La Lazio sbatte sul muro eretto dalla Spal. Finisce 0-0

La squadra di Inzaghi domina l'incontro rendendosi pericolosa in più occasioni, soprattutto con i propri uomini di riferimento, Immobile e Milinkovic-Savic, che però mancano sempre il bersaglio grosso. La Spal può così festeggiare il primo storico punto in questo campionato.

Lazio
0 0
Spal
Lazio: Strakosha; Wallace, De Vrij, Radu; Basta (Marusic, min.68), Parolo, Alberto, Milinkovic-Savic, Lulic (Caicedo, min.86); Immobile, Palombi (Lukaku, min.67). A disp: Guerrieri, Vargic, Bastos, Luiz Felipe, Hoedt, Patric, Di Gennaro, Murgia, Lombardi. All. Inzaghi
Spal: Gomis; Marios (Cremonesi, min.55), Vicari, Vaisanen; Lazzari (Mattiello, min.89), Schiattarella, Viviani, Mora, Costa; Paloschi (Borriello, min.62), Floccari. A disp: Poluzzi, Marchegiani, Gasparetto, Antenucci, Bellemo, Rizzo, Konate, Schiavon, Salamon. All. Semplici
ARBITRO: Rosario Abisso (ITA). Ammoniti Alberto (min. 28), Wallace (min. 51), Borriello (min. 76), Viviani (min. 90)
NOTE: Prima giornata di Serie A. Stadio "Olimpico", Roma.

La Lazio viene a sorpresa fermata sullo 0-0 dalla Spal. La squadra di Inzaghi disposta in campo col 3-5-2, con Palombi a sostegno di Immobile, impone fin da subito ritmi alti al match costringendo gli spallini sulla difensiva. Nonostante ciò la formazione capitolina non riesce a trovare il bandolo della matassa. Milinkovic-Savic ed Immobile si rendono più volte pericolosi grazie ai traversoni dalla fascia destra di Basta, ma né il centrocampista serbo né il centravanti campano riescono a dare la dovuta precisione alle proprie conclusioni.

Merito di ciò va anche alla difesa ferrarese schierata da Semplici. Il tecnico spallino per opporsi alla maggior forza tecnica avversaria ha deciso di disporre i suoi in campo con lo stesso modulo della formazione avversaria, ovvero il 3-5-2, con Paloschi e Floccari a fare da punti di riferimento in attacco. La squadra emiliana si è messa in mostra soprattutto su situazioni da palla inattiva, che hanno sempre messo in difficoltà la Lazio. Nel secondo tempo il copione non è cambiato ma il gol è continuato a non arrivare fino al triplice fischio dell'arbitro. Lazio e Spal iniziano quindi il campionato con un pareggio.

Pronti, via e la Spal coglie un palo clamoroso con Viviani, il quale dopo aver ricevuto la palla direttamente da calcio d'angolo da Schiattarella ha tirato in porta spedendo la palla contro il legno alla sinistra della porta difesa da Strakosha. La Lazio risponde subito con Luis Alberto, che s'incarica della battuta di un calcio di punizione da buona posizione, ma il suo tiro non crea problemi a Gomis, che blocca la sfera senza problemi. Il n.1 estense viene impensierito poco dopo da Radu, il quale tenta di sorprenderlo con un tiro potente e preciso, ma l'estremo difensore emiliano si fa trovare pronto nella parata. Dopo un inizio di marca ospite la Lazio cresce rendendosi pericolosa sulle fasce con Basta, che crossa al centro verso Milinkovic-Savic, il quale tira in porta, ma la sua conclusione viene respinta con grandissima reattività da Gomis. Un minuto dopo ancora Basta crossa al centro verso Parolo, il quale colpisce di testa, ma la sua incornata termina oltre la traversa.

