Milan, Montella: "Voglio che il Milan mi stupisca, vivo questa sfida come un derby."

Il Milan ospita il Napoli in uno scontro diretto per le zone nobili della classifica. Vincenzo Montella presenta la sfida contro i partenopei nella consueta conferenza stampa a Milanello, affrontando i problemi fisici della difesa e le squalifiche.

Milan, Montella: "Voglio che il Milan mi stupisca, vivo questa sfida come un derby."
Milan, Montella: "Voglio che il Milan mi stupisca, vivo questa sfida come un derby."

Dopo la rimonta all'Olimpico di Torino di lunedì, il Milan scende di nuovo in campo, sul prato di San Siro, contro il Napoli, in uno scontro ad alta quota. Grandi ambizioni in entrambi i fronti, i partenopei cercano l'assalto al secondo posto, mentre il Milan punta ad agganciare la truppa di Sarri e poggiare un mattoncino prezioso per la conquista dell'Europa. Nella giornata odierna, il tecnico rossonero, Vincenzo Montella si è presentato alla stampa per la consueta conferenza. 

Un pensiero solidale alle vittime del terremoto del centro Italia: "Ci tengo a fare un saluto e a dare un abbraccio a tutte le popolazioni del Centro Italia, da parte mia e della squadra. Sono situazioni drammatiche. Dispiace veramente molto, cercheremo di fare qualcosa per loro". Prima di affrontare il discorso Napoli, con un occhio di riguardo su Mertens, il giocatore più in forma degli ospiti: "Ci stiamo preparando bene. Siamo consapevoli che dovremo fare una partita di altissimo livello per fronteggiare il Napoli. Li affrontiamo nel loro miglior momento della stagione. Per noi è un motivo, non solo di orgoglio, ma anche di confronto contro una squadra più matura di noi. Il Napoli è una squadra abituata a partite come queste, staremo a vedere. Loro sono stati costruiti per fare la Champions, con un budget superiore al nostro. Hanno doppioni dello stesso livello in ogni ruolo, quindi mi aspetto un avversario molto competitivo, indipendentemente da chi giocherà. Mi aspetto una partita dove entrambe le squadre cercheranno i tre punti, molto dipenderà dall'inizio. Mertens un attaccante atipico, abile nel giocare tra le linee. Crea spazi per i compagni, direi che si è adattato bene al ruolo di prima punta".

Sarà fondamentale l'approccio iniziale, evitando di andare in svantaggio subito, per poi cercare la rimonta: "I numeri possono essere letti in modi diversi: certamente il fatto di aver segnato tanti gol nella ripresa ci fa capire che bisogna migliorare l'approccio alle partite. L'ideale sarebbe riuscire a mantenere alta la concentrazione per tutti i 90'. Io voglio che mi stupiscano ancora. Sono sicuro che faremo una grande partita e che avremo un grande approccio. Il nostro livello di gioco è cresciuto molto rispetto all'inizio dell'anno. Questo presta il fianco alle critiche, ma noi siamo pronti. Ci sono ancora diverse cose da migliorare, ma sono convinto che stiamo ponendo le basi per il futuro. I ragazzi sono convinti di quello che fanno, per me questo è motivo di grande orgoglio. Non decidiamo noi di andare in svantaggio. Contro grandi squadre è più difficile recuperare, ma non sempre è così. Sono napoletano, per me questa sfida è un derby."

Diversi problemi di formazione, con i terzini alle prese con i guai fisici e le squalifiche di Romagnoli e Locatelli, Montella potrebbe dare spazio a Sosa: "Sosa ha fatto un'ottima partita in TIM Cup contro il Torino, è una possibilità. Lui come Bertolacci o Kucka, dopo l'allenamento di oggi capiremo di più. Antonelli è da valutare, si è aggregato da un paio di giorni. Niang ieri ha avuto un leggero attacco influenzale, oggi valuteremo. In generale si sta allenando bene, non deve avere fretta. Tutto questo fa parte di un processo di crescita, deve stare sereno e tranquillo. De Sciglio? Temo non sia in grado di recuperare domani, più tardi decideremo cosa fare. Lunedì Bacca ha fatto un'ottima partita anche a livello di partecipazione alla manovra, ha fatto meglio di altre volte. Deve pensare soprattutto a segnare."