Champions League, Barzagli avverte i suoi: "Dobbiamo fare una grande partita per passare il turno"

Andrea Barzagli, 34enne difensore della Juventus e della nazionale italiana, ha avvertito i suoi in vista del ritorno della semifinale di Champions League contro il Real Madrid, ricordando a tutti che i novanta minuti di mercoledì sera al Bernabeu saranno molto impegnativi, oltre che decisivi. Andiamo a scoprire cosa ha detto il campione del mondo del 2006 in merito al match di dopodomani.

Champions League, Barzagli avverte i suoi: "Dobbiamo fare una grande partita per passare il turno"
Champions League, Barzagli avverte i suoi: "Dobbiamo fare una grande partita per passare il turno"

A due giorni dalla semifinale di ritorno di Champions League tra Real Madrid e Juventus, Andrea Barzagli, difensore dei bianconeri e della nazionale italiana, ha parlato dell'incontro del Bernabeu, quello che potrebbe spalancare ai campioni d'Italia le porte della finale della competizione, che, quest'anno, si giocherà a Berlino, nello stesso stadio che lo ha visto alzare al cielo la coppa del mondo il 9 luglio del 2006.

IL MATCH DELL'ANNO - "Siamo molto concentrati per la partita di mercoledì, siamo consci della sua importanza. La prospettiva al Bernabeu è quella di giocarsela. Sappiamo tutti che è un ritorno di semifinale, il Real ce la metterà tutta. Vedremo se Kroos ce la farà o no, ma dobbiamo fare soprattutto noi una gran partita per poter passare".

POGBA IN CAMPO? - "Ho visto Paul come sempre: è ragazzo talmente giovane, con talmente tanta forza, che non ha bisogno di entrare in forma, nonostante sia stato fuori due mesi. Contro il Cagliari è stato un test importante, il mister poi deciderà per Madrid".

SOGNO FINALE - "Arrivare in finale sicuramente sarebbe un risultato fantastico, anche perché in pochi avrebbero puntato su una Juventus in semifinale. Ma ci siamo, i sogni sono belli e speriamo che prima o poi si avverino".

JUVENTUS TRA I TOP CLUB - "Il Barcellona impressiona sempre, ha il giocatore più forte del mondo e intorno una squadra di campionissimi. Proprio come Bayern, Real e Juventus. Già, perché così poi si è dimostrata anche la Juventus. Magari non ha tutti giocatori di livello come queste squadre, ma la squadra ha il suo peso e siamo arrivati qui per merito".