Milan-Roma, rossoneri ancora sconfitti. Le parole dei protagonisti nel post-gara

I rossoneri, a San Siro, cedono alla Roma. Commentano la partita il tecnico rossonero Vincenzo Montella e Hakan Calhanoglu.

Milan-Roma, rossoneri ancora sconfitti. Le parole dei protagonisti nel post-gara
Milan/Twitter

Un'altra sconfitta, altri 3 punti persi. Finisce 2-0 tra Milan e Roma nel posticipo delle 18:00 della 7° giornata di Serie A TIM. Una partita che il Milan non avrebbe meritato di perdere, per il bel gioco e per le ottime manovre offensive create.

Una partita che pare procedere per il verso giusto, con i ragazzi di Montella in grado di impensierire la retroguardia giallorossa partendo dall'esterno o battendo a rete dalla distanza. Poi, la svolta: Dzeko trova l'angolo vincente, con leggera deviazione di Romagnoli, e batte un incolpevole Donnarumma. Il colpo definitivo è di Florenzi che, dopo il tiro di Nainggolan, anticipa Rodriguez siglando il gol del definitivo 2-0. C'è sicuramente amarezza per questa sconfitta. 

Commenta la prestazione dei suoi ragazzi il tecnico rossonero Vincenzo Montella, ai microfoni di Premium Sport. Ecco le sue principali dichiarazioni.

"Ero molto più preoccupato dopo la partita con la Samp perché non mi davo una spiegazione. Oggi i ragazzi devono essere soddisfatti, per lo spirito e la capacità di gioco, rapportati alla difficoltà della partita. Il Milan ha giocato alla pari, quanto meno alla pari della Roma. Credo che la strada sia questa. Non era facile giocare per un risultato solo".

"Faccio fatica a trovare un singolo che non abbia giocato ai livelli del Milan, anche tatticamente ha fatto una buona partita. La Roma è una grande squadra e in 10 undicesimi erano quelli dell'anno scorso. Dobbiamo arrivare a far diventare uno scontro diretto anche nella classifica, non solo nel gioco".

"Il Milan ha giocato come piaceva a me, non abbiamo segnato, ma ci siamo andati molto vicini. Con una deviazione diversa parleremmo di una partita diversa. Può ancora crescere, perché ci sono giocatori che possono crescere. Non vedo la strada in salita come prima, ma in discesa. Il mercato? È stata fatta una scelta chiara, vogliamo che questi calciatori possano essere un patrimonio anche per il futuro".

Parla poi il centrocampista turco Hakan Calhanoglu, espulso al minuto 80' per doppia ammonizione. Le sue impressioni a Milan TV.

Abbiamo giocato una grande partita, trovando occasioni e rimanendo offensivi. Non ricordo una chance della Roma fino al 70', nel secondo tempo abbiamo cercato di ripetere la prestazione della prima metà e avevamo la gara in mano. Il gol di Dzeko ci ha spiazzati, poi diventa quasi impossibile fargli gol. La seconda rete di Florenzi ha chiuso i conti ma loro sono stati fortunati".

Il gol mancato: "Tutti hanno visto che abbiamo fatto tutto giusto per segnare, loro sono stati bravi a murarci. Ora dobbiamo lavorare duro e mi dispiace per il cartellino rosso. C'è stata una mancata comunicazione con Alessio Romagnoli e mi ero dimenticato del mio giallo. Lo ripeto, chiedo scusa a tutti e mi dispiace saltare il derby".