Juventus, Allegri: "Buon test, di mercato non parlo. Ci pensa la società"

Massimiliano Allegri commenta la prima amichevole stagionale della sua Juventus.

Juventus, Allegri: "Buon test, di mercato non parlo. Ci pensa la società"
Massimiliano Allegri, lastampa.it

6 gol nella prima amichevole stagionale, buone indicazioni dai nuovi e nessun infortunato, il bilancio per Allegri può essere sicuramente positivo. L'allenatore bianconero, poi, si è soffermato a parlare ai microfoni dei giornalisti presenti.

Intanto sulla gara e su quello che ha visto in campo: "Il test è stato buono intanto perché non ci sono stati infortunati. Ha fatto bene tutta la squadra. Dalla tournée adesso cosa mi aspetto? Serve ai 10 presenti della prima squadra per ritrovare la forma nelle tre partite, così come serve ai giovani pe che è una esperienza importante e poi quando torneremo vedremo." Bene Pjanic, ma Allegri non è sorpreso: "Non dovevamo aspettare il test di oggi per sapere il valore di Pjanic. Conosce benissimo il nostro calcio, fa bene in qualunque zona del campo."

Pjanic al lavoro a Vinovo, corrieredellosport.it
Pjanic al lavoro a Vinovo, corrieredellosport.it

Il mercato della Juventus sembra far pensare alla Champions League come grande e forse principale obiettivo per la prossima stagione: "Bisogna partire e giocare per tutti gli obiettivi. Abbiamo 6 mesi in cui dobbiamo mettere tutto in campo dal campionato alla Champions alla Coppa Italia. Io di mercato non parlo, la società sa benissimo cosa ci serve. Negli ultimi 5 anni abbiamo vinto tutto tranne la Champions, un anno fa eravamo però in finale. Abbiamo il dovere di migliorarci, anche se l'Europa non ti dà la possibilità di riprenderti. È da dentro o fuori a marzo, mentre in campionato alla fine vince il più forte."

In uscita sembra esserci Zaza, mentre Pereyra non si è visto in campo: "Zaza? Non ho parlato con lui dopo l'Europeo. Aveva bisogno di riposo, come anche per gli altri azzurri. Zaza nell'anno scorso è stato determinante. Chi gioca meno non è meno importante, per vincere i campionati servono tutti non solo gli 11 in campo. Pereyra sta lavorando, oggi poteva giocare ma ho preferito fargli fare un programma specifico dopo gli infortuni dell'anno scorso."