Fiorentina - Lazio in Serie A 2016/17 (3-2): la Viola aggancia il Milan al 6^ posto!

Fiorentina - Lazio in Serie A 2016/17 (3-2): la Viola aggancia il Milan al 6^ posto!
Fotomontaggio Vavel Italia | Andrea Mauri
Fiorentina
3 2
Lazio
Fiorentina: (3-4-2-1): Tatarusanu; Astori, De Maio, Tomovic; Chiesa, Vecino, Valero, Olivera (Kalinic 65'); Bernardeschi, Cristoforo (Tello 65'); Babacar.
Lazio: (3-5-2): Strakosha; Bastos, Hoedt, Radu; Patric, Murgia, Parolo, Luis Alberto, Lukaku (Lombardi 48'); Djordjevic (Immobile 70'), Keita (Felipe Anderson 70')
SCORE: 3-2 - Keita 56', Babacar 66', Kalinic 72', Aut Lombardi 75', Murgia 81'.
ARBITRO: Celi. Ammonisce: Parolo, Radu, Hoedt (L), Astori, Borja Valero (F).
NOTE: Match valido per la 36^ giornata del campionato di Serie A Tim 2016/17. Dal Franchi di Firenze, si affrontano Fiorentina e Lazio. Calcio d'inizio previsto per le 18.00.

Per Fiorentina - Lazio è tutto. A nome di Alessandro Cicchitti, la redazione calcio di Vavel Italia Vi ringrazia per aver seguito il match in nostra compagnia e Vi rimanda ai prossimi appuntamenti sempre qui, live su Vavel Italia.

20.07 - Per quel che riguarda la classifica, la Lazio resta inchiodata a quota 65, a +5 sull'Atalanta impegnata questa sera. La Fiorentina invece, sale al fatidico sesto posto. In questo momento, i gigliati e il Milan sono appaiate a quota 59. Decisivo, a tal proposito, il match di questa sera tra bergamaschi e rossoneri.

20.03 - E' stato un secondo tempo esaltante quello del Franchi. Dopo un primo tempo con poche emozioni, la rete di Keita ha letteralmente sbloccato l'incontro, da quel momento in poi, ricco di reti ed occasioni. I tre cambi di Sousa hanno fatto la differenza, con Kalinic in particolare che è risultato decisivo. Prima il pari di Babacar, poi la rete del croato. Infine, il 3-1 propiziato proprio da Kalinic. Nella Lazio, inutile la reazione d'orgoglio di Murgia. I biancocelesti escono dal campo in dieci uomini, preoccupati per via degli infortuni di Lukaku e Parolo.

95' - FINISCE QUI. NON C'E' PIU' TEMPO AL FRANCHI. VINCE LA FIORENTINA AL TERMINE DI UN SECONDO TEMPO PASSATO SULLE MONTAGNE RUSSE, UN SECONDO TEMPO IN CUI LA LAZIO SI ERA TROVATA AVANTI CON KEITA. POI, I CAMBI DI SOUSA E I TRE GOL DELLA FIIORENTINA. A NULLA E' SERVITO IL GOL DI MURGIA NEL FINALE.

93' - Ammonito Hoedt nella Lazio.

91' - Contropiede Fiorentina. 3 vs 2 Viola, con Borja Valero che ha preferito aprire su Tello anziché provare il filtrante centrale su Kalinic. Il tiro dell'ex Porto però, viene disinnescato da Strakosha.

90' - Ci saranno cinque minuti di recupero.

89' - Azione infinita quella della Viola, conclusa dalla conclusione murata di Borja Valero. Palla in angolo.

84' - Gioco fermo. Sanitari in campo per soccorrere il dolorante Babacar.

83' - Che occasione ha fallito la Viola. Gran ricamo di Tello , perfetto nell'assist centrale per favorire Kalinic. Il croato però, forse ingannato dal velo di un compagno, non ha avuto la giusta reattività nell'aggancio.

81' - GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOLLLLL - BELLISSIMA RETE DELLA LAZIO. BELLISSIMO GOL DI MURGIA, ANCORA UNA VOLTA ASSISTITO DA UN ILLUMINATO LUIS ALBERTO. MURGIA SI INSERISCE NEL CUORE DELLA DIFESA VIOLA E COLPISCE DI TESTA. IL PALLONE SCENDE MORBIDO SUL SECONDO PALO, SCAVALCANDO TATARUSANU. 3-2, C'E VITA!

77' - Piove sul bagnato in casa Lazio. Parolo ha accusato un problema al ginocchio ed è stato costretto ad abbandonare il campo. Le sostituzioni però, sono terminate. Dunque, Lazio in 10 uomini.

75' - GGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLLLLLL - TRIS VIOLA, TRIS VIOLA CON LA SFORTUNATA AUTORETE DI LOMBARDI. E' ANCORA KALINIC PERO', A PROPIZIARE IL GOL CON UNA TRAVOLGENTE AZIONE PERSONALE. GRANDE GIOCATA DEL CROATO, ABILE NEL LIBERARSI SULL'ESTERNO. POI IL RITORNO SUL MANCINO E IL TIRO A GIRO. LA PALLA INCOCCIA SUL PALO, MA SULLA RESPINTA CARAMBOLA SU LOMBARDI. 3-1.

73' - GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOLLLL! - LA RIBALTA LA FIORENTINA! VIOLA CHE VA AVANTI CON KALINIC, ABILISSIMO NELLO SFRUTTARE UNA SERIE DI BATTI E RIBATTI ALL'INTERNO DELL'AREA BIANCOCELESTE. SU UN TIRO DALLA DISTANZA, IL RINVIO NON PERFETTO DI STRAKOSHA HA FINITO PER CARAMBOLARE SULLE GAMBE DI UN CALCIATORE VIOLA PRIMA DI ANDARE IN ZONA KALINIC. A QUEL PUNTO, IL 9 VIOLA NON HA FALLITO, CENTRANDO LA PORTA SGUARNITA.

70' - Doppio cambio anche in casa Lazio: dentro Anderson e Immobile. Fuori Keita e Djordjevic.

69' - OCCASIONISSIMA LAZIO. MATCH CHE SI APRE IN QUESTA FASE. Patric, trovatosi al centro dell'area di rigore, ha provato ad impattare il cross arrivato dalla destra. Il suo tiro però, è stato deviato, e alla fine, ha finito per incocciare sul palo.

68' - Continua ad attaccare la Fiorentina. Grande occasione in mischia, con Kalinic che alla fine è stato murato.

66' - GGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOLLLLL! - TROVA SUBITO IL PAREGGIO LA FIORENTINA. UN MINUTO DOPO IL CAMBIO DI MODULO E LE SCELTE DI SOUSA, BABACAR TROVA IL COLPO DI TESTA CHE RIMETTE TUTTO IN DISCUSSIONE. ENNESIMI CROSS DALLA DESTRA, SU CUI BABACAR SI AVVITA BENISSIMO. IL PALLONE INCOCCIA IL TERRENO DI GIOCO POCO PRIMA DELLA LINEA, FINENDO PER TRARRE IN INGANNO STRAKOSHA. 1-1 AL FRANCHI.

65' - Girandola di cambi in casa Viola. Sousa si gioca i tre slot contemporaneamente. Dentro Sanchez, Kalinic e Tello. Fuori Chiesa, Cristoforo e Olivera.

64' - Intervento scomposto di Radu ai danni di Bernardeschi. Cartellino giallo per il romeno.

59' - Risponde immediatamente la Fiorentina. Babacar prende la mira, ma Strakosha (che aveva innescato l'azione con un errore in disimpegno) si supera, compiendo un super intervento.

56' - GGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGOOOOOOOOLLLLl! - LAZIO IN VANTAGGIO, CHI SE NON LUI?! KETIA BALDE' DIAO! IL SENEGALESE NON PERDONA, ALLUNGANO IL PROPRIO MAGIC MOMENT. 15^ GOL STAGIONALE PER L'EX BARCA, INNESCATO ALLA PERFEZIONE DA LUIS ALBERTO. KEITA GALLEGGIA SULLA LINEA DELL'OFFSIDE, SCATTA E RESTA FREDDO. TATARUSANU TOCCA MA NON PUO' NULLA. 1-0.

55' - Altra disattenzione commessa dalla difesa di Sousa. Keita ne approfitta, ma solo parzialmente. Il rientro di Astori infatti, costringe il 14 ad un tiro affrettato, di punta, che non fa male a Tatarusanu.

54' - Lunga ed articolata azione biancoceleste, conclusa nel peggiore dei modi da Patric. Tiro affrettato quello dello spagnolo, terminato di molto a lato.

48' - Per via di questo cambio obbligato, Patric va a sinistra con Lombardi a destra.

47' - Problema muscolare accusato da Jordan Lukaku. Problema al quadricipite per il belga, costretto ad abbandonare il campo immediatamente. Al suo posto entra Lombardi. 

46' - Subito Lazio all'interno degli ultimi 16 metri Viola. Fiorentina che si difende con ordine.

46' - Primo pallone toccato dalla Viola.

46' - VIA! SI RIPARTE! E' INIZIATO IL SECONDO TEMPO DI FIORENTINA - LAZIO.

19.09 - Squadre in campo. Non ci saranno cambi all'intervallo.

19.08 - Le squadre stanno per fare il loro ritorno in campo.

18.54 - Ad esser maggiormente pericolosa è stata la Lazio, vivace con il solito Keita e con un Luis Alberto in grande spolvero. Le occasioni da rete però, così come in casa Viola, sono state davvero poche.

18.52 - Primo tempo dominato da tattica ed equilibrio quello del Franchi. Le due squadre hanno pensato a non subire prima che attaccare, favorendo un punteggio inevitabilmente privo di reti. 

45' - Termina senza recupero il primo tempo del Franchi. E' 0-0 al 45' tra Fiorentina e Lazio.

44' - Ripartenza Lazio. Djordjevic fa tutto da se, favorito anche dal movimento ad uscire di Keita, bravo nel liberare la corsia centrale al 9. La conclusione del delantero biancoceleste però, termina alta di parecchio.

40' - Occasione Fiorentina, ancora con il solito schema: cross avvolgente - stavolta dalla sinistra - per la conclusione in girata di Babacar. Pallone non rapidissimo ma affilato, che termina la sua corsa di poco sul fondo.

35' - Altro pallone calciato bene nel mezzo da parte di Luis Alberto. All'appuntamento con la sfera arriva Djordjevic, ma il suo colpo di testa non si rivela pericoloso.

34' - Episodio sospetto al limite dell'area Viola. Gran lancio di un grande Luis Alberto per Keita, toccato in modo irregolare da De Maio. Per Celi è tutto regolare.

33' - Ci prova Federico Chiesa, fino ad ora il ombra. Conclusione nascosta fino all'ultimo quella quel giovane classe 97', che dalla distanza non trova la porta in altezza. Palla alta non di molto.

31' - Astori costretto ad allungare il cross di uno scatenato Lukaku in calcio d'angolo. Djordjevic era in agguato alle sue spalle.

28' - OCCASIONE IMPORTANTE IN FAVORE DELLA LAZIO. SUPER RIFLESSO DI TATARUSANU PER BLOCCARE IL MANCINO A GIRO DI LUIS ALBERTO. CONCLUSIONE POTENTE E VELENOSA, BEN DISINNESCATA DAL NUMERO UNO ROMENO.

27' - Celi mette mano al taschino. Due ammoniti nel giro di un minuto: prima Parolo, poi Astori.

