Juve, testa al Chievo

Massimiliano Allegri riabbraccia i nazionali ed inizia a preparare la sfida di sabato contro il Chievo Verona.

Juve, testa al Chievo
Juve, testa al Chievo

Con la fine della pausa nazionali, i giocatori tornano alle rispettive e squadre e così Allegri tra oggi e domani ritroverà tutti i calciatori persi in queste due settimane. A Higuain, voglioso di trovare il gol ed il riscatto dopo l'esclusione dall'Albiceleste, Douglas Costa e Mattia De Sciglio si uniranno tutti gli altri giocatori impegnati nelle qualificazioni mondiali, con i sudamericani che torneranno solo domani a Vinovo. 

Il Mister bianconero sta già pensando a come affrontare il Chievo Verona e dovrà farlo con qualche assenza di troppo, soprattutto in difesa dove Chiellini è fuori gioco e Andrea Barzagli ha ottenuto due giorni di permesso, motivo per cui tornerà a disposizione di Allegri soltanto venerdì. E' quindi molto probabile che la coppia di centrali sarà rappresentata da Mehdi Benatia e Daniele Rugani, snobbato in nazionale a favore del più esperto compagno, mentre Howedes partirà dalla panchina. 

I problemi, però, non finiscono qui. Sulla linea mediana il tecnico bianconero dovrà fare a meno di Marchisio, out per un mese per rinforzare la muscolatura attorno al ginocchio infortunato, e verosimilmente non rischierà Khedira, tornato acciaccato dalla settimana passata con la Germania, per salvaguardarlo in vista del Barcellona. Affianco a Pjanic è quindi probabile il debutto dal primo minuto di Blaise Matuidi, che nei due spezzoni giocati ha sempre ben impressionato. In attacco pochi dubbi, nessun infortunato e tutti disponibili. Allegri va verso la riconferma dei quattro cavalieri che hanno condotto la Juventus verso il sesto scudetto, la finale di Cardiff e le due vittorie nelle prime due partite di Serie A. Certamente il più fresco sarà Gonzalo Higuain che potrà sfruttare questa freschezza per trovare il primo centro stagionale e provare a riguadagnarsi la fiducia di Sampaoli per il Mondiale di Russia. Nella stessa situazioni del Pipita c'è anche Douglas Costa, non convocato dal Brasile e rimasto a Vinovo per poter lavorare ed inserirsi al meglio negli schemi di Allegri, che potrebbe decidere di regalargli la prima maglia da titolare al posto di Cuadrado.