Milan, Vangioni: "Per andare in Europa ci servono cuore, intelligenza e unità"

Vangioni racconta cosa ha chiesto Montella al Milan per le ultime tre gare di campionato

Milan, Vangioni: "Per andare in Europa ci servono cuore, intelligenza e unità"
Lionel Vangioni, calciomercato.com

Oggetto misterioso nella primavera parte di stagione, preziosa risorsa in diverse occasioni nel girone di ritorno durante l'emergenza terzini che Montella ha dovuto fronteggiare spesso. Lionel Vangioni ha avuto una stagione a due facce e anche per questo non è detto che il suo futuro sia ancora in rossonero. La prossima stagione, però, passa anche da quella in corso che il Milan spera di concludere con il sesto posto e la qualificazione alla prossima Europa League.

Obiettivo che per forza di cose passa anche dalla trasferta di Bergamo di sabato sera come racconta Vangioni a Milan TV: "La squadra si sta allenando bene per la prossima partita, che è una partita difficile, ma dobbiamo portare a casa i tre punti per centrare il nostro obiettivo. L'Atalanta è una squadra molto difficile da affrontare, perchè giocano bene e corrono tanto. Noi dobbiamo essere intelligenti e uniti, sarà una partita molto tattica. Ci stiamo allenando bene per arrivare pronti a sabato. E' molto importante per tutti poter partecipare a una competizione come l'Europa League. Stiamo lavorando per questo, dobbiamo essere forti di testa. Abbiamo l'opportunità di andarci."

Per farlo servono però risultati diversi da quelli arrivati nelle ultime settimane. Montella lo sa bene e per questo ha fatto delle richieste molto specifiche alla squadra per gli ultimi tre appuntamenti del campionato: "Il mister ci sta chiedendo di metterci il cuore, perchè manca poco alla fine del campionato e credo che siano molto importanti queste 3 partite. Sabato per noi è una finale e dobbiamo stare concentrati al 100%." Infine Vangioni traccia un bilancio della propria stagione e spiega quali siano le insidie che possa portare un giocatore come Papu Gomez"Quest'anno ho giocato abbastanza, mi sento bene. Mi alleno sempre per essere a disposizione dell'allenatore. Papu è un giocatore molto bravo e veloce. Dobbiamo stare attenti e concentrati, perchè lui fa la differenza."