Lazio, visite mediche per Biglia. Milan alla finestra

Non c'è ancora l'accordo totale per il trasferimento dell'argentino in rossonero: perciò, oggi, visite mediche di rito con i biancocelesti. Si vorrebbe evitare l'imbarazzo del ritiro: i rossoneri valutano anche le alternative.

Lazio, visite mediche per Biglia. Milan alla finestra
Una foto dalle visite mediche (dell'anno scorso) di Biglia con la Lazio. | corrieredellosport.it

Possiamo ormai dire che l'avventura di Lucas Biglia con la Lazio è giunta ai titoli di coda. Il classe 1986, fra i migliori registi della Serie A, ha il proprio contratto in essere coi biancocelesti in scadenza nel 2018 e non ha alcuna intenzione di rinnovare; vista la contemporanea intenzione di Lotito di non perderlo a parametro zero, sembra che l'argentino si trasferirà fra non molto al Milan, con cui ha già un accordo per l'eventuale ingaggio che andrebbe a percepire: l'operazione, però, non è ancora conclusa.

Di mezzo, infatti, c'è la dirigenza delle Aquile, la quale non ha ancora trovato l'intesa con i rossoneri per dare il via libera definitivo alla cessione. L'ultima offerta giunta da Milano è stata di 14 milioni più 2 di bonus, la richiesta è di 20 totali comprensivi anche della parte "variabile". Serve ancora un piccolo sforzo da entrambe le parti in causa per incontrarsi a metà strada e poter concludere la storia con un "e vissero tutti felici e contenti". Ma finchè questo non si concretizzerà nel reale, l'argentino è un tesserato della società capitolina e in quanto tale, nella mattinata odierna, ha svolto delle regolari visite mediche come tutti i suoi compagni presso la clinica "Paideia". L'intenzione di entrambi i club sarebbe di evitare l'imbarazzo del ritiro presso Auronzo di Cadore per l'oramai ex capitano laziale: tuttavia, per ora non ci sono stati grossi passi avanti nella trattativa che risulta un po' in stand-by. Nel frattempo, lo stesso Montella vorrebbe portare con sé il regista nella tournée in Cina per farlo ambientare con la squadra: la partenza è fissata a giorni, e ogni ora che passa dunque le sensazioni a riguardo diventano sempre più negative.

Nel frattempo, com'è giusto che sia, Fassone e Mirabelli stanno anche valutando delle possibili alternative. Il nome preferito sarebbe quello di Milan Badelj, in rottura con la Fiorentina da diverso tempo e col contratto in scadenza nel 2018, la cui valutazione è perciò di "soli" 6 milioni. Ultimo nella lista del gradimento è invece Grzegorz Krychowiak del Paris Saint-Germain: anche lui sul mercato da un po', ha una valutazione di 20 milioni di euro circa.