25' - Tenta una magia delle sue Keita, il cui spunto è rapido ma non a sufficienza per battere sul tempo l'uscita di Tatarusanu.

21' - Keita ha provato la conclusione da posizione quasi impossibile, centrando la parte alta della traversa. Occasione Lazio sugli sviluppi di palla inattiva.

20' - Errore in fase di disimpegno commesso da De Maio, poi costretto a stendere Luis Alberto. Punizione in favore dei biancocelesti.

19' - Torna a farsi vedere in avanti la Fiorentina. Azione che si sviluppa a destra, col cross di Chiesa per l'avvitamento di Babacar. Il centravanti col 30 colpisce ma non da forza. Tutto facile per Strakosha.

18' - Ottima transizione offensiva da parte di Luis Alberto, prezioso con il dribbling con tunnel incorporato su Valero. L'azione però, si perde per via del mancato aggancio di Keita.

12' - Risponde immediatamente la Lazio. Occasione in favore di Luis Alberto nata da un lancio in profondità, addomesticato nel miglior modo possibile da Keita. Il pallone vacante è stato raccolto dallo spagnolo che però non ha trovato lo specchio di porta.

11' - OCCASIONE FIORENTINA: Gran giocata di Bernardeschi, bravissimo nella difesa del pallone da terra. Il 10, dopo esser tornato in equilibrio, ha puntato secco verso la porta, lasciando partire un sinistro insidioso dai 25 metri. Strakosha blocca in due tempi.

7' - Prima azione di marca Viola: Borja Valero si inserisce sul centro sinistra, favorendo il tentativo di cross da parte di Olivera. Il pallone è leggermente lungo, ma Babacar è comunque bravo nell'arrivare e nel colpire di testa. Palla sul fondo.

5' - Primo squillo dell'uomo più in forma: Keita Balde Diao. Il senegalese si allarga sulla sinsistra, riceve, punta e calcia. Conclusione deviata in angolo.

4' - Prova direttamente la conclusione in porta Luis Alberto. Tatarusanu non si lascia sorprendere allontanando ancora in corner.

3' - Ottimo spunto di Lukaku, abile nel guadagnarsi un calcio d'angolo.

2' - Calcio di punizione in favore della Lazio, battuto in mezzo da Luis Alberto. Pallone allungato dalla parte opposta, la dove non vi era nessun biancoceleste.

1' - Subito a lavoro Hoedt, costretto ad alzarsi di qualche metro per bloccare sul nascere l'avanzata centrale di Bernardeschi.

1' - Primo pallone toccato dagli ospiti.

1' - VIA! SI PARTE, E' INIZIATA FIORENTINA - LAZIO!

18.03 - Tutto pronto al Franchi. Ci siamo, sta per iniziare Fiorentina - Lazio.

18.02 - Il direttore di gara è il Signor Celi.

18.01 - Suona O' Generosa, inno del campionato di Serie A Tim.

18.00 - SQUADRE IN CAMPO.

17.56 - Le squadre sono pronte per fare il loro ingresso in campo. Tutti nel tunnel che porta al prato del Franchi.

17.46 - Le squadre hanno terminato il riscaldamento. Tutti di nuovo negli spogliatoi. Il momento del kick off si fa sempre più vicino.

17.42 - Qualche minuto fa, Tomovic ha accusato un problema all'altezza del ginocchio destro. I sanitari Viola hanno prestato soccorso al difensore che dopo qualche istante ha ripreso l'allenamento. Le sue condizioni però, sono da monitorare in vista del kick off.

17.40 - Ultimi minuti di warm up per Fiorentina e Lazio, prossime ad abbandonare il campo.

17.30 - Ecco i due schieramenti a confronto.

17.29 - Ecco la Fiorentina in campo per il riscaldamento. E' presente anche la Lazio sul prato del Franchi.

17.22 - I portieri sono in campo per il riscaldamento. A breve, anche il resto delle squadre farà il loro ingresso sul prato del Franchi.

