Milan, parla Mati Fernandez: "Europa? Ci proviamo"

Il centrocampista rossonero analizza il momento che sta vivendo la sua squadra. Tra alti e bassi, l'obiettivo resta uno soltanto: tornare in Europa.

Milan, parla Mati Fernandez: "Europa? Ci proviamo"
Milan, parla Mati Fernandez: "Europa? Ci proviamo"

Il passo falso del Milan a Pescara non ha fatto enormi danni in ottica classifica, in virtù del capitombolo interno dell'Inter contro la Sampdoria. Anzi, il punticino conquistato in rimonta allo Stadio Adriatico è servito ai rossoneri per avvicinarsi all'Inter al sesto posto. Ora il divario è minimo, solo un punto separa in graduatoria le due milanesi. Ad analizzare il momento del Milan, ai microfoni di Premium, ci ha pensato il centrocampista cileno Mati Fernandez, finalmente ristabilitosi dai guai fisici che non gli hanno consentito di essere disponibile, in pianta stabile, agli ordini del tecnico Montella, negli ultimi mesi: "Dobbiamo guardare solo a noi stessi, e cercare di fare più punti possibili, poi se i nostri avversari perderanno partite e punti, tanto di guadagnato".

A Pescara è arrivato un passo falso, in cui il Milan ha gettato alle ortiche due punti che sarebbero risultati vitali in ottica rincorsa ad un posto in Europa League"A Pescara non è andata come volevamo e non abbiamo ottenuto la vittoria. Tutto questo ovviamente per colpa nostra che non abbiamo fatto girare palla velocemente e dunque non abbiamo creato gli spazi giusti per far male all'avversario. Domenica avremo una gara difficile, contro il Palermo che come noi è in lotta per un obiettivo. Loro sono alla ricerca di punti perchè non vogliono abbandonare la categoria. Dobbiamo essere concentrati per tutto l'arco della gara per ottenere un risultato positivo".

In chiusura, il cileno fa un primo bilancio del suo primo anno in rossonero: "Sono stati mesi difficili, spesso non ho potuto dare il mio contributo in campo perchè sono stato bloccato da fastidiosi problemi fisici. Adesso sto bene, sto recuperando. Voglio allenarmi bene e ritornare ad essere utile alla causa rossonera; insomma voglio ripagare la fiducia della società che lo scorso anno ha creduto in me. Qui sto bene, mi sono ambientato alla grande, ed ho ottimi rapporti con tutti: a partire dalla dirigenza, passando per i miei compagni di squadra ed anche con Montella, che è un tecnico molto preparato e lavora egregiamente per quanto riguarda la gestione del gruppo".