Verso Torino-Napoli: dubbi in mediana per Sarri

Sarri e il suo Napoli sono pronti alla difficile trasferta di Torino. Vietato sbagliare per tenere ancora vivo il piazzamento al secondo posto. Diversi dubbi di formazione, soprattutto per quanto riguarda la mediana.

Verso Torino-Napoli: dubbi in mediana per Sarri
Photo by "Napolisport.net"

Il Napoli non può permettersi passi falsi se vuol continuare a sperare nel secondo posto. La Roma non perde un colpo così come i partenopei, e la sensazione è che questo duello durerà fino all'ultima giornata. Per tenere accesa questa speranza, bisognerà portare a casa una vittoria sul difficile campo di Torino, una squadra che di fronte al proprio pubblico ha sempre fatto bene ottenendo ben 32 dei 50 complessivi complessivi. Il vantaggio? Sperare che la Juventus batta la Roma in modo da compiere il definitivo sorpasso. Maurizio Sarri non si smuoverà dal suo 4-3-3, ma dovrà sciogliere alcuni dubbi di formazione. L'unico diffidato è Rog.

La nota positiva è che la rosa sarà tutta a disposizione, e Sarri potrà scegliere liberamente il miglior undici titolare. In porta ci sarà come al solito Reina, con un quartetto difensivo composto da Hysaj, Albiol, Koulibaly (al ritorno dalla squalifica) e Ghoulam, con l'algerino in ballottaggio con Strinic, ma leggermente favorito. A centrocampo solamente Hamsik è certo di un posto da titolare, mentre Allan e Jorginho sono insidiati dalla freschezza e gioventù di Zielinski e Diawara. In attacco tutto confermato con Callejon, Mertens e Insigne a comporre l'ormai collaudato tridente tascabile.

Riusciremo ad assistere a qualche cambiamento? Sarri ha già provato qualcosa di diverso in allenamento, ma per il momento è meglio non variare questo sistema di gioco che sta fruttando ottimi dividendi. Potrebbe esserci più spazio per Milik, ma togliere un Mertens così sarebbe una follia. Toccare uno tra Albiol e Koulibaly significherebbe spezzare l'affiatamento tra difesa e centrocampo, è per questo motivo siaTonelli che Maksimovic vengono utilizzato pochissimo. Sarri non ha tutti i torti, sta gestendo bene la situazione senza correre rischi. Non è il momento di fare rotazioni, anche perchè non c'è motivo, visto che il Napoli non ha più impegni di coppa da onorare. Ultime fatiche per i titolarissimi, c'è da inseguire il preziosissimo secondo posto negli ultimi 270' minuti del campionato.