Juve, Bentancur si presenta: "Ho sempre lavorato con umiltà. In campo mi piace giocare semplice"

Il centrocampista uruguagio è stato intervistato ai microfoni di J|Tv.

Juve, Bentancur si presenta: "Ho sempre lavorato con umiltà. In campo mi piace giocare semplice"
Fonte immagine: Facebook - Juventus

Ieri è stato il giorno della presentazione di Douglas Costa, oggi quello delle visite mediche di Szczesny, domani toccherà invece a De Sciglio. Il mercato in entrata della Juventus è più vivo che mai: nell'odierno primo pomeriggio è però toccato al primissimo acquisto della campagna 2017/18 diventare protagonista, Rodrigo Bentancur. Il classe 1997 è stato ospite negli studi di J|Tv, canale tematico ufficiale bianconero, dove ha rilasciato le sue prime dichiarazioni ufficiali da calciatore della Juventus.

"Sono molto contento di essere qui - ha aperto il giocatore - nella mia nuova famiglia che è la Juve. Spero di rimanere qui a lungo e guadagnarmi anche la fiducia di Allegri. Tanti uruguaiani hanno indossato questa maglia, voglio onorare questa ottima tradizione". Professione mediano, con una posizione ancora da rintracciare con precisione: al Boca Juniors, club da cui l'hanno prelevato Marotta e Paratici per circa 10 milioni di Euro, il suo ruolo era quello di centrocampista davanti alla difesa. Lui si è descritto in questi termini: "Sono un centrocampista abbastanza completo, gioco davanti alla difesa ma mi piace anche attaccare; tuttavia farò quello che sceglierà Allegri. Mi sento vicino calcisticamente più vicino a Pjanic rispetto a Khedira, mi piace giocare semplice comunque".

Gli Xeneizes sono stati per l'uruguagio una vera e propria scuola, come ha raccontato lui stesso, riassumendo la propria esperienza e il proprio percorso, mostrandosi anche pronto all'impatto col calcio italiano: "Ho avuto la fortuna di aver giocato già in club molto importante come il Boca Juniors fin dalle giovanili, è una squadra seguita da tante persone come qui lo è la Juve, con uno stadio importante e che dà grande pressione. Un’esperienza simile sono sicuro che mi abbia preparato al campionato italiano, e adesso potrò mettere tutto questo in campo. Nel Boca ho giocato molte partite, spero di poter tradurre subito la mia esperienza per la squadra. In Argentina le critiche sono all’ordine del giorno, da questo punto di vista mi sento abituato. Poi la mia famiglia mi ha aiutato a tenere i piedi per terra e lavorare con umiltà".

Infine, spazio anche a commenti e reazioni durante questi mesi di attesa. La Juve ha infatti acquistato Bentancur ad aprile, sfruttando un'opzione inserita al momento della cessione di Tevez: "Quando ho saputo di dover venire qui ho cercato di guardare più partite possibile, guardando il lavoro che fanno i centrocampisti in un calcio diverso, più rapido. Tevez? Non ho parlato con lui per chiedere delle informazioni, perché quando ho chiuso con la Juve già non c’era più, ma mi sono informato comunque. Era il mio sogno venire a giocare in Europa e sono felice di esserci arrivato con la Juve. Al Boca ho avuto molta fiducia, sono grato a Schelotto perché ha creduto in me".