Napoli, Sarri in conferenza: "Sono convinto che possiamo fare risultato ovunque e contro chiunque"

Il tecnico azzurro dal Madrigal: "Ora siamo consapevoli di poter giocare alla pari in casa dei grandi club europei".

Napoli, Sarri in conferenza: "Sono convinto che possiamo fare risultato ovunque e contro chiunque"
Napoli, Sarri in conferenza: "Sono convinto che possiamo fare risultato ovunque e contro chiunque"

Il Napoli è pronto a tornare in campo contro il Villarreal (domani alle 19.00) con l'obiettivo di cancellare la sconfitta con la Juventus. Sicuramente una delle sfide più intriganti dei sedicesimi di finale dell'Europa League. Gli azzurri cercano di mantenere l'imbattibilità in coppa in una partita in cui non possono sbagliare per non crollare dal punto di vista mentale dopo il ko dello Stadium. 

Da pochi minuti Maurizio Sarri ha terminato la conferenza pre match. Andiamo ad ascoltare quanto ha detto il tecnico azzurro: "L’obiettivo è fare la nostra gara. Credo che sempre e comunque possiamo fare il nostro calcio, ma la discriminante è la velocità. Nelle ultime due partite ne abbiamo persa, ma possiamo fare risultato dovunque e contro chiunque se riprendiamo la nostra rapidità". Attenzione al Villarreal che punta a vincere l'Europa League ed inoltre  in campionato sta tenendo un ritmo molto importante e attualmente si trova al quarto posto in classifica: "La partita si presenta molto difficile e complicata, ovvio. A volte sarà inevitabile concedere qualcosa perché hanno giocatori di livello. Anche i giocatori meno noti sono di grandissima qualità come Suarez, Dos Santos, ecc… ".

Il Napoli non può sottovalutare affatto questa trasferta, ma Maurizio Sarri pensa ad un'ampio al turn over, visto i tanti impegni che dovrà affrontare la compagine azzurra nelle prossime settimane: "Sicuramente non giocheranno sempre gli stessi perché nei prossimi giorni abbiamo numerose partite. A me importa che non si perda convinzione e volontà di fare risultato. In base a ciò che accadrà sapremo se possiamo o meno fare turnover. Sono convinto che domani chi giocherà lo farà in una partita stimolante ed uno stadio bellissimo. Ciò che potranno tirare fuori, lo tireranno, sebbene bisogna tenere conto anche dell’avversario". Il tecnico partenopeo non ha ancora in mente chi scenderà in campo domani: "Non so chi sceglierò domani" Ma di una cosa è sicuro: "So che chi va dentro deve vincere e scendere in campo per portare a casa il risultato. Bisogna ricercare in maniera convinta, cattiva e determinata il gol. Domani la partita ci proporrà delle difficoltà, ma dobbiamo provarci lo stesso". 

Insieme a Sarri era presente anche Pepe Reina che si impose come titolare indiscusso proprio nel Villarreal: "Ringrazio per tutto quello che mi ha dato il calcio. Qua mi sono sentito bene e sono diventato calciatore, questo mi ha permesso di crescere ed essere chi sono diventato. E’ sempre bello tornare in un posto dove ti hanno trattato con stima ed affetto e dove ho vissuto tre anni calcisticamente belli, con bei ricordi. Da domani questo si ferma e sono 90 minuti per noi difficilissimi, perché sono fortissimi in casa e stanno giocando benissimo".  Il portiere spagnolo è ormai beniamino di tutti i tifosi azzurri: "Il morale è ottimo, deve essere sempre ottimo per quello che abbiamo fatto sempre ed anche contro la Juventus. Dopo sabato siamo ancora più sicuri di quanto stiamo facendo. Bisogna reagire velocemente e seguire sulla strada che abbiamo intrapreso". Chisura sul al Madrigal, uno stadio che lo ha amato per tre anni: "Sento molto affetto per il Villarreal però non commento la loro posizione, nella mia testa c’è vincere questa partita non penso a nulla che non abbia a che vedere con l’eliminazione. Io porto la maglia del Napoli, non penso che non si passi il turno. L’accoglienza in aeroporto? Esagerato! Conoscendo la mia famiglia, immaginavo qualcosa ma non questo. Sono felice di essere tornare a stare con loro. A loro piace molto il Napoli ed è normale perché il carattere è simile". 

".