Juve, tappa centrale: all'Allianz Stadium c'è la Fiorentina

Con l'Inter bloccata a Bologna ed il Napoli impegnato contro la Lazio, i bianconeri possono balzare soli al comando, ma non devono sottovalutare il proprio esame. Potrebbe riposare Pjanic (spazio a Bentancur), possibili novità anche tra corsie basse e attacco. Pioli prova a sgambettare i bianconeri puntando sulle proprie certezze.

Juve, tappa centrale: all'Allianz Stadium c'è la Fiorentina
Fotomontaggio Vavel | Giorgio Dusi
Juventus
20 45
Fiorentina

Si riaccendono le luci dell'Allianz Stadium per la prima in notturna della Juventus nella stagione di Serie A 2017/18. Questa sera, ore 20.45, a Torino arriva una Fiorentina agguerrita, vogliosa di fare risultato, di tenere in piedi l'orgoglio della propria città, la quale sente questo confronto come nessun altro; dall'altra parte, la naturale spavalderia bianconera, trasformata dall'abile condottiero Allegri in consapevolezza nei propri mezzi. La Juventus è più forte e favorita in quanto tale, ma la Fiorentina è assolutamente in grado di insidiare il fortino bianconero.

Settantanovesimo incontro tra le due squadre nel capoluogo piemontese, i numeri - per quanto relativi - sorridono ai campioni d'Italia in carica, che possono vantare uno score di cinquantadue vittorie, a fronte di soltanto sei sconfitte e venti pareggi totali. L'ultimo fu alla prima giornata dello scorso anno, quando Higuain si presentò al suo nuovo pubblico con un gol all'esordio.

Il Pipita potrebbe essere tra quelli a cui Massimiliano Allegri rinuncerà questa sera. Non è apparso in ottima forma a Sassuolo e, considerando che siamo alla quarta partita di un tour de force che va prolungandosi fino alle sette totali, un turno di riposo potrebbe essere sensato e giustificato. Nel caso quest'ipotesi si verificasse, sarebbe quasi certamente Mario Mandzukic ad avanzare la propria posizione per tornare a giocare da centravanti, con Federico Bernardeschi, grande ex della serata, che si ricaverebbe uno spazio sulla corsia di sinistra per l'esordio dal 1'. Inamovibile resta invece Paulo Dybala sulla trequarti alle spalle della punta, soprattutto con il bottino attuale di 8 gol in 4 partite di Serie A, mentre a destra è ballottaggio tra Juan Cuadrado e Douglas Costa: la scelta di Allegri tra i due potrebbe non essere influenzata dagli altri compagni di reparto.

Grandi novità anche a centrocampo, dove a Miralem Pjanic verrà concesso un naturale turno di pausa, nonostante le assenze e la coperta corta per le indisponibilità di Khedira e Marchisio. Toccherà quindi a Rodrigo Bentancur prendersi una maglia dal primo minuto, la seconda in bianconero dopo quella del Camp Nou, affiancando Blaise Matuidi in una coppia di centrocampo tutta nuova, ma che può funzionare. In difesa, invece, nessun volto nuovo: Howedes andrà in panchina - potrebbe esordire a gara in corso - ma è probabile non ci sia Lichtsteiner sulla destra dal 1', bensì Stefano Sturaro. L'ex Genoa è la scommessa di Allegri, che lo ha già sperimentato da terzino al Camp Nou, con risultati alterni. Un ruolo mai ricoperto dal numero 27. Decisamente più esperto il collega a sinistra, Alex Sandro, il quale sembra ancora in vantaggio su Asamoah, mentre al centro è testa a testa tra Rugani e Benatia per trovare spazio di fianco a Barzagli

Tra i pali, infine, come annunciato ieri da Allegri, non ci sarà Buffon, bensì Wojciech Szczesny: il polacco raccoglierà il secondo gettone in bianconero dopo aver disputato il match casalingo contro il Chievo.

Indisponibili: Khedira, Marchisio, Pjaca, De Sciglio (infortunati).

Calcio d'inizio della gara previsto per le 20.45 all'Allianz Stadium. Arbitro della sfida Daniele Doveri, sezione di Roma. Con lui i bianconeri non hanno mai perso.