Palermo, con Ballardini ci si prepara ad una 'nuova' rivoluzione tecnica

Il terzo mandato del tecnico ravennate porterà dei cambiamenti rispetto alle idee dell'ex Novellino, si va verso il 4-3-2-1. Intanto il Giudice Sportivo condanna il Barbera alle porte chiuse.

Palermo, con Ballardini ci si prepara ad una 'nuova' rivoluzione tecnica
Palermo, con Ballardini ci si prepara ad una 'nuova' rivoluzione tecnica

A sei giornate dalla fine del campionato arriva un altro cambio tecnico, il nono in stagione. Stavolta riecco Davide Ballardini, il tecnico ravennate darà il via al suo terzo mandato domenica in casa della Juventus. Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, dopo aver esonerato Walter Novellino, in seguito alla batosta interna contro la Lazio, ha richiamato Ballardini per cercare di ottenere la salvezza attraverso un gioco che piace proprio al patron rosanero e uno schema approvato dalla dirigenza. 

Infatti, con Ballardini, il Palermo ha giocato quasi sempre con il 4-3-2-1 in questa stagione. Gli schemi di Novellino non hanno convinto il presidente, che ha deciso di tornare sui suoi passi e richiamare l'allenatore ravennate. Da oggi la squadra è in ritiro e le vecchie divergenze tra l'allenatore del Palermo e il capitano Sorrentino sono state risolte per il bene della squadra. La squadra si allenerà per preparare al meglio la sfida quasi impossibile di Torino, allo Juventus Stadium. 

Chiaramente, un allenamento non basta per vedere quale sarà la formazione, ma si può provare ad abbozzarne una basandoci sulla squadra vista tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016. Ballardini, dunque, dovrebbe tornare al 4-3-2-1 con Sorrentino tra i pali, uno fra Struna e Rispoli a destra, Goldaniga e Gonzalez centrali e Lazaar a sinistra. A centrocampo spazio a Brugman con Hiljemark e uno fra Jajalo e Chochev sul centro-sinistra. Il tecnico ravennate potrebbe reintegrare in rosa Cristante, escluso da Novellino. Vazquez e Quaison saranno i trequartisti che giocheranno alle spalle di Gilardino. Cambierà anche il modo di giocare, si proverà a fraseggiare attraverso passaggi corti e veloci facendo un gioco più offensivo rispetto all'atteggiamento che Novellino dava alla sua squadra. Ma l'aspetto più importante è certamente quello emotivo e Ballardini lavorerà per ottenere il meglio dai suoi uomini.

Intanto, il Giudice Sportivo ha appena squalificato il campo del "Barbera" dopo il lancio di petardi di domenica scorsa, i tifosi rosanero non potranno assistere alla partita contro l'Atalanta di mercoledì prossimo.