Juve, rilancio per Witsel. Era destino?

Nuovo attacco sferrato dai bianconeri al mediano belga dello Zenit. Ultimo passo di un piano già studiato?

Juve, rilancio per Witsel. Era destino?
Juve, rilancio per Witsel. Era destino?

Cuadrado sullo sfondo, centrocampista in primo piano. La Juventus si sta muovendo in queste ore per Axel Witsel, centrocampista dello Zenit San Pietroburgo già più che chiacchierato da tempo. L'offerta dei bianconeri consisterebbe in una cifra intorno ai 17-18 milioni, con possibilità di alzarla anche a 20, ma difficilmente quella soglia verrebbe oltrepassata, se non con l'aggiunta di bonus. Sembra sempre più chiaro dunque che i bianconeri stiano andando alla ricerca di un sostituto di Marchisio, magari per poi spostare il numero 8 da interno al momento del suo rientro, previsto a pieno regime per la fine di ottobre.

Il sostituto di Pogba è infatti, indubbiamente, Pjanic. Ciò che ha scombussolato i piani di Marotta e Paratici è stato l'infortunio del centrocampista della Nazionale Italiana: senza il problema al legamento, probabilmente i bianconeri avrebbero chiuso il mercato già da tempo. Iniziando però la ricerca ad aprile/maggio, trovare centrocampisti che migliorino l'attuale rosa è piuttosto complicato, e lo è ancora di più trovarli ad una cifra congrua (30 milioni per Sissoko sarebbero eccessivi). Conseguenza della giusta politica dirigenziale del non comprare "tanto per comprare", ma, trattandosi di ciliegine, o ripieghi, farlo a cifre accettabili per giocatori di livello. Anche perchè, come dimostra il caso Luiz Gustavo, le grandi squadre difficilmente vendono ora giocatori importanti nel proprio scacchiere, senza il tempo di studiare un sostituto adeguato.

Witsel è in questo senso l'unica strada percorribile a buon prezzo al momento, insieme a Sissoko e Kovacic. Il francese ha però sempre giocato in squadre di seconda fascia e mai ha garantito un rendimento costante ed elevato; il croato si è mostrato lunatico, e in Serie A non ha lasciato ricordi indelebili. Il belga ha invece il contratto in scadenza nel 2017, che lo Zenit ha messo in previsione di perdere già da alcuni mesi, ben conoscendo che non avrebbe rinnovato il contratto. Tutto lascia intendere che, da dopo l'infortunio di Marchisio, il vero obiettivo sia sempre stato Witsel. L'ostacolo è stato soprattutto l'inflazione causata dalle maxi offerte dell'Everton, 30 milioni di Euro, seguita a ruota dall'offerta comunque importante del Napoli. Ora, negli ultimi giorni di mercato, la probabilità di un ammorbidimento della posizione da parte della società russa sembra piuttosto probabile, specialmente in caso di pressioni del giocatore stesso.

Le caratteristiche principali del classe 1989 sono inoltre quelle ideali per coprire la posizione di regista in questa Juventus: ha il piede per lanciare e favorire il giropalla, sa dettare i tempi e il ritmo di gioco, ha soprattutto fisico per presidiare quella zona delicata di campo, è pulito ed elegante con buona tecnica. E ha buonissime letture. Difficile invece vederlo interno: non ha il passo, né i tempi di inserimento o l'ultimo passaggio. In ogni caso, se l'operazione dovesse concludersi, starà ad Allegri valutare. Anche se prima il lavoro lo dovranno svolgere Marotta e Paratici, portandolo a Torino.