Palermo, la cura del ritiro funziona

Come l'anno scorso, dopo il ritiro il Palermo ritrova la vittoria, ieri a Bologna un successo sofferto ma convincente

Palermo, la cura del ritiro funziona
Palermo, la cura del ritiro funziona

Un copione già visto, proprio come la scorsa stagione: crisi di risultati per il Palermo, la decisione del ritiro da parte di Zamparini e guarigione completata. Un successo di tutta la squadra e della società senza decisioni che hanno stravolto l'organigramma societario, tutti al proprio posto e i risultati non tardano ad arrivare. Una vittoria importante quella di ieri a Bologna per ritrovare la serenità di inizio campionato dopo qualche mugugno e preoccupazione per le quattro sconfitte consecutive. Lo scorso anno il Palermo cominciò la sua marcia di nove risultati utili consecutivi proprio da un ritiro voluto dal patron rosanero e ripartendo da una vittoria sul Cesena per 2-1.

E' stata una trasferta sofferta, gli uomini di Iachini hanno tenuto grazie ad una grande difesa e ad uno strepitoso Sorrentino, poi il gol e un gioco offensivo di alto livello. Gilardino sta trovando la migliore condizione e si vede: per lui due palle gol. Ciò che ha stupito è stata la difesa, vero tabù di Iachini, ieri una grande prova con un ritrovato Gonzalez, tornato vero leader della retroguardia rosanero. 

E' tornato anche Franco Vazquez. le giocate non gli sono mai mancate, ma ieri ha trovato anche la via del gol che mancava dalla scorso maggio, nell'ultima gara dello scorso campionato contro la Roma. Un gol dedicato alla mamma come un certo Javier Pastore, quando, cinque anni fa, dedicò il gol proprio al Bologna sempre alla mamma. Il Palermo e Iachini hanno bisogno di lui, delle sue giocate e dei suoi gol e assist decisive per risalire la china e ottenere al momento la salvezza tranquilla richiesta dal presidente Maurizio Zamparini.