Atalanta-Milan: le voci rossonere

Il Milan chiude con una vittoria una stagione deludente.

Atalanta-Milan: le voci rossonere
Atalanta-Milan: le voci rossonere

Nella sua probabile ultima partita sulla panchina rossonera, Pippo Inzaghi chiude in bellezza. Una vittoria a Bergamo contro un' Atalanta già salva per archiviare con qualche sorriso un campionato negativo. Il Milan sembra aver trovato un po' di continuità, quella che è mancata per buona parte della stagione. Bonaventura segna e dimostra di essere uno su cui ripartire per provare a rifondare un club troppo blasonato per finire a metà classifica.  Questa sera si è vista la reazione rossonera. Il Milan ha saputo rimontare l'iniziale svantaggio grazie al rigore realizzato da Pazzini e alla doppietta di Jack, giunto al settimo gol in campionato.

Inzaghi sa che Galliani sta facendo di tutto pur di riportare Ancelotti al Diavolo ma vuole andare avanti fin quando può.  Così Pippo fa chiarezza ai microfoni di Mediaset Premium :"In queste ultime partite siamo stati veramente squadra C'è una buona base, con qualche acquisto importante il Milan tornerà ai vertici". "Io ho un contratto, se si crede in me si andrà avanti."  Il tecnico piacentino non ha nulla da perdere, sa bene che servono ulteriori innesti per rinforzare la rosa ma non demorde e vuole giocarsi le sue carte fino all'ultimo.  "Abbiamo battuto anche la Roma, la partita di Sassuolo l'abbiamo vista tutti. Il Milan  ha un gioco." " Bisogna ripartire da da gente che ha la cultura del lavoro. Rappresentiamo sempre il Milan,  la società ha visto che qualcosa di buono c'è".  Su Berlusconi: "Da allenatore devi sempre cercare di dare un'identità di gioco. Non commento le parole del presidente perché mi è sempre stato vicino."
Inzaghi elogia infine la stagione di Menez.

A Sky Sport ha parlato il goleador della serata, Giacomo Bonaventura: "Ho ricevuto un affetto dai bergamaschi,di tifoserie così ce ne sono poche in Italia.  Mi sono capitati due tiri a porta vuota, non potevo neanche sbagliare, dispiace perché all’Atalanta non volevo far male, ma sono convinto che i bergamaschi che mi vogliono bene sono contenti per me. Io sogno di vincere con questa squadra, spero che il Milan torni a lottare per i vertici del campionato e per l’Europa." Poi su una possibile chiamata di Antonio Conte il numero 28 rossonero è speranzoso: "Vediamo, domani ci sono le convocazioni, è sempre bello giocare in nazionale".

Stasera si è rivisto Mattia De Sciglio. Intervistato da Sky Sport, il difensore rossonero è felice di essere tornato in campo: "Speravo di non avere tutti questi problemi, la continuità è importante ma sono contento di aver recuperato in tempo per quest'utlima partita, Darò il massimo come sempre e le cose torneranno come prima".