Serie A - Inter è un pareggio di rigore: a Verdi risponde Icardi

Prova poco convincente degli uomini di Spalletti. Partita dominata dal Bologna che per un paio di volte sfiora il doppio vantaggio, con l'indemoniato Verdi. Joao Mario ancora nell'ombra e gioco da rivedere.

Bologna
1 1
Inter
Bologna: BOLOGNA (4-3-3): 83 Mirante; 15 Mbaye, 3 Gonzalez, 18 Helander, 25 Masina; 16 Poli (dal 72' Taider), 5 Pulgar, 77 Donsah; 9 Verdi, 7 Petkovic, (dal 87' Okwonkwo) 14 Di Francesco (dal 74' Palacio) A disposizione: 1 Da Costa, 34 Ravaglia, 6 De Maio, 13 Brignani, 4 Krafth, 42 Frabotta, 12 Crisetig, 2 Nagy, 10 Destro. Allenatore: Donadoni.
Inter: INTER (4-2-3-1): 1 Handanovic; 33 D'Ambrosio, 37 Skriniar, 25 Miranda, 55 Nagatomo; 11 Vecino, 20 Borja Valero (dal 85' Gagliardini); 87 Candreva (dal 81' Brozovic), 10 Joao Mario (dal 49' Eder), 44 Perisic; 9 Icardi. A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 13 Ranocchia, 61 Vanheusden, 21 Santon, 29 Dalbert, 17 Karamoh,, 99 Pinamonti. Allenatore: Spalletti.
SCORE: 1-0, min. 32, Verdi. 1-1, min. 77', Icardi (R)
ARBITRO: Marco Di Bello (ITA) Ammoniti: Poli (min. 19'), Borja Valero (min. 28'), Donsah (min.43'), Petkovic (min. 77'), Eder (min. 85'), Nagatomo (min. 90+1').
NOTE: GARA VALIDA PER LA QUINTA GIORNATA DI SERIE A TIM 2017/2017. INCONTRO FRA BOLOGNA E INTER, STADIO DALL'ARA DI BOLOGNA

Partita difficile, complicata, in una parola "brutta" quella disputata dall'Inter nell'anticipo del turno infrasettimanale. Gli uomini di Spalletti sono messi in grossa difficoltà sul piano del gioco da Donadoni. Rossoblu che passano in vantaggio, meritatamente, con Verdi (uno dei migliori) e che "dominano" il primo tempo. Nella ripresa, complice il calo dei padroni di casa, cresce l'Inter che però non riesce a costruire nulla di "ordinato". Grazie però ad un episodio (intervento di Mbaye su Eder) capitan Icardi pareggia dal dischetto.

D'Ambrosio in azione l LaPresse

PRIMO TEMPO

Inizio in netta difficoltà per l'Inter, che, pressata alta, fa fatica ad iniziare le trame di gioco volute da Spalletti. Un Bologna pimpante, aggressivo che si fa vedere molte volte dalle parti di Handanovic sfiorando pure il palo con Verdi. Buon inizio per gli uomini di Donadoni, "imballato" per quelli di Spalletti che si affidano ai lanci lunghi per Icardi, senza troppo successo. Si provano ad affacciare i nerazzurri sfruttando le fasce, ma i cross finiscono nel "vuoto" dell'area di rigore. La prima rete la segna Verdi, il migliore dei suoi, con un tiro da fuori su cui il portiere sloveno non può fare nulla al 32'. Neroazzurri in sofferenza soprattutto sulla fascia destra e nei duelli nella zona mediana. Sussulto con Icardi nel finale che per pochi centimetri non arriva sull'assist dalla sinistra di Perisic.

Bologna quasi perfetto. Inter opaca e spenta, l'emblema sono i molti palloni persi da Joao Mario. Spalletti per nulla soddisfatto, dovrà trovare una soluzione per ribaltare il match.

Un Joao Mario poco incisivo questa sera l Ansa.it

SECONDO TEMPO

Spalletti cerca di sistemare la squadra sostituendo al 50' l'evanescente Joao Mario con Eder, per provare a scardinare la retroguardia rossoblu. Inter tenta di farsi vedere maggiormente dalle parti di Mirante, con i cross di Candreva ed una maggiore pressione sui portatori di palla del Bologna. Spalletti spinge perché i suoi premano sull'acceleratore, ma lo fanno in maniera disordinata, visto il leggero calo fisico degli uomini di Donadoni. Spingono i nerazzurri che al 77' trovano il pareggio con il capitano Icardi su rigore, decretato da Di Bello (confermato dal VAR) per fallo di Mbaye su Eder. Bologna che ora si chiude, Inter che fa leva sull'orgoglio per concludere al meglio questo match. Spalletti lancia nella mischia Brozovic al posto di Candreva per avere un po' di freschezza nel reparto avanzato. Brividi  per i nerazzurri sulla fine del tempo con il solito Verdi, che in coppia con Petkovic crea non pochi "grattacapi" alla retroguardia nerazzurra.

Ultimi 5' minuti di recupero con il Bologna che si affaccia nella metà campo rossoblu, e un'Inter che cerca l'ultimo arrembaggio senza un esito proficuo.

Una partita in cui la Beneamata ha sofferto per l'intera prima frazione di gioco. Poco concentrati, quasi assenti i giocatori hanno subito l'aggressività e la voglia degli uomini di Donadoni. Primo pareggio per i nerazzurri, che, per come si erano messe le cose, vale oro.