Tim Cup: rigori fatali per il Palermo, passa lo Spezia

Poche emozioni e condensate nei minuti finali dei regolamentari, in cui Sallai sbaglia due gol fatti. Dal dischetto decisivo .

Tim Cup: rigori fatali per il Palermo, passa lo Spezia
Tim Cup: rigori fatali per il Palermo, passa lo Spezia

Lo Spezia espugna il "Renzo Barbera" e approda agli ottavi di finale di Tim Cup, dove affronterà il Napoli sempre in trasferta. Per il Palermo ancora una partita senza vincere e soprattutto senza segnare, dopo tante chances ottenute e non sfruttate da entrambe le parti. Alla fine, la maggiore freddezza dal dischetto regala ai liguri il pass per giocare al "San Paolo".

Il Palermo inizia con il suo classico e spasmodico possesso palla sulla trequarti avversaria, ma la prima conclusione è dello Spezia: al 9' Fulignati sbaglia il rinvio, Vignali raccoglie e calcia dai 25 metri, mancando la porta. Poi il giovane portiere rosa è bravissimo in uscita, un minuto dopo, sul lanciatissimo Baez. La gara sembra accendersi, dopo pochi secondi Sallai impegna Chichizola, ma poi riprende il possesso palla sterile dei padroni di casa, mentre i liguri presidiano bene il campo. Al 26' nuovo pericolo grosso per il Palermo: Baez semina il panico e serve Cisotti, che si gira e calcia nonostante la pressione di Vitiello, mandando la palla di poco sul fondo. Valentini di testa al 36' non riesce a battere Fulignati sugli sviluppi di un corner, sul ribaltamento di fronte Lo Faso calcia alle stelle dal limite dell'area. Il portiere del Palermo si supera al 40' sulla conclusione di Migliore, poi Cisotti lo anticipa e insacca di testa, ma Aureliano ravvisa un fuorigioco della giovane punta spezzina. E con il "Barbera" che fischia, si chiude il primo tempo.

Il primo tentativo della ripresa arriva dopo sette minuti ed è ad opera di Pezzella: il terzino rosa di prova di destro, Chichizola blocca a terra. Poi una buona trama sulla trequarti da parte del Palermo manda Sallai alla conclusione dopo 11 minuti, ma la difesa dello Spezia si salva. I padroni di casa provano a stringere i tempi per cercare il gol, esponendosi ai tentativi ospiti in contropiede. Il giovane ungherese ci riprova da fuori al 18', senza però inquadrare la porta. De Zerbi gioca la carta Diamanti al posto di uno spento Lo Faso, poi Deiola cerca il jolly dalla lunga distanza, senza però andarci neanche vicino. Lo Spezia continua a essere più pericoloso nelle occasioni, e al 25' Cisotti si fa sbarrare ancora una volta la strada da Fulignati. Poi Baez lascia il posto a Piu, e dopo un altro tentativo di Sallai bloccato da Chichizola alla mezz'ora, è doppio cambio: Aleesami per Bouy nel Palermo (che passa al 4-2-3-1), Okereke per Cisotti nello Spezia. Proprio il classe '97 prova a dare brio all'attacco ospite, ma al 38' il Palermo va vicino al gol: punizione di Quaison, Chichizola in angolo. Quattro giri di lancette, e Hiljemark innesca Sallai, ma il magiaro dal dischetto del rigore non inquadra i pali. La scena si ripete durante il primo minuto di recupero, con il numero 20 rosa che sbaglia incredibilmente davanti alla porta. Allo scadere è Diamanti a sfiorare il gol-qualificazione: azione personale e sinistro a giro, Chichizola soffia e la palla esce. Si va ai supplementari.

In avvio di overtime De Zerbi rischia tutto e mette Balogh per Pezzella, ed è proprio il Palermo ad avere un'altra grande chance: al 3' Sallai per Diamanti, fuori di pochissimo. Hiljemark due minuti dopo non trova la porta dal limite dell'area, i rosa continuano a spingere con la fatica che inizia a farla a padrona. Di Carlo inserisce Sciaudone per Mastinu, e subito l'ex barese ci prova da fuori impegnando Fulignati, prima di una punizione di Diamanti bloccata da Chichizola: è l'ultima emozione del primo tempo supplementare. Secondo overtime che si apre con la parata decisiva di Fulignati su Migliore, in un contropiede fulmineo dello Spezia. La gara potrebbe svoltare a sette minuti dalla fine: Vitiello stende il lanciatissimo Okereke e viene espulso. Tuttavia, nel proseguio del supplementare non succede nulla, e ci si avvia ai calci di rigore. Dal dischetto Fulignati ipnotizza Galli, poi Chichizola neutralizza Balogh, segna il quinto rigore prima dell'erroraccio di Goldaniga e del gol vittoria di Migliore.

TABELLINO

PALERMO - SPEZIA 0-0 (4-5 d.c.r.)

PALERMO: Fulignati, Rispoli, Goldaniga, Vitiello, Pezzella (91' Balogh), Hiljemark, Gazzi, Bouy (75' Aleesami), Sallai, Lo Faso (65' Diamanti), Quaison. A disposizione: Posavec, Andelkovic, Chochev, Jajalo, Nestorovski, Morganella. Allenatore Roberto De Zerbi.

SPEZIA: Chichizola, De Col, Valentini, Ceccaroni, Migliore, Galli, Deiola, Vignali, Mastinu (103' Sciaudone), Cisotti (75' Okereke), Baez (71' Piu). A disposizione: Fontana, Valentini, Candela, Crocchianti, Maggiore, Barbato, Suleiman, Demofonti. Allenatore Domenico Di Carlo.

Arbitro: Aureliano di Bologna. Assistenti: Longo - Fiore. Quarto uomo: Di Paolo.

Ammoniti: Lo Faso (P), Galli (S), Quaison (P). Espulso Vitiello (P) al 113'.

Sequenza rigori: Diamanti gol, Sciaudone gol, Hiljemark gol, Okereke gol, Aleesami gol, Piu gol, Quaison gol, Galli parato, Balogh parato, Chichizola gol, Goldaniga alto, Migliore gol.