Napoli in Ucraina, Hamsik: "Non siamo i favoriti. Benitez ci porterà in alto"

Il capitano del Napoli ha parlato ai microfoni del sito ufficiale della Uefa e durante l'intervista ha parlato del percorso degli azzurri, del rapporto con Benitez e non solo.

Napoli in Ucraina, Hamsik: "Non siamo i favoriti. Benitez ci porterà in alto"
Napoli in Ucraina, Hamsik: "Non siamo i favoriti. Benitez ci porterà in alto"

E' iniziata oggi, in mattinata, dall'aeroporto di Capodichino, la missione a Kiev del Napoli di Rafa Benitez. La squadra partenopea è chiamata, in terra ucraina, a ribaltare la situazione che li vede partire in svantaggio dopo l'1-1 dell'andata. Gara fondamentale per la stagione degli azzurri che cercano il lasciapassare per la finale di Varsavia, obiettivo principale per tornare, tramite la porta europea in Champions League il prossimo anno. 

Di questa possibilità e di tanto altro ha parlato Marek Hamsik, capitano slovacco del Napoli, ai microfoni del sito ufficiale della Uefa, analizzando il cammino della sua squadra e tanto altro. Si parte però da Rafael Benítez, che qualora conquistasse il trofeo, potrebbe diventare il primo allenatore a vincere tre volte con tre club differenti la Coppa UEFA/UEFA Europa League. Hamsik ha analizzato così i pregi dell'allenatore spagnolo. 

"E' un allenatore che entra nel gruppo, è comunicativo e parla con i suoi giocatori. Ne ha vinti di questi trofei e sicuramente ci darà una mano per arrivare il più lontano possibile. E' un allenatore che ha giocato tante partite a questo livello e ci preparerà nel migliore dei modi. Tutti vogliamo vincere il trofeo, dai magazzinieri e medici a noi e il mister. E' normale, nel calcio si vuole sempre vincere".

Si passa al Napoli. Hamsik ha attraversato tutto il processo di crescita della società di De Laurentiis, dal primo anno di A alla scalata europea. Lo slovacco parla così della crescita e delle squadre nelle quali ha giocato e del cammino di quest'anno: "Il Napoli più forte? E' difficile dirlo, ci sono stati anni in cui sono passati giocatori forti ma penso sia questa la squadra più competitiva. Cammino europeo? Abbiamo una squadra che può lottare su tutti i fronti e abbiamo un mister che ha vinto tanto, questo ci dà sicuramente un aiuto. Questa squadra è cresciuta anche perchè sono tanti anni che gioca le coppe europee, indubbiamente conta. Higuain? E' un calciatore speciale, basta pensare a tutti i gol che ha segnato in questi due anni. E' un bomber nato e ci darà una grande mano".

Il 4-1 di Wolfsburg ha attestato il Napoli tra le migliori squadre dell'Europa League, forse la migliore, quella da battere. Tuttavia, Hamsik non si sbilancia e pensa gara dopo gara: "Non penso che siamo i favoriti e ogni partita è diversa dalle altre. Siamo contenti di aver battuto il Wolfsburg e di essere in semifinale ma non ci dobbiamo accontentare perchè vogliamo arrivare fino in fondo. Cosa significa vincere a Napoli? Penso che in questi anni il Napoli sia cresciuto tanto e abbia dato soddisfazioni ai propri tifosi, vincendo diversi trofei in Italia. Vincere l'Europa League sarebbe qualcosa di straordinario, una grande festa per Napoli. I tifosi? Sono il nostro dodicesimo uomo, da sempre. Ci daranno grande mano per arrivare in fondo. Non oso immaginare cosa potrebbe succedere se vincessimo...".