Napoli, col Legia per scrivere un pezzo di storia dell'Europa League

La sfida di giovedì contro i polacchi del Legia Varsavia può rilanciare gli azzurri dopo la battuta d'arresto di Bologna in vista della sfida alla Roma di domenica, chiudere con il filotto di vittorie il raggruppamento di Europa League e scrivere un'altra pagina di storia della competizione provando a battere i record per gol fatti e subiti.

Napoli, col Legia per scrivere un pezzo di storia dell'Europa League
Napoli, col Legia per scrivere un pezzo di storia dell'Europa League

Il Napoli di Maurizio Sarri torna al lavoro al centro sportivo di Castel Volturno in vista della sfida di giovedì contro il Legia Varsavia. Sfida che può rilanciare gli azzurri dopo la battuta d'arresto di Bologna soprattutto moralmente verso il big match della sedicesima giornata di Serie A, quando al San Paolo sarà di scena la Roma di Garcia. Partenopei che arrivano al match contro i polacchi con primo posto in cassaforte e cinque successi di fila, che sembrerebbe lasciare pochi motivi di interessi al match di giovedì delle ore 19. 

Tuttavia, altre all'aspetto della rivalsa, gli azzurri potrebbero scendere in campo con la voglia di scrivere una piccola pagina di storia, raggiungendo altre cinque squadre che nella fase a gironi dell'Europa League hanno collezionato sei successi nelle prime sei gare (Anderlecht, Tottenham, Salisburgo due volte, Dinamo Mosca). Inoltre, la squadra di Sarri potrebbe provare a battere il record per maggior numero di gol realizzati nella fase a gironi (21, sempre del Salisburgo) e di eguaglaire quello del minor numero di reti subite (1 dello Standard Liegi).

Al cospetto del Napoli, che sicuramente scenderà in campo con le seconde linee così come fatto in occasione della sfida contro il Midtjylland, un Legia che proverà a conquistare la qualificazione agli ottavi di finale, seppur l'impresa sia ardua: non solo per la forza dimostrata dal Napoli in queste prime cinque gare, ma anche perchè dovrà sperare, contestualmente, in un pareggio tra Midtjylland e Brugge. 

Sarri ruoterà, cosi come già ampiamente fatto nella trasferta di Brugge, i suoi uomini a disposizione, lasciando spazio a chi, finora, ha avuto meno spazio. Sicuramente tra i pali ci sarà Gabriel, che ha ben figurato ogni qual volta è stato chiamato in causa. In difesa da destra verso sinistra Maggio, Chiriches e Strinic, con il dubbio se schierare Koulibaly dal primo minuto oppure il giovane Luperto. Confermata anche la mediana con David Lopez centro-destra, Chalobah centro-sinistra e Valdifiori in mediana. Davanti, con Mertens ed El Kaddouri, dovrebbe esserci Callejon, mentre Gabbiadini è ancora in fase di recupero. A gara in corso possibile l'impiego di Negro.