17.21 - Inzaghi ricorre ad un turnover massiccio, lasciando a riposo De Vrij, Biglia, Milinkovic, Anderson, Lulic e Immobile. Nel 3-5-2 mascherato del tecnico piacentino (molto dipenderà dalla posizione in campo di Luis Alberto), trovano spazio Patric e Lukaku come esterni alti a centrocampo. Murgia invece, prende il posto di Biglia, con Djordjevic a fare le veci di Immobile.

LAZIO:  (3-5-2): Strakosha; Bastos, Hoedt, Radu; Patric, Murgia, Parolo, Luis Alberto, Lukaku; Djordjevic, Keita. 

17.18 - Passiamo all'undici scelto da Inzaghi per la sua Lazio.

17.17 - Sorprende in alcune delle sue scelte Paulo Sousa. Il tecnico portoghese rinuncia a Sanchez, Tello, Ilicic e Kalinic dal primo minuto. Oltre a queste scelte puramente tecniche, out anche Gonzalo e Badelj. Ecco che allora, prende forma il 3-4-2-1 Viola con De Maio in difesa, Olivera a centrocampo, Cristoforo sulla trequarti e Babacar come unica punta.

FIORENTINA:  (3-4-2-1): Tatarusanu; Astori, De Maio, Tomovic; Chiesa, Vecino, Valero, Olivera; Bernardeschi, Cristoforo; Babacar.

17.14 - Partiamo dall'undici scelto da Paulo Sousa per la sua Fiorentina.

17.14 - Dopo aver sbirciato all'interno dei due spogliatoi, è giunto il momento di passare alla lettura delle formazioni ufficiali.

17.13 - Questo invece, lo spogliatoio ospite.

17.11 - Ecco alcune immagini dello spogliatoio Viola. 

17.09 - Prima di passare alla lettura delle formazioni ufficiali, facciamo un giro all'interno degli spogliatoi delle due squadre.

17.07 - Il match è delicatissimo anche per la Fiorentina, come annunciato, a caccia di punti utili in chiave Europa. I tanti passi falsi commessi in questa primavera, costringono la squadra di Sousa con le spalle al muro. Non basta vincere, ora bisogna anche sperare nel risultato delle altre.

17.05 - La Lazio arriva a Firenze con la Finale di Tim Cup alle porte. Per i capitolini, il pensiero di dover affrontare la Juve nella finale secca di mercoledì potrebbe togliere un briciolo di lucidità. Inzaghi però, è sembrato molto determinato alla vigilia di questa sfida. Con la Viola, guai ad abbassare la tensione.

17.03 - Ad attendere la Lazio di Simone Inzaghi c'è la Fiorentina di Paulo Sousa. Se i biancocelesti, già certi dell'accesso in Europa, hanno come obiettivo quello di blindare il quarto posto, i gigliati non possono più sbagliare. L'imperativo è vincere per sperare ancora nel sesto posto e nel preliminare di Europa League.

17.01 - Incastonato tra i colli fiesolani, ben visibili all'orizzonte, l'Artemio Franchi di Firenze ospita il match che apre le danze relative al 36^ turno di Serie A.

17.00 - Cari Amici lettori di Vavel Italia, buon pomeriggio e benvenuti alla diretta scritta live ed online di Fiorentina - Lazio, anticipo del sabato che apre il programma relativo alla 36^ giornata del campionato di Serie A Tim 2016/17.

