Solidità e cinismo per il quarto successo consecutivo

La Juventus di Max Allegri supera anche la Lazio e vede il titolo. Un atteggiamento apparentemente diverso, ma sempre efficace e vincente. La concorrenza, se esiste, sta a guardare.

Solidità e cinismo per il quarto successo consecutivo
Solidità e cinismo per il quarto successo consecutivo

Vince la Juventus, che novità. Impressiona. Non commette errori, anzi ti induce a commetterne per poi darti il colpo del ko. Contro una Lazio potenzialmente insidiosa per gioco e momento di forma, Buffon e compagni scelgono la sostanza.

La corazzata bianconera si avvicina a grandi passi verso il titolo, con alcuni 1 - 0 e con la consapevolezza della sua forza. Al momento nessuna squadra può fermarla. E non pensiamo solo al campionato italiano: alla luce dei risultati dei top club europei questa squadra è forse la più solida. Merito di una difesa impeccabile, precisa e abile nell'interpretare le diverse situazioni. Il ritorno di Barzagli rappresenta un toccasana per i bianconeri, che oltre a un centrocampo invidiabile schierano una retroguardia insuperabile.

Ci sono anche i meriti di Allegri. Contano sostanza e praticità, al bel gioco è giusto anteporre importanza dei tre punti, sempre. Così si arriva fino in fondo primi, senza affanni, con lo spazio per sbagliare qualcosina. Compattezza, solidità, forza fisica e mentale. Questa Juve ha mantenuto la mentalità di Conte con un pizzico di arroganza in più. Le possibili antagoniste, Roma, Lazio e Napoli, avranno ancora da lavorare per avvicinarsi alla perfezione.