La Juve ha fame di Big Mac

I bianconeri nell'anticipo delle 20:45 sfidano l'Empoli allo Stadium. Dybala non convocato, Allegri pensa al 4-3-1-2

La Juve ha fame di Big Mac
La Juve ha fame di Big Mac

Dopo la sosta tutte le attenzioni si spostano, finalmente, sul campionato. A otto giornate dal termine per la Juventus è praticamente vietato sbagliare, soprattutto nelle gare in casa, a partire da quella di questa sera contro l'Empoli di Giampaolo. Un più tre prezioso per la compagine bianconera che,  secondo pronostici, dovrebbe rimanere invariato in questo turno apparentemente innocuo, ma che potrebbe invece regalare grandi sorprese e spostare gli equilibri. A cercare di rovinare la festa alla Signora ci penseranno i toscani, che vorranno riscattarsi dopo le ultime uscite infelici, che sanno più di resa che di un reale calo fisico o motivazionale. L'Empoli era infatti partita con il piede giusto e si era candidata, assieme al Sassuolo, come autentica rivelazione del campionato, nonostante l'addio traumatico di Sarri al termine della scorsa stagione. Ma negli ultimi tempi i ragazzi di Giampaolo sembrano aver perso quella grinta, quella tenacia e quella voglia che li avevano spinti in paradiso, a un passo dall'Europa, per poi scaraventarli nel più gelido inferno. Ora una posizione di classifica che si fa pericolosa, se si dovesse continuare con questo andamento funereo, marchiato da un insipido 0-0 nell'ultima giornata contro il Palermo, dovrebbe costringere l'Empoli a guardarsi le spalle cercando di dare la definitiva accelerata.

Juventus ed Empoli si sono incontrate a Torino solo 9 volte, con un bilancio schiacciante a favore dei bianconeri: otto le vittorie dei padroni di casa, un solo punto guadagnato dagli ospiti. Nell'ultima gara, risalente al 4 aprile 2015, la Juventus si impose per 2-0 con reti di Tevez e Pereyra allo scadere. Nella gara d'andata sono stati sempre i bianconeri ad imporsi, per 1-3 al Castellani, con rete in apertura di Maccarone e sorpasso firmato da Mandzukic, Evra e Dybala. Arbitro della contesa sarà Gianpaolo Calvarese della sezione di Teramo.

Grossi problemi di formazione per Allegri che in questo match dovrà fare a meno delle sue pedine più importanti: Dybala è rimasto a casa per il problema muscolare riacutizzato nell'albiceleste, Alex Sandro, Bonucci e Khedira sono invece squalificati. Ma arrivano anche buone notizie dall'infermeria: sono infatti nuovamente a disposizione, e quindi convocati, i pilastri della BBC Barzagli e Chiellini, che però difficilmente verranno impegnati insieme già da stasera, e Claudio Marchisio. Probabile e necessario 4-3-1-2 dunque con Buffon come sempre tra i pali, in difesa Lichtsteiner sulla destra, Rugani, grande ex, e uno tra i due rientranti centrali, a sinistra invece spazio a Evra. Nel trio di centrocampo dovrebbe tornare il principino, se non dovesse farcela spazio ad Hernanes. Ad accompagnarlo pronti Sturaro da una parte e Pogba dall'altra. Sulla trequarti dovrebbe agire Pereyra, in attacco invece la coppia designata sarà Mandzukic-Morata.

Gianpaolo dovrebbe proporre il solito 4-3-1-2, con Skorupski, reduce da una borsite ma pienamente recuperato, a difendere la porta, nella retroguardia a destra pronto Zambelli, centralmente agiranno Tonelli, non al meglio, e Costa. A sinistra invece correrà Mario Rui. Il rombo di centrocampo sarà costituito da Paredes come vertice basso, Croce e Zielinski nel mezzo e Saponara sulla trequarti. In attacco Pucciarelli e Maccarone cercheranno di far male a Buffon.