Borsino Milan, chi va e chi resta: capitolo attaccanti

Chi potrebbe lasciare Milanello? Chi invece potrebbe rimanere ancora in rossonero?

Borsino Milan, chi va e chi resta: capitolo attaccanti
M'Baye Niang e Carlos Bacca, fonte Gazzetta.it

Il Milan è già al lavoro per pianificare la prossima stagione e sta valutando il futuro in rosa di alcuni calciatori. In queste giornate di festa, la redazione Milan di Vavel Italia, ha voluto analizzare la situazione ad ora di ogni singolo giocatore per ogni singolo reparto rossonero. Parliamo dell'attacco: chi rimarrà al Milan anche la prossima stagione? Chi invece farà le valigie?

CARLOS BACCA

L'unica vera certezza è rappresentata da Carlos Bacca, probabilmente il miglior acquisto d'attacco dal dopo Ibrahimovic. Autore di sedici gol totali (14 in serie A) è il vero bomber di questo Milan, ha conquistato tutti a Milanello: tifosi, allenatore, compagni. Il colombiano è una delle poche note positive della complicata stagione della squadra di Mihajlovic, che è stata caratterizzata da molti alti e bassi; è il finalizzatore perfetto, per battere il portiere avversario sa farsi bastare poche occasioni, spesso colpisce alla prima. L'attaccante rossonero ha due obiettivi ben precisi: il secondo posto nella classifica cannonieri dietro a Gonzalo Higuain e il raggiungimento di quota 20 reti. La società di Via Aldo Rossi non ha intenzione di cedere l'ex Siviglia, ma in estate arriveranno tante offerte per il colombiano che è sulla lista del Bayern di Carlo Ancelotti e piace ad Arsene Wenger e alle due squadre di Madrid, Atletico e Real. Il Milan proverà a resistere ai vari corteggiamenti, ma già avrebbe  fissato il prezzo per l’eventuale partenza del El Peluca, cioè 30 milioni di euro. Se si vuole davvero tornare in Champions, Bacca dovrebbe essere la certezza da cui ripartire, il punto fermo per la squadra rossonera.

Carlos Bacca, fonte dailymail.co.uk
Carlos Bacca, fonte dailymail.co.uk

M' BAYE NIANG

M'Baye Niang è l'altra certezza. L'attaccante francese (a quota 5 reti in campionato) si è ripreso per mano la squadra rossonera a suon di goal. L’esperienza della scorsa stagione al Genova, sotto la guida di Gasperini, lo ha profondamente cambiato. Con Mihajlovic, ha aumentato il proprio processo di crescita, trovando la giusta intesa con il compagno di reparto Carlos Bacca, creando quel tandem offensivo con il quale il Diavolo aveva trovato diverse buone prestazioni. Purtroppo ad inizio mese è arrivato il grave infortunio che ha visto protagonista Niang e a causa del quale dovrà stare fermo per un paio di mesi. Il giocatore francese vuole bruciare i tempi di recupero ed essere abile arruolabile per la finalissima di Coppa Italia del prossimo 21 maggio, contro la Juventus, a Roma. Anche il giovane classe 1994 ha estimatori nonostante sia destinato ad un lungo stop. A gennaio, il Leicester aveva fatto un tentativo per portare in Inghilterra M'Baye Niang, ma alla fine la trattativa saltò e così il francese è rimasto in rossonero. In estate ci potrebbe essere un ritorno di fiamma, in particolare se, come sembra, il club allenato da Ranieri dovesse qualificarsi in Champions League.

M'Baye Niang, fonte Gazzettaworld.it
M'Baye Niang, fonte Gazzettaworld.it

LUIZ ADRIANO

Il brasiliano ha avuto un periodo difficile tra le voci di mercato (come noto a gennaio era stato praticamente ceduto in Cina per 15 milioni di euro) e l’infortunio che l’ha frenato da gennaio in poi. Ora l'ex Shakhtar Donetsk ha saputo riconquistare l'ambiente rossonero con il lavoro e con il sudore. Per questo Sinisa Mihajlovic ha intenzione di schierarlo nuovamente  ed a relegare ancora una volta in panchina sia Mario Balotelli che Jeremy Menez. Il suo trasferimento avrebbe portato una solida plusvalenza alla società di via Aldo Rossi (il Milan ne aveva spesi 8 ndr).  C'è anche da dire che la coppia composta dal colombiano e da Luiz Adriano piace moltissimo, in particolare al presidente Berlusconi ed Adriano Galliani. In estate il brasiliano potrebbe essere chiesto da club esteri, dalla Cina o dalla Mls, ma non è da escludere, qualunque sia l'allenatore nella prossima stagione, un suo mantenimento in rosa.

Luiz Adriano, fonte milancafe24
Luiz Adriano, fonte milancafe24

MARIO BALOTELLI

Mario Balotelli rientrerà quasi certamente dal prestito al Liverpool. Il suo apporto in questa stagione (a segno una sola volta, fra l’altro su calcio piazzato) anche a causa degli infortuni, è stato piuttosto deludente. Anche Adriano Galliani, durante il pre-partita di Chievo-Milan, ha commentato il futuro di Mario Balotelli: "Mario non sta rendendo per quello che ci aspettavamo. È presto per parlare del suo futuro". Un talento che ha faticato a rispettare le promesse: SuperMario avrebbe voluto convincere la società di via Aldo Rossi a riscattarlo, doveva rilanciarsi, ma non c’è riuscito. Solo un grandissimo finale di stagione potrebbe magari far cambiare idea ai vertici del Milan, ma quasi certamente il suo destino sembra essere già scritto.

Mario Balotelli, fonte Gazzetta.it
Mario Balotelli, fonte Gazzetta.it

JEREMY MENEZ

Jeremy Menez, ancora a secco in Serie  A e con l'ambiente pare ai minimi storici. Negli ultimi due incontri, il francese  si è dimostrato indisposto con la panchina e in campo ha mostrato un atteggiamento totalmente sbagliato. In via Aldo Rossi questo episodio ha causato grande irritazione. Nella passata stagione, Jeremy Menez è stato l'uomo simbolo del Milan di Inzaghi, ma ora come ora, sta facendo vedere la peggiore versione di sé: recuperato dopo un lungo periodo di degenza, è ancora lontano dalla migliore condizione, ma  sta deludendo le speranze e le aspettative. Il futuro di Jeremy Menez è lontano dal Milan e il club di via Aldo Rossi avrebbe già comunque pronto il suo sostituto, cioè Hatem Ben Arfa, che è in scadenza di contratto con il Nizza.

Jeremy Menez, fonte Goal.it
Jeremy Menez, fonte Goal.it