Inter, la ricerca del terzino è cominciata

Il nome più concreto per gennaio è quello di Vrsaljko. Le ipotesi Rodriguez e Barreca restano sullo sfondo, ma prima bisogna sfoltire la rosa.

Inter, la ricerca del terzino è cominciata
Sime Vrsaljko con la maglia dei Colchoneros, www.atleticodemadrid.com

Sistemato il centrocampo con l’arrivo di Roberto Gagliardini ed in attesa di piazzare gli esuberi, gli uomini mercato dell’Inter cercano soluzioni sugli esterni. È ipotizzabile che le vere e proprie trattative saranno poi intavolate in estate, ma Piero Ausilio ha già cominciato a sondare il terreno. Un nome che è già stato accostato all’Inter in passato è quello di Sime Vrsaljko. L’ex Sassuolo non sta trovando lo spazio che ci si aspettava in Spagna all’Atletico Madrid – 12 presenze tra tutte le competizioni – ed è alla ricerca di riscatto. Un fattore a favore dei nerazzurri potrebbe essere rappresentato dall’agente del terzino: infatti il procuratore del croato è Giuseppe Riso, con il quale la società milanese ha appena chiuso l’operazione Gagliardini. L’idea è quella di provare a convincere i Colchoneros, che hanno investito 16 milioni in estate, a far partire il calciatore già a gennaio in prestito, magari oneroso, con un diritto di riscatto. L’affare Vrsaljko è però subordinato ad una cessione nel ruolo, come Santon, Miangue o Nagatomo, e al momento su questo piano sembra tutto fermo.

Per il mercato estivo invece le ipotesi sono due, ossia Ricardo Rodriguez del Wolfsburg e Antonio Barreca del Torino, entrambi esterni sinistri. Il primo è un nome che ha cominciato a circolare già da qualche tempo, ma le difficoltà per raggiungere l’obiettivo sono diverse, a cominciare dalla folta concorrenza internazionale. Il club tedesco – di solito bottega cara – chiede poi per il cartellino dello svizzero classe ‘92 più di 20 milioni di euro, non lasciando spazio a soluzioni di prestito. Il terzino granata invece è spuntato nelle ultime ore e corrisponde alle caratteristiche su cui Suning ha deciso di puntare per costruire l’Inter, cioè profili italiani e giovani. Nato nel 1995 a Torino e cresciuto calcisticamente nel settore giovanile del Toro, Barreca si sta mettendo in luce in Serie A dopo le esperienze a Cittadella e Cagliari in cadetteria. Debutta contro l’Empoli alla quarta giornata in sostituzione dell’infortunato Molinaro e da lì in poi diventa intoccabile per Sinisa Mihajlovic.

Se dovessero concretizzarsi le operazioni di sfoltimento della rosa, Stefano Pioli potrebbe contare su un altro elemento di valore nella seconda metà di stagione.