Juve, l'obiettivo è Gundogan: respinti i 30 milioni, si alza l'offerta?

La dirigenza bianconera ha deciso di lanciarsi sul giocatore del Borussia Dortmund per rinforzarsi, potrebbe rinunciare anche a Simone Zaza per riuscire ad alzare l'offerta.

Juve, l'obiettivo è Gundogan: respinti i 30 milioni, si alza l'offerta?
Juve, l'obiettivo è Gundogan: respinti i 30 milioni, si alza l'offerta?

Sembrava essere stato un obiettivo accantonato, sembrava inarrivabile, il sogno di una notte d'inverno. Invece la Juventus ci crede fino in fondo e fino all'ultimo giorno di mercato proverà a portare a Torino il suo oggetto del desiderio, che risponde al nome di Ilkay Gundogan, il centrocampista di proprietà del Borussia Dortmund unanimamente indicato come il miglior rinforzo per il centrocampo di Massimiliano Allegri. Capacità di giocare da regista, da interno, ma anche da trequartista, così come in una mediana a due. In poche parole, dovunque il tecnico gli chieda.

Potrebbe anche essere questo uno dei motivi per cui la dirigenza della Juventus ha deciso di puntare forte su di lui, classe 1990 di origine turca ma tedesco a tutti gli effetti. Per lui i bianconeri hanno già formalizzato un paio di offerte, rispedite al mittente. L'ultima sembrava fosse intorno ai 30 milioni, probabilmente servirà senza dubbio qualcosa in più, anche perchè il valore del giocatore è già altissimo di suo, in aggiunta basti pensare che il Borussia non sembra intenzionato a privarsene, nonostante il giocatore sembrerebbe aver datto l'ok per un passaggio in bianconero, maglia con la quale giocherebbe la Champions League già da questa stagione, motivo per cui Gundogan viene preferito a Banega, che col Siviglia ha già giocato in Champions. Ovviamente non è l'unico.

Economicamente l'operazione è certamente molto dispendiosa, ma la società ha le idee chiare a riguardo e vuole fare un colpo importante a centrocampo, andando a inserire in rosa un giocatore che anche ad Allegri piace moltissimo. Per aumentare il budget potrebbe arrivare una cessione di un certo peso, e il primo nome sulla lista è quello di Simone Zaza. La società non vorrebbe privarsene, ma lui ha chiesto di andare via per poter giocare di più, aprendo dunque anche al prestito, in vista dell'Europeo di Francia 2016. Le offerte non gli mancano e arrivano dalla Premier, più prestiti con diritto di riscatto, formula che forse alla Juve non va bene: niente soldi subito, niente possibilità di riavere il proprio attaccante. Una cessione importante, per finanziare un arrivo ancora più importante. La Juve si muove.