Palermo, parola al mercato: Goldaniga e Vitiello in uscita

Sassuolo interessato al centrale milanese, mentre il capitano potrebbe scendere di categoria: c'è il Trapani.

Palermo, parola al mercato: Goldaniga e Vitiello in uscita
Palermo, parola al mercato: Goldaniga e Vitiello in uscita

Il Palermo prosegue la sua operazione di sfoltimento della rosa, da mettere in pratica sia per recuperare denaro dalla cessione dei cosiddetti scontenti, come nel caso di Hiljemark, oppure per fare cassa al fine di evitare partenze a ricavo zero a fine stagione, come nel caso del connazionale Quaison. Anche la difesa rischia di subire una netta sfoltita da parte del direttore sportivo rosanero Nicola Salerno, il quale sta lavorando per completare le cessioni di Edoardo Goldaniga e Roberto Vitiello. Il primo sembra essere diretto al Sassuolo, mentre l'uomo che era stato investito dei gradi di capitano durante il ritiro di Bad Kleinkirchheim potrebbe scendere di categoria senza però lasciare la Sicilia, visto che il Trapani è pronto a puntare sulla sua esperienza per tentare la scalata ed evitare di conseguenza la retrocessione in Lega Pro.

Partiamo proprio dal giocatore campano, in Sicilia da tre stagioni e mezzo e quest'anno anche capitano in qualche occasione, potrebbe traslocare di qualche km e sopratutto di una serie scendendo in B accettando la richiesta avanzata dal Trapani. La trattativa per portare l'ex Siena in granata prosegue e con molta probabilità domani, ultimo giorno utile per le trattative, Vitiello potrebbe trovare l'accordo con il club allenato da Alessandro Calori, reduce da due vittorie consecutive con l'inizio del girone di ritorno in cadetteria.

Ovviamente, il piatto forte riguarda la probabile cessione di Goldaniga, il quale è tornato nuovamente nel mirino del Sassuolo. I neroverdi hanno subito il nuovo pressing da parte del Leicester, intenzionato ad arrivare a Francesco Acerbi, perciò è partita ancora la carica per il centrale milanese, uno dei migliori in campo nella gara di Napoli prima dell'espulsione rimediata nel finale. Finora l'offerta più alta fatta dal club del patron Giorgio Squinzi non ha superato i 3 milioni e mezzo di euro, a fronte di una richiesta del Palermo che si aggira intorno ai 6 milioni. Di certo le parti proveranno a venirsi incontro, anche perchè appare chiara l'intenzione di Zamparini di provare a fare quanta più cassa possibile in quest'ultima settimana di calciomercato invernale.