Genoa-Inter, sfida numero 100 in Serie A

Domani al Ferraris la sfida numero 100 nella massima serie tra Genoa e Inter, due squadre in grande difficoltà nell'ultimo periodo.

Genoa-Inter, sfida numero 100 in Serie A
Genoa - Inter, sfida numero 100 in Serie A

La partita di domani è fondamentale sia per il Genoa sia per l'Inter: il grifone deve fare punti per scappare dalla zona retrocessione che si sta infiammando grazie alle ultime vittorie del Crotone; i nerazzurri vincendo possono sfruttare la sfida difficile dei cugini rossoneri, impegnati nel posticipo con la Roma, e agganciare il 6° posto, ultima piazza disponibile per entrare in Europa League. Sembra proprio fatto apposta, ma negli ultimi 3 anni Genoa-Inter è stata fatale per la squadra nerazzurra: 3 successi di fila per i rossoblu che hanno condannato l'Inter a salutare il massimo sogno europeo, due volte la Champions, una volta l'Europa League. L'Inter resta comunque ampiamente in vantaggio nel conto delle vittorie, 50 contro le 20 del Genoa; sono 29 invece i pareggi.

La prima sfida nel 1910

Il primo match tra le due squadre giocato a Marassi risale al lontano 3 Aprile 1910: il Genoa composto da una buona rosa riuscì a fermare per 4-0 l'Inter lanciata alla vittoria dello scudetto. A causa di quella sconfitta, i nerazzurri furono costretti a giocare lo spareggio con la Pro Vercelli - che giocò con una squadra composta da 15enni - per la vittoria finale del titolo, spareggio vinto con un netto 3-10 diventando campioni d'Italia per la prima volta.

L'Inter del 1909/1910 | Foto: Wikipedia
L'Inter del 1909/1910 | Foto: Wikipedia

L'assurdo 27 Marzo '83

Genoa a caccia di punti salvezza, l'Inter, eliminata da Coppa Uefa e Coppa Italia, a caccia di punti per tenere il passo del treno europeo. La situazione è la stessa nella quale ci troviamo noi oggi, ma stiamo parlando di una partita del 1983. La vigilia del match è caratterizzata dalla notizia di voler chiudere la partita con un pareggio per evitare problemi ad entrambe le squadre ma per favorire "eventuali affari". Tutto sembra andare per il verso giusto quando al 75' su calcio di rigore Iachini pareggia, dopo il gol del compagno di squadra Briaschi, le reti di Altobelli Bini. Ma al minuto 85' Salvatore Bagni riesce a trovare la rete del 2-3 che consegna la partita ai nerazzurri. Tutto normale fino al giorno dopo, quando si viene a sapere, grazie a due cronisti del quotidiano Il Giorno, del fatto che nessun compagno di squadra di Bagni andò ad abbracciarlo come di solito si fa dopo un gol, e che dopo la partita i giocatori nerazzurri persero un sacco di soldi a causa di quel gol. L'ombra del calcio-scommesse.

Manita nerazzurra nel 2009

Siamo all'inizio della stagione 09/10, la seconda di Mourinho sulla panchina dell'Inter, che si concluderà col Triplete. Nelle 7 giornate precedenti l'armata nerazzurra aveva portato a casa 16 punti sui 21 disponibili, arrivando a Genova dopo la vittoria per 2-1 sull'Udinese ma senza il duo d'attacco Milito-Eto'o. Nessun problema, ci pensano subito Cambiasso Balotelli che portano avanti l'Inter nei primi 31' di gioco. Con un Genoa in balia della squadra di Mourinho, Stankovic si inventa il gol dell'anno con un destro al volo da centrocampo sul rinvio sbagliato di Amelia. Vieira Maicon nella ripresa sanciscono lo 0-5 finale.

Lo scorso anno

La partita dello scorso anno ha spento definitivamente i sogni di Champions League per l'Inter di Mancini, che ha visto contemporaneamente anche la vittoria della Roma sul Torino. Un ottimo Genoa comandato da Gasperini, che ha quasi sempre fatto male alla sua ex Inter, riesce a strappare i tre punti col gol di testa al 32' della ripresa di De Maio, che fa sprofondare i tifosi nerazzurri. Inutile l'assalto finale interista, addirittura col rischio di subire il 2-0 con il sinistro di Ansaldi, adesso proprio all'Inter.

L'esultanza di De Maio per il gol della vittoria. | Foto: GenovaToday
L'esultanza di De Maio per il gol della vittoria. | Foto: GenovaToday