Milan, Lapadula ha le idee chiare: "Voglio entrare nella storia del club"

Le parole dell'attaccante rossonero a SportWeek: "Ora sto bene. Ora comincia la mia storia in rossonero".

Milan, Lapadula ha le idee chiare: "Voglio entrare nella storia del club"
Milan, Lapadula ha le idee chiare: "Voglio entrare nella storia del club" - corrieredellosport

Gianluca Lapadula ha concesso un'intervista a SportWeek, il settimanale de La Gazzetta dello Sport in edicola oggi. Titolare nella vittoria di domenica a Verona col Chievo, ma anche contro la Sampdoria qualche settimana fa: "In quella partita mi sentivo benissimo.Sui giudizi ha pesato l’occasione davanti alla porta sprecata per troppa frenesia. Non mi aspettavo il cambio. Quando gioco male sono il primo ad ammetterlo e non era quello il caso".

L'ex Pescara si può definire una riserva di lusso, ma non ha iniziato al meglio la stagione: "Prima di firmare un contratto io voglio sapere qual è il progetto tecnico. A Galliani ho chiesto come pensassero di impiegarmi. Eppure andavo al Milan e a prendere uno stipendio che mi cambiava la vita: avrei potuto star zitto, e invece. Gli ho pure detto che ero messo male fisicamente. A Pescara, da gennaio a maggio, avevo fatto sì e no dieci allenamenti. Giocavo la partita e stop. Fascite plantare, guai alla caviglia, al tendine d’Achille e al bacino: problemi che mi hanno costretto a saltare la preparazione estiva al Milan. Ora sto bene. Ora comincia la mia storia in rossonero".

E ancora: "Facevo fatica anche solo a immaginare che uno con la mia storia potesse essere accostato al Milan. Così, dissi al mio procuratore, Libertazzi: non mi interessano altre trattative. Se davvero il Milan mi vuole, fermo tutto il resto. Per un po’ non seppi niente, poi, quando sembrava vicina la firma con un altro club... Galliani mi disse: sei una scelta del presidente, poi mia, infine degli allenatori contattati per la nostra panchina. tutti hanno detto sì al tuo acquisto"

Prima foto di Lapadula con la maglia del Milan - acmilan.com
Prima foto di Lapadula con la maglia del Milan - acmilan.com

Lapadula, capocannoniere della scorsa stagione di Serie B, domenica sera ha dimostrato grandi progressi nel match del Bentegodi, ma gli manca ancora il primo gol con la maglia del Milan. Questa sera sarà Carlos Bacca il titolare dell'attacco rossonero, con l'ex Pescara pronto a subentrare nella ripresa: "Galliani non mi disse che Bacca sarebbe rimasto, né io gli chiesi niente al riguardo, giuro. Mi parlò invece di un 4-3-1-2 che a me piacque molto. Oggi giochiamo col 4-3-3, ma quando ho firmato l’allenatore non c’era ancora. E comunque io insieme a Bacca mi vedo bene. Le mie migliori stagione le ho disputate da seconda punta. L’anno scorso è stato il mio primo da centravanti e ho battuto il record personale di gol, ma a livello di prestazioni non ho fatto così bene come quando giocavo da seconda punta".  

Contro i clivensi, il 26enne ha giocato una gara piena di sacrificio e determinazione, ricevendo pure i complimenti da Montella: "Io sono arrivato al Milan e mi sono steso sul lettino del medico. Oltre a perdere gli allenamenti ho fatto fatica a entrare in sintonia coi compagni e con i tecnici. Un mese e mezzo così. Ma sono ancora in tempo. Penso che se fossi andato al Crotone ultimo in classifica, ora non giocherei lo stesso. Sono arrivato in A spremuto". 

Lapadula in azione contro il Chievo Verona - la gazzetta.it

Lapadula sa di poter diventare importante per il Milan e non vuole lasciare il club: "Tornare in prestito al Pescara? Ho imparato che nel calcio, se vai in prestito, non funziona. Perciò, se dovessi andar via, ovunque fosse, chiederei la cessione a titolo definitivo. Ma prima devo giocarmi tutte le mie carte al Milan. Significa arrivare fino a maggio. Ma ho firmato un quinquennale e voglio entrare a far parte della storia di questa squadra".