Napoli, Valdifiori: "Siamo una grande squadra, voglio giocarmi le mie carte"

Il regista azzurro è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli per fare il punto della situazione riguardo la squadra dopo i primi giorni di ritiro e sul suo futuro.

Napoli, Valdifiori: "Siamo una grande squadra, voglio giocarmi le mie carte"
Napoli, Valdifiori: "Siamo una grande squadra, voglio giocarmi le mie carte"

L'impatto non è stato dei migliori, ma Mirko Valdifiori ha tutta l'intenzione di provare a riconquistare Napoli e Maurizio Sarri. La voglia di tornare a stupire di certo non manca all'ex regista dell'Empoli, che dopo le difficoltà della passata stagione e nonostante le tante voci di mercato che lo vorrebbero con le valigie pronte, vuole giocarsi ancora un posto con Jorginho in cabina di regia. Ai microfoni di Kiss Kiss Napoli, per la prima volta da quando gli azzurri sono a Dimaro, l'ex playmaker della Nazionale ha fatto il punto della situazione. 

Dal passato al presente ed al futuro: "E' stato un anno che è finito bene a livello di squadra, abbiamo raggiunto la Champions e questo è l'obiettivo principale. Lo scetticismo della piazza? Siamo partiti con scetticismo, ma ci siamo compattati come gruppo, abbiamo seguito l'allenatore ed i risultati si sono visti. Abbiamo lottato fino alla fine per il titolo, non ci siamo riusciti ma abbiamo raggiunto il secondo posto che è un risultato importante che ci permette di lottare per la Champions". 

Riguardo gli obiettivi Valdifiori non fa un passo indietro, bensì li affronta con il petto all'in fuori: "Penso che il Napoli sia uno dei top club in Italia, la squadra deve lavorare sapendo che ogni domenica bisogna andare in campo per vincere le partite. Non bisogna farsi troppi obiettivi a lungo termine, guardare partita dopo partita guardando avanti. Poi vedremo verso aprile-maggio a che punto siamo, c'è voglia da parte di tutti. C'è grande entusiasmo qui a Dimaro, straordinario vedere i tifosi che vengono qui per sostenerci. Speriamo di poter ricambiare questo entusiasmo, vorrebbe dire che la squadra sta facendo bene".

Dalle considerazioni di squadra a quelle personali: "Ho avuto in inizio difficile, ma ogni annata può servire per crescere. Adesso sono deciso e determinato per dire la mia. Se resto? Io sono qui, faccio parte del Napoli, se decideranno di puntare su di me sarò contento. Se cosi non sarà mi guaderò intorno, io a Napoli mi sono trovato bene e sono contento. Mi sono trovato bene appena arrivato, la gente è subito disponibile per farti trovare a tuo agio. Fare le foto fa piacere, è il nostro lavoro ed è peggio se non te le chiedono. Io e la mia famiglia ci siamo trovati molto bene".

Prima di chiudere una battuta sui metodi del mister ed una promessa ai tifosi: "Lui cura sempre i dettagli, devi concedere poco alle altre squadre perchè altrimenti ti possono far male. Dobbiamo seguirlo come abbiamo fatto lo scorso anno. C'è il lavoro di corsa, ora è il momento di mettere benzina nelle gambe che ci servirà durante l'anno. Ci sono tanti giovani nuovi, il mister dovrà fargli capire cosa vuole in campo. La mia promessa è che daremo tutto sempre per questa maglia, per portare in alto il Napoli".