Inter, affermazione di rimonta con il Real Salt Lake

La squadra di Mancini soffre in avvio l'impatto fisico dell'undici di casa e va sotto di una rete. D'Ambrosio trova il pari, decide Jovetic in pieno recupero.

Inter, affermazione di rimonta con il Real Salt Lake
Inter, affermazione di rimonta con il Real Salt Lake - Inter.it

Stevan Jovetic insacca, col tacco. Minuto 92, l'Inter passa in vantaggio. Vittoria di misura con il Real Salt Lake, la prima affermazione della compagine nerazzurra in questo avvio di stagione. Un sorriso utile a diradare le nubi attuali, ad alleviare la tensione. Qualche risposta importante, individuale e di squadra, un progresso significativo in vista di impegni più probanti. 

Il tecnico propone in avvio il rodato 4-4-2, con Miranda che torna a guidare il comparto di difesa. D'Ambrosio occupa la corsia, Melo compone con Kondogbia la diga di mezzo. Esterni alti Erkin e Biabiany, Palacio affianca Jovetic. L'Inter ha, fin dalle prime battute, il pallino del gioco. La manovra non è ancora fluida e il Real Salt Lake può chiudersi e ripartire, infilando la linea ospite. 

Il vantaggio al 18' porta la firma di Allen, con la collaborazione di una retroguardia disattenta. Angolo dalla destra, la palla cade nei pressi di Kondogbia, ma il centrocampista francese non riesce a liberare e apre la strada al tap-in comodo del giocatore di casa. Nulla può Handanovic. Sul finire del tempo, il pregevole pari nerazzurro. Erkin calcia un corner sul secondo palo, D'Ambrosio, tutto solo, si coordina al volo e incrocia col mancino all'angolo lungo. Splendida esecuzione, 1-1. 

L'intervallo muta in modo significativo l'Inter, Mancini varia interpreti e modulo. 4-2-3-1, Jovetic per Icardi, Nagatomo, Bessa e Zonta. D'Ambrosio si sposta dall'esterno alla zona centrale, Miranda, ancora a corto di preparazione, lascia il campo. L'Inter continua a creare, ma rischia talvolta di prestare il fianco. Handanovic - prima di cedere i pali a Carrizo - si oppone da fuoriclasse a Brody. Davanti, Jovetic si trova a meraviglia con Bakayoko, ma per due volte il montenegrino pecca al dunque. Prima non concretizza la chiamata del giovane compagno, poi sbatte sul legno. Al tramonto, Jojo trova però un gioiello che illumina la serata nerazzurra. Lancio dalla zona di metà campo, controllo con l'esterno a eludere il difensore e poi tacco a beffare il portiere. 2-1 e triplice fischio. 

Le reti dell'incontro:

IL TABELLINO — Real Salt Lake City 1-2 
MARCATORI: Allen (R) al 18', D'Ambrosio (I) al 42' p.t.; Jovetic (I) al 47' s.t.
INTER p.t. (4-4-2): Handanovic; D'Ambrosio, Ranocchia, Miranda, Ansaldi; Biabiany, Melo, Kondogbia, Erkin; Palacio, Icardi.
INTER s.t. (4-3-1-2): Handanovic (dall'11' s.t. Carrizo); Ansaldi (dall'11' s.t. Miangue), Ranocchia, D'Ambrosio, Nagatomo; Zonta, Melo (dal 23' s.t. Bakayoko), Kondogbia (dall'11' s.t. Gnoukouri, dal 36' s.t. Della Giovanna); Bessa; Palacio (dal 32' s.t. Pinamonti), Jovetic.