Alla scoperta del Dnipro

Scopriamo chi sono i prossimi avversari del Napoli nella semifinale dell'Europa League

Alla scoperta del Dnipro
Alla scoperta del Dnipro

Dnipro Dnipropetrovsk, squadra partecipante al campionato ucraino e prossimo avversario del Napoli di Benitez. Ufficialmente il nome della squadra è Futbol Klub Dnipro, nati nel 1918 rimanendo con questa denominazione fino al 1925 quando diventando la squadra della fabbrica di Petrovsky, potente azienda dell'acciaio russo prese il nome di Stal (acciaio). Lo Stal partecipò a diversi campionati minori sovietici fino a quando non si unì con l'altra squadra di Dnipro lo Dnipro Petrovsk generando una nuova denominazione sociale il Metalurgic fino al 1961.

L'unico successo ottenuto fu una semifinale della Coppa Unione Sovietica. A fine 1961 la potente industria Yugmash entrò in società pretendendo di cambiare il nome in Dnper, investi tanto nelle casse societarie ma i risultati lo stesso non erano all'altezza delle richieste societarie. Ci fu un cambio radicale in panchina, arrivò il Generale Valerjy Lobonovsky (in seguito CT della nazionale russa), arrivarono anche tante vittorie che portarono la squadra ad ottenere in soli tre anni tre promozioni e riuscendosi a classificare al 6 posto su 16 squadre. Tutto questo nel 1972.

Per i tre anni successivi la squadra continuava a non ottenere risultati fino a quando nel 1978 non retrocesse e per due anni partecipò alla seconda divisione russa. Alla guida della squadra arrivò Jemec e in due anni, nel 1983, riportò la società in massima serie e addirittura vincere il titolo nel 1983.

Dopo la divisone dell'ex Unione Sovietica il Dnper cambiò nome con Dnipro e cambiò anche il colore delle maglie da rosso in celeste, bianco, blu. La maledizone del secondo posto è l'unica cosa che non è mai cambiata nella vita del club: dal 1994 al 2004 è sempre alle spalle dello Shakhtar.

Nel 2012 si classifica al quarto posto partecipando ai preliminari dell'Europa League pescando lo Slovan. Accede ai gironi della competizione europea dove trova il PSV Eindhoven ed il Napoli di Mazzarri. Proprio contro gli azzurri nel proprio stadio ucraino ottennero una vittoria di tutto prestigio, battendo il Napoli 3-1, dove il solo Cavani si salvò. 

Il resto è storia recente, con l'edizione di quest'anno della competizione che rappresenta il miglior risultato internazionale della squadra di Dnipropetrovsk