Allegri in conferenza: "Probabile che Dybala non ci sia domani, occhio all' Empoli"

Massimiliano Allegri presenta la gara contro l' Empoli di Giampaolo e fa il punto della situazione sui giocatori infortunati.

Allegri in conferenza: "Probabile che Dybala non ci sia domani, occhio all' Empoli"
Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus. Fonte: gol24.it

Non c'è solo un campionato da vincere, ma anche un mini campionato fatto di otto partite a cominciare da quella contro l' Empoli di Giampaolo domani sera. Una partita da non sottovalutare, avverte Allegri, perchè il Napoli non mollerà la presa e perchè la pausa per le Nazionali ha lasciato dietro di sè diversi infortuntati.

Proprio da questo argomento parte la conferenza stampa di Allegri: "Dybala è quello che molto probabilmente non sarà della partita. Chiellini sta bene, oggi valuterò sugli altri, dopo l'allenamento. Rugani al 99 per cento gioca, dovrò vedere gli altri come stanno. Pereyra è uno di quelli che da qui alla fine del campionato dovrà fare la differenza. Sta bene, sta recuperando." Quelli che scenderanno in campo dovranno essere pronti ad affrontare una partita difficile: "Oggi inizia un mini-campionato di 8 partite, dovremo essere bravi a mantenere i 3 punti di vantaggio. L'anno scorso contro l'Empoli è stata una partita difficile. Non hanno molto da perdere, il loro obiettivo l'anno raggiunto. Il Napoli non mollerà. Mi aspetto cattiveria calcistica, giochiamo in casa e sarà importante l'apporto dei tifosi. Il campionato ce lo giocheremo sicuramente in casa. Domani bisogna vincere, una gara alla volta."

Inutile guardare troppo in là, sicuramente arrivare alla trasferta di Firenze con ancora tre punti di vantaggio aiuterebbe. Ma questo è il futuro. A proposito, quello di Allegri alla Juventus non sembra in discussione: "Ci incontreremo a breve per parlare, non ci sono problemi. Al momento è più importante pensare alle partite. Grosse problematiche non ce ne dovrebbero essere. Quando nella vita si è chiari penso sia la cosa più semplice. Ora la cosa più importante è il campionato e la Coppa Italia. Il difficile viene ora, non sarà complicato mantenere la concentrazione. Abbiamo due obiettivi da raggiungere e su quelli dobbiamo rimanere concentrati."