Palermo, Dybala: "E' solo l'inizio"

Intervistato a "La Gazzetta dello Sport", Paulo Dybala - l'uomo del momento in casa Palermo - ha rilasciato interessanti e importanti dichiarazioni circa il suo rendimento e il campionato della squadra rosanero, analizzando anche la sfida interna di domenica contro l'Udinese

Lo stentato inizio è ormai un lontano ricordo e il Palermo assapora con maggior dolcezza il ritorno nella massima serie. L'impresa di San Siro proietta i rosanero in una dimensione di maggior tranquillità e a rubare l'occhio è il frizzante attacco proposto da Iachini. Alla Gazzetta dello Sport le parole di Dybala, autore nel recente periodo di prestazioni di livello. 

Circa il suo ottimo momento, l'attaccante argentino del '93 afferma: "Non mi pongo limiti: segnerò il più possibile. E' stato splendido segnare in uno degli stadi più belli del mondo come il Meazza, che ogni calciatore conosce: un sogno realizzare una rete così bella in quell'immensa platea. Zamparini mi paragona a Pastore? Sono felice dell'accostamento perchè il Flaco è un grande calciatore, ma devo fare ancora molti passi in avanti per arrivare al suo livello. In questi due anni ho fatto grandi passi in avanti, ora devo acquisire maggiore cattiveria sotto porta. Mi trovo bene sia con Belotti che con Vazquez, il primo è più fisico, il secondo più tecnico. Ma le mie qualità si sposano con entrambi".

Domenica la delicata sfida contro l'undici di Stramaccioni: "L'Udinese avrà una grande voglia di rivincita dopo le ultime sconfitte, un pò come noi dopo l'Empoli. Tra i bianconeri non c'è solo Di Natale, ma lo toglierei volentieri dalla squadra".