Alex Sandro, contro il Chievo scocca l'ora della freccia verdeoro

Data la squalifica di Evra, il terzino brasiliano debutterà nel campionato italiano sabato contro il Chievo Verona: potenza fisica, progressione e cross al servizio di Allegri.

Alex Sandro, contro il Chievo scocca l'ora della freccia verdeoro
Alex Sandro, contro il Chievo scocca l'ora della freccia verdeoro

Numero 12 sulle spalle, sguardo pietrificante ed una voglia matta di spaccare il mondo: Alex Sandro Lobo Silva è pronto a fare il suo esordio con la casacca bianconera nel prossimo match di Serie A. L'esterno ex Porto raccoglierà in eredità la fascia sinistra lasciata vuota da Evra, dopo il cartellino rosso di Roma, e con tutta probabilità diventerà lui il titolarissimo in quella posizione. In Portogallo era soprannominato "la moto", termine che si addice non poco alle sue qualità di instancabile macinatore di chilometri: la sua dedizione nelle due fasi, difensiva ed offensiva, l'attenzione nelle marcature (può migliorare molto) e la convinzione con cui intercetta i palloni (numero 1 nella scorsa Champions) lo rendono uno dei migliori in Europa nel suo ruolo. La Juventus ha speso molto per accaparrarselo, ben 26 milioni di euro al club di Pinto da Costa per un giocatore in scadenza di contratto. Investimento in cui crede tanto lo staff bianconero, soprattutto il ds Fabio Paratici, ammiratore datato di Sandro, che ha visionato da vicino in una decina di partite nella stagione passata.

Contro i clivensi, Massimiliano Allegri è intenzionato a riproporre il suo modulo di gioco preferito: il 4-3-1-2. In questa veste tattica, ovviamente, il giocatore di Catanduva ricoprirà la zona sinistra della difesa a quattro, ma potrebbe essere impiegato, qualora confermato, anche in un 3-5-2 sulla linea esterna dei centrocampisti. Buona duttilità e finalmente cross precisi per gli attaccanti: Morata sta già pregustando la comunione con il primo goal in campionato, anche Dybala potrebbe giovare dei palloni bassi del brasiliano. Cross da trasformare, anche e soprattutto per Mario Mandzukic, certamente titolare nella sfida di Champions League contro il Manchester City, prevista per martedì 15 settembre all'Etihad Stadium. Il calciatore croato dovrà scrollarsi di dosso il momento poco lucido sotto porta e in questo non può che aiutare il piede della nuova freccia bianconera, pronto al servizio del bomber numero 17. 

La sfida con i primi in classifica vedrà il ritorno in campo anche di Claudio Marchisio, e quindi di una regia vera e propria. Sulla trequarti sempre più conferme per l'altro brasiliano Hernanes, convincente nel test con la Cheraschese: ottimo feeling tra il profeta e "la moto", i due hanno mostrato buoni scambi e una bella intesa nella partitella. Tutto ciò gioverà senz'altro nell'inserimento nel campionato italiano, sempre e comunque, tatticamente parlando, il top in europa.

La probabile formazione con il Chievo Verona