella contro il Palermo. Domani testa libera e coraggio, mettendo in pratica quello che abbiamo preparato in questi allenamenti".

L'avversario è attualmente capolista, due vittorie in due partite firmate tutte da Stevan Jovetic. Ma in questo tipo di gare non contano i punti, e nemmeno i risultati e la forma: "Non ho visto grandi match da parte dell'Inter sino adesso. Il derby è una gara strana, ma nessuna delle due squadra sta giocando ai livelli che si aspettano. Noi abbiamo cambiato molto e so che ci vuole tempo. Noi non possiamo pensare che abbiamo tempo e dobbiamo moltiplicare le forze. Il Derby è una partita perfetta per sbloccarsi. Forse è la più difficile, ma deve essere vissuta in questa maniera. Chi vince è contento, chi perde magari viene preso in giro. Sappiamo adattarci a tutti. Il derby è derby, non c'è molto altro da dire".

Ma come arriva il Milan alla stracittadina? "E' difficile fare peggio come contro l'Empoli. I miei modi possono sembrare bruschi, ma dico quello che penso e non mi accontento. Il Milan da 3 anni fatica e noi dobbiamo riabituarci a pretendere di più da noi stessi. Prima lo faremo e prima torneranno i risultati. Penso che tutte le gare che abbiamo fatto sino adesso, per come abbiamo corso e intensità, non siamo stati inferiori. Bisogna correre con più qualità, ma i ragazzi stanno facendo un ottimo lavoro in allenamento. Quello che proviamo in allenamento ci riesce. Adesso deve riuscirci in casa. Non è facile levarsi di dosso anni difficili. Dobbiamo superare questo blocco mentale, perchè le qualità e la voglia, ci sono. La gara di domani potrebbe essere quella giusta per sbloccarci."

Capitolo formazione: "Ho dei dubbi ancora sulla formazione. Non ci sono moduli che fanno vincere o perdere partite. So che Montolivo può fare la mezz'ala, ma so che fornisce il meglio davanti alla difesa. Idem per Nigel De Jong. Ognuno vede il calcio alla sua maniera. Noi dobbiamo avere sempre un sistema di gioco alternativo. Sinora non ci siamo ancora riusciti, ma abbiamo delle idee da usare durante la partita. Abbiamo grandi attaccanti da sfruttare, centrocampisti bravi e il Milan in campo deve avere sempre in campo una squadra offensiva, ma deve giocare anche in maniera offensiva. Anche domani, al di là della formazione, il derby si vince con tutti. Ognuno deve sentirsi importante e determinante, anche giocando pochi minuti in una gara.  Balotelli sta bene fisicamente".

Mihajlovic domani sera ritroverà da avversario l'amico e compagno di mille battaglie Roberto Mancini"Quando parlo con Mancini, non parliamo quasi mai di calcio. Lui e Stankovic hanno detto che siamo favoriti, mi pare una bella gufata. Siccome sono loro amico, cercherò di fargli azzeccare il loro pronostico. Con Mancini siamo amici da vent'anni fa. Mi fa sempre piacere vederlo, ma mi fa piacere quando riesco a vincere. Sono riconoscente nei suoi confronti. Domani saremo avversari per 90 minuti e poi se ne riparla dopo altri mesi".

LE PAROLE DELLA VIGILIA - DE JONG E MONTOLIVO

A poche ore dal derby di Milano tra Inter e Milan, sono intervenuti in conferenza stampa assieme a Sinisa Mihajlovic, Riccardo Montolivo e Nigel De Jong. Il capitano rossonero è pronto per questa importante partita: "Cerchiamo di mettere in difficoltà il mister nelle scelte, ma la cosa più importante è regalare una gioia ai tifosi. Un anno e mezzo fa la mia carriera si è fermata e vorrei ripartire. Non devo avere fretta e lavorare la settimana come tutti gli altri. Devo farmi trovare pronto. Domani è una gara importante per tutti. Dal punto di vista psicologico può darci una spinta in più, ma siamo comunque alla terza giornata. Quindi dobbiamo essere sereni e spensierati".

Utilizzato con il contagocce, l'ex Fiorentina spera di rilanciarsi proprio nel derby: "Il mio impegno è sempre massimo e cerco sempre di mettere in difficoltà il mister. Io so che perfettamente che il mister fa le scelte in funzione del bene della squadra. Sono molto sereno, cercherò sempre di farmi trovare pronto quando mi chiamerà a giocare. Devo solo pensare a fare bene con i miei compagni. Io conosco il mister forse meglio degli altri. Non sono stupito del suo modo di comunicare. La squadra accetta serenamente quello che dice il mister alla stampa, perchè lo dice prima a noi negli spogliatoi. Ci dispiace leggere di certe cose sulla stampa. Sono informazioni sbagliate che si danno anche ai lettori. La squadra è compatta con il suo allenatore. Mi è già capitato di affrontare Felipe Melo e poi ci sono anche Jovetic e Ljajic. Si conosce il loro valore."

Il centrocampista olandese ha parlato della sfida all'Inter di domani sera, lui che tra l'altro ha deciso l'ultimo derby vinto dai rossoneri con un gran colpo di testa: "Il gol del maggio 2014 è stata una bella emozione ed è sempre bello segnare all'Inter. E' il ricordo più bello che ho. Domani sono importanti i 3 punti, non chi fa gol. Io non so chi giocherà domani. Il sistema lo conosciamo. Le scelte dell'allenatore le vedremo domani. Alla fine noi dobbiamo lavorare in allenamento e poi vedremo chi giocherà".

I PRECEDENTI

Atto numero 215 del derby, uno dei più equilibrati a livello storico, visto che l'Inter è sì in vantaggio, ma solamente di 2 vittorie: 76 a 74 il bilancio, con 64 pareggi. Anche in quanto a numero di gol siamo lì: 291 i nerazzurri, 287 i rossoneri. Gol che ultimamente stanno mancando, perchè nelle ultime tre stagioni non si è mai andati oltre le due reti per partita. Lo scorso anno addirittura uscirono due pareggi, 1-1 all'andata e 0-0 al ritorno, probabilmente quello del ritorno sarà ricordato come uno dei più brutti. Andiamo a rivederci quello d'andata: