Dybala: "Non sarà come in campionato con il Milan". Hernanes: "Pronti a dare il meglio"

Media Day oggi a Vinovo, in vista della finale di Coppa Italia parlano Dybala ed Hernanes.

Dybala: "Non sarà come in campionato con il Milan". Hernanes: "Pronti a dare il meglio"
Hernanes e Dybala qui con Marchisio e Gamberini, calciogazzetta.it

A Vinovo oggi si sono aperte le porte del centro sportivo bianconero per i vari media che hanno potuto assistere al lavoro della Juventus di Allegri in preparazione alla finale di Coppa Italia contro il Milan di Sabato sera. Occasione anche per parlare con alcuni dei possibili protagonisti della sfida dell'Olimpico.

Come ad esempio Paulo Dybala che a Sky Sport ci tiene a mettere in guardia i propri compagni: "Penso che per noi non deve essere un peso, ma una dimostrazione per far vedere in campo tutto quello che abbiamo fatto durante l'anno. Però sappiamo che è una finale ed è tutto diverso dal campionato. Sappiamo che loro non hanno fatto un gran anno e vorranno chiudere questa stagione alzando un trofeo." Attenzione massima quindi: "Sicuramente, dovremo stare attenti sotto tutti i punti di vista. Al di là che contro la Roma non hanno giocato bene e che sicuramente cambieranno modulo, per giocare contro di noi. È una finale, una partita a parte, per noi. E dobbiamo essere consapevoli che siamo forti e che abbiamo vinto il campionato e la Supercoppa e possiamo vincere il terzo trofeo sabato."

Anche Hernanes ha provato ad inquadrare la sfida in arrivo contro la squadra di Cristian Brocchi: "Pensiamo che è una finale. È una grande partita contro un avversario importante come il Milan. Ci saranno tutte le attenzioni focalizzate su di noi e ci stiamo preparando bene. È una finale che dobbiamo vincere, e dare il nostro meglio in campo. E ci stiamo preparando per farlo. Tutto il resto verrà di conseguenza, non pensiamo troppo. on puoi mai sottovalutare una partita. Tutte le partite prima che comincino ci sono i pronostici, però quello nel calcio è una cosa che non va presa in considerazione. Perché quella è una partita di calcio e può succedere di tutto. Quindi dobbiamo pensare soltanto a come possiamo sfruttare i punti meno forti del Milan."