Evra: "Ieri non era la vera Juve. Il ritiro è meritato, stiamo sprecando una grande occasione"

Il terzino sinistro della Juventus ha commentato ai microfoni di Sky Sport la sconfitta rimediata ieri sera contro il Sassuolo e la scelta di restare in ritiro in quel di Vinovo fino al derby di sabato contro il Torino.

Evra: "Ieri non era la vera Juve. Il ritiro è meritato, stiamo sprecando una grande occasione"
Evra: "Ieri non era la vera Juve. Il ritiro è meritato, stiamo sprecando una grande occasione"

E' un Patrice Evra senza peli quello che ha analizzato ai microfoni di Sky Sport la situazione attuale della sua Juventus, reduce dopo la vittoria contro l'Atalanta da una scialba prestazione al Mapei Stadium contro il Sassuolo. La sconfitta ha riportato i bianconeri a undici punti dalla vetta, con Roma, Napoli e Fiorentina che sembrano viaggiare con un altro passo in vetta alla classifica. 

L'ex terzino sinistro del Manchester United ha così commentato la prestazione di ieri e la decisione di andare in ritiro presa dalla dirigenza: "Ieri non era la vera Juve. Non puoi fare una prestazione come quella di domenica scorsa contro l'Atalanta e fare un primo tempo del genere. Può darsi che certi giocatore non siano coscienti della situazione, responsabili. E' per questo che ci sarà il ritiro che ci siamo tutti meritati. Quando giochi per la Juve devi essere molto responsabile, cioè stare tutti insieme li non è che fa piacere, perché tutti abbiamo delle famiglie. Però nella vita ci sono delle cose più importanti. Io non sono un grande fan dell'andare in ritiro, però non sono neanche arrabbiato, se il mister e la società ritengono che questa è una cosa importante per aiutare a far capire che c'è una responsabilità quando giochi con la Juve. Almeno andiamo in ritiro finché il mister e la società decidono".

La rabbia e la frustrazione, tuttavia, devono trasformarsi in carica positiva in vista del derby di sabato pomeriggio: "Sono molto arrabbiato perché a me non piacciono le squadre che fanno lo Jojo, che vincono e che dopo perdono, questa non è la vera Juve. Il messaggio che c'è qualcuno che dirà che sono pazzo: io non voglio parlare del titolo. Però quando giochi per la Juve devi sempre credere di poter vincere il titolo tutti gli anni. In questo momento non è il momento di parlare del titolo, ma del derby di sabato contro il Torino. Però io ogni volta che mi alzo la mattina penso che può darsi che ho la fortuna di riuscire a vincere cinque volte di fila il campionato".

"Il messaggio che mando è questo: stiamo buttando un po' via questo traguardo che sarebbe storico e io il messaggio che mando ai miei compagni, lo dico a loro direttamente, non in televisione: è solo di rispettare questa maglia. Il primo tempo contro il Sassuolo non lo abbiamo fatto. Però è più facile parlare quando non giochi. Ma l'unica cosa che posso garantire e che sabato dal punto di vista dell'atteggiamento faremo una buona partita". 

In vista del derby, infine, il terzino francese parla del duello che si preannuncia molto ostico contro Bruno Peres: "Si sì complimenti ha fatto un gran gol. Ma l'anno scorso era la mia prima partita dopo 50 giorni che ero fermo. È un giocatore molto veloce e sul suo gol mi ricordo molto bene: io lo seguo e dopo rallento perché penso che Arturo (Vidal ndr) lo chiuda. Però Arturo se ne va e dopo ha fatto un grande gol. Complimenti a lui, però sabato non sarà l'Evra dell'anno scorso e potrò anche io accelerare".