Juve, Khedira out: come cambia la mediana?

Il tedesco è stato fondamentale nella risalita e sarà out sicuramente nel big match col Napoli e forse pure nell'andata degli ottavi di finale contro il Bayern: ecco tutte le possibilità per ovviare alla sua assenza.

Juve, Khedira out: come cambia la mediana?
Sami Khedira, 28 anni. Google.

"La Juventus mi ha ridato la voglia di giocare a calcio", è stato detto da Sami Khedira in un'intervista recente. Non mettiamo in dubbio questo: lo ha anche dimostrato sul campo, di avere voglia, spingendosi al limite della sua condizione fisica, alquanto precaria. Anzi, un pochino oltre: il bianconero ha riportato l'ennesimo infortunio che lo escluderà quasi sicuramente dal match contro il Napoli fra due giornate. La Juventus, allora, va alla ricerca di soluzioni, perchè sostituire un campione del mondo non è facile: un occhio va anche alla partita d'andata col Bayern Monaco in Champions League, la quale sarà probabilmente saltata dall'ex Real Madrid.

Le soluzioni nel centrocampo bianconero non mancano di certo: analizziamole tutte, partendo dall'immediato. Stasera la Juve scenderà in campo alle 20:45 contro il Genoa, e per sostituire Khedira dovrebbe giocare Sturaro dal 1'. L'ex Grifone (scherzo del destino?) garantisce sicuramente quantità anche agli stessi livelli del tedesco ma  dà meno certezze palla al piede, specie quando a pressarlo saranno gli uomini di Sarri che non le mandano assolutamente a dire. Bocciatura quindi? No, ma comunque schierarlo (vista anche la giovane età) in entrambi i big match sarebbe un rischio.

Altro tipo di giocatore è decisamente Hernanes: un suo inserimento potrebbe anche consentire un ritorno alla difesa a 4 con il brasiliano messo nella posizione di trequartista dove però non ha convinto; inoltre il cambio di modulo sarebbe un rischio troppo grande da correre sia contro i tedeschi del Bayern sia contro il Napoli. L'ex Inter e Lazio però ha tanta voglia di riscatto e le qualità non gli mancano, ma garantisce pochissimo in fase di copertura. E all'andata, contro i partenopei, regalò un gol ad Higuain. Neanche Hernanes da escludere quindi come soluzione per i big match, ma fino ad adesso non ha convinto ed è perciò difficile.

E infine i rientri: le incognite Pereyra e Lemina. L'argentino è stato fuori parecchio più del previsto ed è rientrato fra i convocati solo nell'ultimo match contro il Chievo, senza tra l'altro figurare in campo. Allegri lo ha più volte definito una "riserva importante che ci può aiutare parecchio": se l'argentino si riprenderà potrebbe magari figurare nello stesso ruolo di Khedira ma con caratteristiche diverse, rendendo il 3-5-2 un modulo molto più offensivo e correndo un rischio. Il naturalizzato francese ha invece ben figurato nelle poche occasioni che ha avuto: poi l'infortunio, ed è scomparso dai radar. E' rientrato nei convocati anche lui da poco e Allegri crede molto in lui. Staremo a vedere: è sicuramente il meno probabile fra i papabili. E allora chissà, le soluzioni per il mister toscano non mancano: quale sarà la migliore?