Un lampo di Guarin regala il derby all'Inter

I neroazzurri vincono la stracittadina e volano in classifica, ma i rossoneri non sfigurano. Balotelli entra e colpisce un palo

Un lampo di Guarin regala il derby all'Inter
Inter
1 0
Milan
Inter : (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Medel, Murillo, Juan Jesus (23' st Alex Telles); Guarin, Felipe Melo, Kondogbia; Perisic (39' st Ranocchia); Icardi, Jovetic (27' st Palacio). A disp.: Carrizo, Montoya, D'Ambrosio, Nagatomo, Brozovic, Gnoukouri, Ljajic, Palacio, Biabiany, Manaj. All.: Mancini
Milan: 4-3-1-2): Diego Lopez; Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Bonaventura, Montolivo, Kucka (27' st Poli); Honda (36' st Cerci); Luiz Adriano, Bacca (17' st Balotelli). A disp.: Abbiati, Donnarumma, Calabria, Mexes, Ely, Alex, Suso, Poli, Nocerino, De Jong, Balotelli. All.: Mihajlovic
SCORE: 1-0 Guarin 57'
ARBITRO: Arbitro: Rocchi Ammoniti: Abate, Honda, Kucka (M); Juan Jesus, Felipe Melo (I) Espulsi: -

L'Inter vince il derby di Milano e vola in testa alla classifica. Buona prova dei neroazzurri, match deciso dal gol di Fredy Guarin al 57'. Milan pericoloso e di carattere, completamente diverso da quello delle prime due partite, ma che non riusce a pungere in attacco con il duo Bacca - Luiz Adriano. La squadra di Mancini, unica a punteggio pieno, si porta a 9 punti, capolista solitaria del campionato. La squadra di Mihajlovic resta a 3 punti.  Di positivo, però, c’è il ritorno di Super Mario Balotelli, apparso ritrovato.

Pronti e si parte in uno stadio pieno come non accadeva da tempo. Il Milan incomincia forte e sfiora il gol del vantaggio con Luiz Adriano lanciato da Bacca,  ma Handanovic salva in uscita. Sono i rossoneri a creare occasioni pericolose sempre con l'attaccante brasiliano, che prima da solo in area spedisce alto e poi vanifica uno splendido assist di Bonaventura facendosi recuperare da Juan Jesus. L'Inter prova a scuotersi con Jovetic dal limite che sfiora il palo di destro. La squadra di Mihajlovic gioca in maniera semplice, con i neroazzurri che provano a difendersi. Ma ad un soffio dall'intervallo è dell'Inter l'occasionissima per il vantaggio:  Jo-Jo serve Icardi che si trova tutto solo in area a tu per tu con Diego Lopez, ma l’estremo difensore rossonero in spaccata disperata dice di no all’attaccante argentino. 

L' Inter parte meglio nella ripresa e si rende subito pericolosa: Perisic crossa per Guarin che svetta più in alto di tutti, ma ancora una volta Diego Lopez si fa trovare pronto deviando in calcio d’angolo. Ma è il preludio al gol che arriva dopo una decina di minuti. Al 13' del secondo tempo la squadra di Mancini passa in vantaggio: l'azione nasce da un disimpegno al limite dell'imbarazzante tra Handanovic e Kondogbia, ma il Milan sorpreso si alza troppo e concede all'Inter la ripartenza con Guarin che si impossessa del pallone e taglia dalla trequarti verso il centro dell'area e con un bel sinistro spiazza Diego Lopez. Vantaggio Inter, che sfiora poco dopo il raddoppio con un colpo di testa ravvicinato di Icardi, su cui Abate ci mette una pezza. Il Milan accusa il gol subito: fa fatica a creare e Mihajlovic decide di lanciare Balotelli. I rossoneri reagiscono con l'ingresso in campo di SuperMario che colpisce un palo al 78. Ma è sempre Balotelli a provare ad agguantare il pareggio: da distanza quasi impossibile, impegna il portiere neroazzurro con un destro carico d’effetto. Ma è l'ultimo brivido della partita: vince l’Inter, in testa alla Serie A, ora, c’è solo la squadra di Mancini. Il Milan esce a testa alta  in un derby in cui avrebbe meritato il pari.