Scatta dal prato dell'Artemio Franchi di Firenze il 36^ turno del campionato di Serie A 2016/17. Mentre nella giornata di domenica, la Juventus potrebbe laurearsi Campione d'Italia per la sesta volta consecutiva, al sabato è la lotta per la zona europea ad incendiare lo stivale. Al Franchi, va in scena un crocevia decisivo per le ambizioni della Fiorentina di Paulo Sousa, a tre punti dal sesto posto del Milan e più che mai desiderosa di riscattare le ultime opache prestazioni. La Viola però, è attesa da un match ad alto coefficiente di difficoltà: nel capoluogo toscano infatti, è pronta a sbarcare la Lazio di Simone Inzaghi. Forte di uno stato psicofisico scintillante, la squadra capitolina ha già in tasca la qualificazione alla prossima Europa League. L'obiettivo però, è quello di blindare il quarto posto (che permetterebbe l'acceso diretto alla fase a gironi) e preparare al maglio la Finale di Tim Cup in programma mercoledì 17 con la Juventus.

a delusione dei calciatori viola, dopo la sconfitta rimediata all'andata. Fonte foto: it.eurosport.com
a delusione dei calciatori viola, dopo la sconfitta rimediata all'andata. Fonte foto: it.eurosport.com

L'umore non è dei migliori, ma nulla è perduto. In casa Viola, la vigilia della sfida con la Lazio ha quasi il sapore di una finale. Non sfruttare la chance concessa dal calendario (alle 20.45 è in programma Atalanta - Milan in quel di Bergamo) sarebbe un peccato enorme. L'ultimo treno è questo; il vagone potrebbe essere il meno confortevole e il viaggio più articolato. Poco importa; ai ragazzi di Sousa - che credono ancora fermamente nella possibilità di andare in Europa League - occorrono punti pesanti per sperare ancora. L'angusta porta del terzo turno preliminare è un ostacolo lontano nella mente di Bernardeschi e soci, concentrati dopo il pari di Reggio Emilia, sul match con la Lazio.

L'uscita di domenica con i neroverdi, ha evidenziato una volta di più le tante problematiche della Fiorentina. Impacciata in alcuni frangenti, spigliata e ben decisa in altri, la creatura di Sousa ha dato l'impressione di essere incompiuta; tradita ancora una volta dal suo ministro della difesa (Gonzalo Rodriguez, espulso e dunque assente con la Lazio), la squadra gigliata è ricorsa al talento di Federico Bernardeschi per portar via un punticino prezioso. Ora, a bocce ferme, la classifica parla chiaro: Atalanta 65, Milan 59, Inter e Fiorentina 56. Considerando gli scontri diretti - sfavorevoli in due casi su tre - per i gigliati, correre sull'Atalanta sembra improponibile. Sfornare prestazioni come quella di Palermo però, a questo punto della stagione, di certo non possono favorire il rientro della Viola, stavolta sì, sospesa tra Europa e oblio.

Solo un pareggio per la Viola a Reggio Emilia. Fonte foto: corrieredellosport.it
Solo un pareggio per la Viola a Reggio Emilia. Fonte foto: corrieredellosport.it

Tutt'altro umore si respira in casa Lazio. I Capitolini, arrivano a Firenze titolari di un biglietto da visita esaltante. I punteggi tennistici ottenuti con Palermo e Sampdoria, son serviti per certificare l'accesso alla prossima Europa League. Nel mezzo, c'è stata anche la roboante affermazione nel Derby con la Roma. Il tutto, proiettando lo sguardo a quel che è stato e a quel che sarà. Strepitosa infatti, la Lazio in grado di superare la stessa Roma nella doppia semifinale di Tim Cup, guadagnando di pieno diritto il pass per la finale del prossimo 17 maggio. Il rischio, per i ragazzi di Inzaghi, può essere rappresentato proprio da questo fattore. Tra qualche giorno i biancocelesti saranno attesi dall'appuntamento più importante della stagione, e il pericolo è che l'attenzione sia già rivolta verso il prossimo mercoledì.

Per tenere i suoi sull'attenti, Inzaghi sta pensando ad un massiccio turnover in vista di Firenze. Un turnover che potrebbe permettere a chi - come Djordjevic - è rimasto maggiormente in ombra, di mettersi in evidenza agli occhi di allenatore e tifosi. Il tutto, ricordando che la Lazio, seppur già qualificata per la prossima Europa League, deve difendere l'attuale quarto posto. L'Atalanta è distante cinque punti, e solo l'attuale piazzamento garantisce l'accesso diretto alla fase a gironi. La trasferta di Firenze, allora, si arricchisce di tranelli, ostacoli minati, possibili cali di concentrazione, che la Lazio non può permettersi in questo preciso momento della stagione.

