Inzaghi: "Stiamo valutando le condizioni di Biglia. Keita giocherà sicuramente"

Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Pescara, in programma domani alle 18:00.

Inzaghi: "Stiamo valutando le condizioni di Biglia. Keita giocherà sicuramente"
Foto da corrieredellosport.it

Vigilia di Lazio - Pescara, giorno di conferenza stampa. Simone Inzaghi si presenta davanti ai microfoni con qualche buona notizia (il ritorno definitivo di Keita, la convocazione di Luis Alberto), qualche altra meno. Perchè Lucas Biglia nella giornata di ieri ha avuto un risentimento al polpaccio e la sua presenza domani all'Olimpico è in dubbio, lo confermano le parole del tecnico piacentino. Su questo chiarisce la situazione Inzaghi: "Dobbiamo valutare le condizioni di Lucas tra oggi e domani mattina. Mi dispiacerebbe perderlo, è il nostro capitano ed un giocatore molto importante per noi. Sembrava aver trovato la brillantezza. Se non dovesse esserci è pronto Cataldi, ma abbiamo anche altre soluzioni. Parolo? Può fare il regista, lo abbiamo visto anche all'Europeo. Però prima valutiamo bene le condizioni di Biglia."

La Lazio, con Biglia in campo, non ha ben impressionato a Verona contro il Chievo: attacco sterile e qualche disattenzione sui calci piazzati. Inzaghi torna sull'1-1 della settimana scorsa: "Abbiamo analizzato la partita di Verona e stiamo cercando di sviluppare altre azioni offensive. Mi tengo stretto i 4 punti tra Bergamo e Verona. In difesa stiamo lavorando bene. Dobbiamo migliorare sui calci piazzati, ci stiamo lavorando. Uno come Birsa lo incontri due volte a campionato...". Sul tifo: "C'era tanta gente al nostro seguito a Verona. Si sentivano solo i nostri tifosi, ci sentivamo a casa."

Poi su Keita: "Si è allenato bene in settimana e sta cercando di mettersi alla pari con gli altri. Il suo impatto a Verona è stato molto positivo, sicuramente giocherà contro il Pescara. Luis Alberto? Verrà convocato." Lazio-Pescara sarà anche Inzaghi contro Oddo, vecchi compagni proprio alla Lazio: "Non è stata una sorpresa vederlo allenare. E’ ragazzo intelligente, si vedeva che poteva fare l’allenatore. Rispetto a me ha fatto meno settore giovanile, si sta togliendo belle soddisfazioni e sono contento per lui. L'ho già incontrato con le giovanile e l'ho battuto, speriamo bene per domani (ride, ndr)."