Torino-Juventus, le pagelle

Voti e giudizi sui protagonisti del derby della Mole, vinto dai bianconeri per 1-4

Torino-Juventus, le pagelle
L'esultanza dei bianconeri verso il settore ospiti al termine della partita

Proviamo a dare i numeri. No, non siamo pazzi, forse di calcio, ma cerchiamo di valutare le prestazioni dei protagonisti del derby della Mole, che ha visto la Juventus "matare" il Torino con un netto 1-4.

TORINO

Padelli 5 - Ancora giornata no per il numero uno granata, che parte in ritardo sulla pennellata di Pogba e esce male sul primo gol di Morata.

Maksimovic 5 – Si fa letteralmente incartare da Pogba in occasione del secondo gol di Morata, ma fa meglio dei compagni di reparto

Glik 4,5 - Ha mostrato ancora una volta di sentire troppo il derby. Molti falli, marcature sterili: Khedira e Morata non perdonano.

Moretti 4,5 – In panne quest'oggi l'esperto difensore granata, che esce in una avventura spericolata in occasione del gol di Khedira.

Peres 6,5 - Scompare e appare, ma quando lo fa si fa sentire e vince il duello con Alex Sandro, che non tiene visibilmente il suo ritmo da TAV.

Vives 5 – Non imposta, non copre. Cerca di mangiare il brodo con la forchetta e più che filtro di centrocampo funge da colino, perchè fa acqua da tutte le parti.

Acquah 5,5 - Assieme a Benassi quantomeno si è cimentato nel tentativo di bloccare lo strapotere bianconero a metà campo, ma con tanta voglia e poca tecnica. Colpevole sull'ultimo gol bianconero, tiene in gioco Morata.

Benassi 6 - Bravo in fase di interdizione, ci crede e tenta di bucare Buffon dalla lunga distanza. Giovane esempio per i senatori. (81' Baselli sv)

Gaston Silva 5 - A destra ammattisce tra le trame di Lichtsteiner, Khedira e Cuadrado, ma si salva dalla piena insufficienza per l'intervento decisivo sul colombiano. ( 76' Zappacosta sv)

Belotti 6 – Batte di giustezza Buffon su calcio di rigore ma rimane in ombra per il resto della partita, insoddisfacente come un pranzo senza dessert.

Immobile 5 –  Prestazione impalpabile dell'ex che invece della voglia di riscatto mostra il suo lato peggiore. Si fa sempre anticipare e gioca a fare la lotta, senza successo, con la retroguardia bianconera. Uscito per infortunio muscolare. (45’ Maxi Lopez 7 - Di più probabilmente non avrebbe potuto fare: entra, corre e si arma della voglia di vincere. Segna un gol regolare e tiene fisicamente testa ai difensori bianconeri, solo il muro eretto da Barzagli lo ferma.)

All.Ventura 5 – Utilizzare l'alibi degli errori arbitrali per giustificare una prestazione quanto mai impietosa non giova di certo ai suoi uomini, da qualche giornata sempre più allo sbando per la mancanza del suo condottiero.

JUVENTUS

Buffon 6 – Come sempre attento in una partita nella quale ha subito più tiri del solito, meriterebbe un 10 e lode per il record, coronamento della sua straordinaria carriera.

Rugani 6,5 – Quello della gara contro l'Inter in Coppa Italia era il suo gemello cattivo: anticipa le intenzioni degli avversari ed è sempre super concentrato. Prove di titolarità per la prossima stagione?

Bonucci 5,5 – Non è stato il solito Bonucci. Si fa prendere troppo facilmente dal nervosismo, rischiando di far restare la sua squadra in dieci.

Barzagli 6,5 – Una certezza per la retroguardia. Fa anche il numero uno sul tiro ravvicinato di Maxi Lopez, ormai è incommentabile, nell'accezione positiva del termine.

Lichtsteiner 6 - Non ha difficoltà a confrontarsi con Gaston Silva e, come di consueto, si impegna freneticamente nelle due fasi. Ma il treno al termine della prima frazione non ha più carbone. (50' Cuadrado 5,5 - Visibilmente stremato e acciaccato, non riesce a saltare l'uomo come vorrebbe e come suole fare.)

Khedira 6,5 – Giocatore a tutto tondo, come l'uomo vitruviano di Leonardo. Si inserisce splendidamente tra le maglie avversarie e sembra aver raggiunto la forma ideale. Inspiegabile e ingiustificabile il gesto che gli è costato il rosso.

Lemina 6 - Non fa rimpiangere Marchisio: bravo nell'impostazione, rincorre gli avversari, ma deve rimanere concentrato per tutti i novanta minuti. Utile e diligente, la Juve penserà sicuramente al suo riscatto.

Pogba 7,5 – "Le monstre" non delude le aspettative e si carica una prestazione fantascientifica sul groppone. Segna nuovamente su punizione, offre giocate da funambolo (finalmente solo quando servono) e regala un assist al bacio per Morata. Il talento non è mai mancato, ma è arrivata la definitiva maturazione. Per distacco il migliore.

Alex Sandro 5 – Dopo l'estenuante partita di Monaco raccoglie la sua prima insufficienza stagionale. Non riesce a tenere il passo di Bruno Peres, compie un'ingenuità sul calcio di rigore, si fa vedere a sprazzi in avanti. Pausa utile per riprendere fiato.

Dybala 6,5 – Fin quando non è stato costretto ad uscire sembrava essersi inserito bene nei meccanismi di gioco, fornendo numeri di alta scuola stoppati da un terreno non all'altezza. (32’ Morata 7,5 – E' incredibile come la risoluzione dei problemi sentimentali possa stravolgere le prestazioni. Giocate da fenomeno vero a Monaco, doppietta e ghigno da killer ieri: un nuovo amore è alle porte, che sia pronto a sposare definitivamente la causa bianconera?)

Mandzukic 5,5 - Non pressa come sempre, complici gli impegni delle ultime settimane, e si fa vedere poco in zona gol. Non basta il gioco sporco, è il momento di ritrovare la rete per non rimanere indietro. (85' Zaza sv)

All.Allegri 6,5 - Come sempre inviperito nella fase di difficoltà, bravo a gestire le numerose assenze dettate dagli infortuni sia negli undici titolari che nel corso del match.