Juve: accordo con Gabigol, sale Witsel. Il punto sul mercato in entrata

Un centrocampista e un attaccante, queste le priorità di Marotta e Paratici per chiudere la rosa da consegnare ad Allegri. Il brasiliano è vicino, manca l'accordo sul prezzo del cartellino ma la distanza è colmabile. In mediana il belga sembra il favorito per la sua duttilità, ma restano vivissime le altre ipotesi, con Matic in pole.

Juve: accordo con Gabigol, sale Witsel. Il punto sul mercato in entrata
Juve: accordo con Gabigol, sale Witsel. Il punto sul mercato in entrata

La Juventus non si ferma mai: dopo due mesi di mercato brillanti, con colpi low cost e esborsi pesanti, è arrivato il momento di rifinire la rosa, di concludere quegli ultimi due acquisti necessari a far quadrare il cerchio e non far rimpiangere il partente Pogba, sempre più Red ogni minuto che passa. La strategia adottata dal duo Marotta-Paratici sembra chiara: essendo il francese insostituibile per diversi motivi, l'idea è di alzare il livello medio della rosa acquistando un talento di livello mondiale e un centrocampista funzionale e utile alla causa.

TUTTE LE STRADE PORTANO A GABRIEL - Non è certamente una notizia che i bianconeri abbiano individuato in Gabigol, al secolo Gabriel Barbosa, il talento sopracitato su cui lavorare. Classe 1996, prevalentemente seconda punta ma all'occorrenza anche centravanti o ala, è attualmente in forza al Santos, che detiene però solamente il 40% del proprio cartellino: il restante è spartito tra la famiglia del giocatore (40%) e il noto Fondo Doyen (20%). L'offerta di 20 milioni complessivi della Juventus non ha convinto queste ultime due parti, mentre il Santos ha deciso di accettarla: probabilmente i campioni d'Italia dovranno effettuare un rilancio per chiudere intorno ai 22-23, anche se la richiesta è di 25. Di ieri però è la notizia che secondo Sky la Juve avrebbe un accordo col giocatore (che in questi giorni è impegnato col Brasile Olimpico): 2,5 milioni a stagione per i prossimi 4 o 5 anni, e di certo rimarrà in bianconero e non sarà prestato da qualche parte. Resta da limare la distanza sul prezzo di trasferimento, operando un convincimento verso le parti che non sono propense ad accettare la prima offerta.

NE-MANJA UNO - Altrettanto intricate sono le trattative per il centrocampista esperto: il primo nome in cima alla graduatoria di preferenze di Allegri e società è quello di Nemanja Matic, mediano roccioso classe 1988 del Chelsea. I bianconeri avevano già preso contatti con i Blues diverse settimane fa, ancora prima dell'acquisto di Pjanic, trovando una porta relativamente aperta in quel di Londra. Quasi due mesi dopo, quella porta sembra chiudersi sempre più lentamente sotto la spinta di Antonio Conte, che in una conferenza stampa aveva specificato "quanto fosse importante Matic per il mio gioco, e lui lo sa". Realtà o semplice gioco delle parti? Difficile da interpretare, fatto sta che il prezzo potrebbe essere maggiore di quei 20-25 milioni ipotizzati, si potrebbe arrivare fino ai 30. Nell'attesa, il Chelsea lavora per un colpo a centrocampo dopo Kanté: dovesse andare in porto qualcosa, il serbo potrebbe prendere più agevolmente la via di Torino.

SOTTO LA TOUR EIFFEL - Più remota è al momento la soluzione Blaise Matuidi, sia perchè è un uomo di Raiola ed al momento l'agente è piuttosto impegnato sul fronte Pogba, sia perchè in realtà contatti tra le parti non sembrano mai esserci stati, nonostante l'interesse. Forse il 29enne francese del PSG è il profilo migliore possibile, ma restano due incognite piuttosto decisive: il prezzo di trasferimento e la volontà del club. Stando ai rumors, Matuidi vorrebbe lasciare Parigi e la dirigenza potrebbe accontentarlo, per poi andare a caccia di un sostituto pesante da concordare con Emery. Per ora era stato registrato solo l'interesse dello United, che con Pogba ha risolto i suoi problemi: ora sta alla Juve provare il colpo, visto l'ingaggio sostenibile (6 milioni annui, come Matic) e l'esperienza internazionale del francese.

FROM RUSSIA WITH(-SEL) LOVE - Ieri sera, fonte sky, i bianconeri hanno effettuato la prima offerta allo Zenit per portarsi a casa il mediano Axel Witsel, classe 1989 dotato di ottime caratteristiche tecniche, fisiche e atletiche per coprire sia il ruolo di interno che quello di regista basso. Tra i tre indubbiamente è il belga quello che alzerebbe maggiormente l'asticella dal punto di vista tecnico, forse anche per questo ieri, come anticipato, è arrivato il primo tentativo bianconero, una cifra minore di 20 milioni. Il giocatore è in scadenza nel 2017 e la Juventus potrebbe forzare su questo punto, avendo anche il gradimento molto alto di Witsel, che non sta accettando l'Everton (accordo tra i Toffees e i russi sui 30 milioni) proprio per aspettare novità da Marotta, che gli offrirebbe un contratto da 3 milioni annui. Da registrare anche un interesse dell'Inter, ma ora la corsa sembra a due, tra l'Everton e la Juve, con i bianconeri che provano lo sprint decisivo per aggiustare il centrocampo.