Al 20' ancora il laterale serbo si rende pericoloso con un traversone che viene raccolto al centro dell'area di rigore da Milinkovic-Savic, il quale gira la sfera di testa, ma la sua incornata termina di pochissimo a lato della porta avversaria. Al 27' padroni di casa vicinissimi al gol con Immobile, che prova a sfruttare un'uscita sbagliata di Gomis, ma il suo tiro a botta sicura viene provvidenzialmente respinto dalla retroguardia avversaria. Alla mezz'ora si fa rivedere in attacco la Spal, che usufruisce di un calcio d'angolo: dal corner la palla giunge a Schiattarella, che finta il tiro col destro e conclude col sinistro, Strakosha è battuto, ma la conclusione del n.28 estense viene provvidenzialmente respinta da De Vrij. Su capovolgimento di fronte la Lazio si rende pericolosa con Luis Alberto, che tenta la conclusione dai 30 metri, ma il suo tiro sorvola non di poco la traversa. Al 35' si riaffaccia in avanti la Spal con Lazzari, che dopo aver percorso la fascia destra ha crossato al centro verso Floccari, il quale ha colpito bene di testa, ma il suo tentativo viene neutralizzato senza problemi dall'estremo difensore avversario.

La Lazio torna a rendersi pericolosa su situazione di palla inattiva con Luis Alberto, il quale s'incarica della battuta di un calcio di punizione, il suo tiro dopo aver sorvolato la barriera viene respinto in calcio d'angolo da Gomis. Sul corner seguente la palla giunge a Basta, che tira in porta da distanza proibitiva ed infatti la sua conclusione si spegne ampiamente a lato della porta avversaria. Al 44' Spal vicina al gol con Vaisanen, che stacca bene sul corner battuto da Viviani, ma il suo colpo di testa sorvola di pochissimo la traversa. Prima dell'intervallo Lazio vicinissima al vantaggio: il solito Basta va al cross dalla fascia destra, Oikonomou sbaglia l'intervento favorendo Immobile, che stoppa la sfera e calcia in porta col destro, ma il suo tiro viene bloccato in due tempi da Gomis. Sulla parata del n.1 estense si chiude il primo tempo.

Il secondo tempo riparte da dove si è chiusa la prima frazione di gioco, ovvero con la Lazio che spinge sulla destra con Basta, il quale va al traversone verso Parolo, che calcia in porta, ma il suo tiro sorvola non di poco la traversa. Al 53' padroni di casa vicinissimi al gol: Lulic ruba palla ad Oikonomou e crossa per Immobile, che colpisce bene di testa, ma la sua incornata supera di poco il montante alto della porta avversaria. Un minuto dopo ancora il n.17 biancoceleste va alla conclusione, ma il suo tiro termina di poco sul fondo. La Spal si rende pericolosa solamente su situazione di palla inattiva come al 61' quando Vaisanen stacca bene sul corner battuto da Viviani, ma il colpo di testa del difensore spallino viene neutralizzato senza troppi patemi da Strakosha. Su capovolgimento di fronte va al tiro Milinkovic-Savic, ma la sua conclusione si spegne lontana dai pali della porta avversaria. Poco dopo Il centrocampista serbo tenta nuovamente la conclusione da fuori area, ma in questo caso il suo tiro viene disinnescato in due tempi da Gomis.

Al 77' ci prova anche Luis Alberto col destro a giro, ma la conclusione del n.18 biancoceleste termina di poco oltre la traversa. All'81' Lazio pericolosa con Lulic che va al tiro di destro, ma la sua conclusione viene prontamente respinta con i pugni da Gomis. Tre minuti dopo Milinkovic-Savic viene ben imbeccato da Marusic, ma il suo colpo di testa viene respinto con grande reattività dall'estremo difensore avversario. Nel recupero va alla conclusione Viviani dal limite dell'area, ma il suo tiro termina largo rispetto alla porta difesa da Strakosha. Sulla conclusione scoccata dal n.77 spallino termina la partita. Lazio e Spal concludono il match sul punteggio di 0-0.