Juve - Frosinone: promossi e bocciati

Le pagelle dei bianconeri: bene Lemina e Cuadrado, male Sturaro e il resto dell'attacco.

Juve - Frosinone: promossi e bocciati
Juve - Frosinone: promossi e bocciati

La Juventus è sempre più in crisi. Dopo le prime deludenti uscite allo Juventus Stadium contro Udinese e Chievo, i bianconeri regalano al Frosinone il primo punto del campionato. Diamo uno sguardo alle pagelle sponda Juventus.

Neto 5,5 - Non viene praticamente mai impegnato nel corso della partita. In occasione del gol del pari non è impeccabile nell'uscita.

Lichtsteiner 6 - Galoppa sulla fascia destra, aiuta in fase difensiva e si propone costantemente quando Cuadrado è in possesso della sfera. Purtroppo manca sempre la qualità nel cross. Nella ripresa lascierà il posto a Chiellini.

Barzagli 5,5 - Non una grande prestazione per il centrale bianconero. Messo più volte in difficoltà da Ciofani, non sembra garantire la solita sicurezza e tranquillità al reparto.

Bonucci 6,5 - Gioca una buona partita, sbaglia poco o nulla, partecipa come sempre alla costruzione della manovra.

Alex Sandro 6 - Rispetto alla partita contro il Chievo comincia il match con prudenza, evitando di scoprire eccessivamente la corsia sinistra. Con il passare dei minuti però prende coraggio e inizia a proporsi costantemente mettendo interessanti palloni in mezzo all'area.

Sturaro 5 - Sicuramente il peggiore dei tre centrocampisti. Praticamente nullo in fase di costruzione, crea problemi alla fluidità della manovra bianconera

Lemina 6,5 - Ieri uno dei migliori. Il francese è praticamente ovunque. Recupera palloni con costanza e aiuta in fase di costruzione.

Pogba 6 - Prestazione in fondo da sufficienza quella del francese: si rende più volte pericoloso dalla distanza, colpisce anche una clamorosa traversa di testa, ma i suoi leziosmi cominciano ad essere visti di cattivo occhio, soprattutto quando i risultati non arrivano. Per quelle che sono le sue qualità potrebbe fare molto di più per questa Juventus

Cuadrado 6,5 - Ancora una volta il migliore in campo. Ormai è un elemento fondamentale dell'undici titolare. Rapido e imprevedibile, salta l'uomo, crea superiorità e non disdegna il tiro da fuori. Prezioso anche in fase di non possesso.

Zaza 6 - Generoso come sempre, il gol su deviazione gli vale la sufficienza, ma se la Juventus ha bisogno di fare circa trenta tiri in porta per poter trovare una sola rete un motivo ci sarà.

Pereyra 5,5 - Non un'ottima prestazione per l'argentino che come al solito, per tornare al discorso fatto su Zaza, mostra delle gravissime lacune in fase di finalizzazione. 

Chiellini 6 - Entra nella ripresa per permettere ad Allegri di schierare la difesa a tre. Solita partita di grinta e concentrazione. Non sbaglia mai un intervento

Dybala 5,5 - Anche lui entra nella ripresa. La squadra trova il gol, ma la Juventus fa davvero troppa fatica per chiudere la partita, e alla fine costerà caro.

Hernanes 5 - Entra la minuto 77 per sostituire Zaza. Non ha il passo del trequartista, né l'ultimo passaggio. Garantisce semplicemente potenti tiri da fuori area, spesso pericolosi, ma mai abbastanza precisi da sfuggire ai portieri avversari.

Allegri 5 - La Juventus parte ancora una volta a rilento. Solite difficoltà nel costruire gioco e nel concretizzare le azioni offensive, soprattutto se si considera la caratura dell'avversario. Ogni azione finisce sui piedi di Cuadrado costretto a caricarsi sulle spalle l'intera squadra.