Milan, capitan Montolivo: "La cosa più importante è regalare una gioia ai tifosi"

Ai fianchi di Sinisa Mihajlovic in conferenza stampa sono intervenuti Nigel de Jong e Riccardo Montolivo. Il centrocampista olandese: "Il gol del maggio 2014 è stata una bella emozione ed è sempre bello segnare all'Inter"

Milan, capitan Montolivo: "La cosa più importante è regalare una gioia ai tifosi"
Milan, capitan Montolivo: "La cosa più importante è regalare una gioia ai tifosi"

A poche ore dal derby di Milano tra Inter e Milan, sono intervenuti in conferenza stampa assieme a Sinisa Mihajlovic, Riccardo Montolivo e Nigel De Jong. Il capitano rossonero è pronto per questa importante partita: "Cerchiamo di mettere in difficoltà il mister nelle scelte, ma la cosa più importante è regalare una gioia ai tifosi. Un anno e mezzo fa la mia carriera si è fermata e vorrei ripartire. Non devo avere fretta e lavorare la settimana come tutti gli altri. Devo farmi trovare pronto. Domani è una gara importante per tutti. Dal punto di vista psicologico può darci una spinta in più, ma siamo comunque alla terza giornata. Quindi dobbiamo essere sereni e spensierati".

Utilizzato con il contagocce, l'ex Fiorentina spera di rilanciarsi proprio nel derby: "Il mio impegno è sempre massimo e cerco sempre di mettere in difficoltà il mister. Io so che perfettamente che il mister fa le scelte in funzione del bene della squadra. Sono molto sereno, cercherò sempre di farmi trovare pronto quando mi chiamerà a giocare. Devo solo pensare a fare bene con i miei compagni. Io conosco il mister forse meglio degli altri. Non sono stupito del suo modo di comunicare. La squadra accetta serenamente quello che dice il mister alla stampa, perchè lo dice prima a noi negli spogliatoi. Ci dispiace leggere di certe cose sulla stampa. Sono informazioni sbagliate che si danno anche ai lettori. La squadra è compatta con il suo allenatore. Mi è già capitato di affrontare Felipe Melo e poi ci sono anche Jovetic e Ljajic. Si conosce il loro valore."

Il centrocampista olandese ha parlato della sfida all'Inter di domani sera, lui che tra l'altro ha deciso l'ultimo derby vinto dai rossoneri con un gran colpo di testa: "Il gol del maggio 2014 è stata una bella emozione ed è sempre bello segnare all'Inter. E' il ricordo più bello che ho. Domani sono importanti i 3 punti, non chi fa gol. Io non so chi giocherà domani. Il sistema lo conosciamo. Le scelte dell'allenatore le vedremo domani. Alla fine noi dobbiamo lavorare in allenamento e poi vedremo chi giocherà".