Sarri: "Arrabbiati, ma non delusi. Stiamo crescendo"

Alla fine del pareggio 2-2 contro la Sampdoria di Zenga, ecco le parole di Maurizio Sarri.

Sarri: "Arrabbiati, ma non delusi. Stiamo crescendo"
Sarri: "Arrabbiati, ma non delusi. Stiamo crescendo"

Finisce con un pareggio per 2-2 la prima gara stagionale al San Paolo del Napoli di Sarri. Di certo non l'inizio ideale del nuovo mister, ma ciò non toglie il sonno all'allenatore degli azzurri. Ecco l'analisi di Maurizio Sarri alla fine di Napoli-Sampdoria.

"Abbiamo fatto 55 minuti di ottimo livello, questo lo ha visto anche il pubblico. Un passo in avanti enorme rispetto all'ultima partita con il Sassuolo. Poi abbiamo subìto il contraccolpo dopo il rigore e abbiamo dato loro la possibilità di pareggiare. Ci è costato caro quel momento di sbandamento però sin lì ho visto una squadra in grande crescita, non ancora al top per 90 minuti ma in netto miglioramento sì. È chiaro che in questo momento commettiamo errori che non ci permettono di capitalizzare ciò che facciamo di buono".

Nonostante il black-out al minuto 57 di Raúl Albiol, che commette il fallo dal quale scaturisce il rigore del 2-1, l'allenatore azzurro si rifiuta di parlare degli errori individuali: "Non parlo di errori dei singoli, ma sempre di squadra. Così come dico che abbiamo giocato un'ora di ottimo calcio, così dico che abbiamo perso lucidità dopo il rigore. Anche se lo ritengo un rigore concesso dall'arbitro con troppa leggerezza. Abbiamo giocato contro una squadra più avanti di noi a livello fisico, ma ritengo che noi abbiamo concesso troppo soprattutto mentalmente. Però abbiamo tentato di vincere la partita fino alla fine e questo è un buon segnale".

Ma il Mister è preoccupato? "Se le partite finiscono sempre 27 tiri a 7 non si può pensare che non si vinca mai, dobbiamo solo combattere i cali fisici. I cambi? Abbiamo cambiato prima a centrocampo perchè c'era più calo fisico. Poi dopo il cambio ci ha chiesto il cambio Hysaj ed è saltato tutto, altrimenti sarebbe stato Mertens per il 4-3-3 o Gabbiadini per lo stesso modulo. Mi sono anche arrabbiato perchè doveva comunicarlo prima, non dopo due cambi".

Al San Paolo sono arrivati i primi fischi del pubblico, che ha visto questo epilogo tante volte nella scorsa stagione: "Penso che il pubblico di Napoli sia straordinario, questa sera hanno visto qualcosa di già visto nella stagione precedente ed evidentemente questo pesa al pubblico. Credo comunque che i tifosi abbiano apprezzato il primo tempo della squadra, e fondamentalmente saranno tutti delusi dalla prestazione. Non si possono giudicare i fischi degli ultimi 3 minuti di gara, tutti sanno quanto i tifosi sono eccezionali qui" .

Prima della partita, c'è stato l'arrivo in Italia di Chalobah, il nuovo rinforzo per la mediana azzurra, che arriverà in prestito secco dal Chelsea di Mourinho: "Non posso esprimere un giudizio su di lui, è un giocatore che non lo conosco. Così come successe per Chiriches, se la società l'ha preso e l'ha voluto un motivo ci sarà. Io faccio fatica già a guardare le partite che mi servono, non posso spaziare su tutte le partite europee. Non lo conosco".