Devastante la Lazio vista con la Samp. Punteggio tennstico: 7-3. Fonte foto: tuttosport.it
Devastante la Lazio vista con la Samp. Punteggio tennstico: 7-3. Fonte foto: tuttosport.it

Alla vigilia della sfida alla Lazio, non sono molti i dubbi di formazione che affliggono Paulo Sousa. Il portoghese, oramai con le valige in mano, deve fare a meno di Capitan Rodriguez, squalificato. A centrocampo invece, l'assente illustre sarà Milan Badelj, alle prese con un problema muscolare che potrebbe aver chiuso anzitempo la sua stagione. Tutto confermato invece, per quel che riguarda l'attacco, con Nikola Kalinic costretto a farsi perdonare l'errore dal dischetto di una settimana fa. Nel classico 3-4-2-1 ideato da Sousa, davanti a Tatarusanu, la terza linea dovrebbe esser composta da Astori, Sanchez e Tomovic. A centrocampo invece, data l'assenza di Badelj tocca a Vecino affiancare il saggio Borja Valero. Sugli esterni invece, è ballottaggio Chiesa - Milic, e Tello - Olivera (con i primi in lieve vantaggio). Davanti invece, sembrano esser pochi i dubbi: alle spalle di Kalinic infatti, agiranno Ilicic e Bernardeschi

FIORENTINA: (3-4-2-1): Tatarusanu; Astori, Sanchez, Tomovic; Chiesa, Vecino, Valero, Tello; Bernardeschi, Ilicic; Kalinic. All. P. Sousa.

Tante invece, le possibilità che la Lazio, e in particolare in suo tecnico, finiscano per sorprendere in sede di formazione titolare. Con l'impellente impegno di Tim Cup, Inzaghi sembra orientato verso un turnover mirato, capace di togliere dal campo pedine preziosissime come De Vrij, Biglia o Immobile. Molti dubbi riguardano anche il modulo da mandare in campo: l'abbinamento favorito sembra essere il 3-4-3, anche se restano in ballo le ipotesi 4-3-3 e 3-5-2. La strada più semplice, vede Bastos, Hoedt e Radu piazzati dinanzi a Strakosha. A centrocampo, gli esterni potrebbero essere Patric e Lukaku, con la coppia Murgia - Parolo ad agire in mezzo. Davanti, chance importanti verranno concesse a Luis Alberto e Djordjevic. Intoccabile invece, Keita Baldé Daio.

LAZIO: (3-4-3): Strakosha; Bastos, Hoedt, Radu; Patric, Murgia, Parolo, Lukaku; Luis Alberto, Djordjevic, Keita. All. S. Inzaghi.

Il rigore di Ilicic parato da Marchetti nella gara d'andata. Fonte foto: it.eurosport.com
Il rigore di Ilicic parato da Marchetti nella gara d'andata. Fonte foto: it.eurosport.com

Sono 157 i confronti diretti tra Fiorentina e Lazio nella massima serie. I Capitolini guidano con 50 successi, di cui solo 17 in terra di toscana. Al contrario, 31 dei 45 successi della Fiorentina, sono stati ottenuti proprio dinanzi al pubblico del Franchi. Lo scorso anno però, ad imporsi fu la Lazio allora allenata da Stefano Pioli. I biancocelesti, sfruttando la serata magica della coppia Keita - Milinkovic Savic, sbancarono il Franchi con un perentorio 3-1. Lo stesso risultato (3-1 in favore della Lazio), è maturato nell'unico precedente relativo a questa stagione. In quella circostanza, i gol di Keita, Lulic e Biglia furono sufficienti alla Lazio per sbrigare la pratica Viola.