La Roma elimina l'Empoli ai supplementari, ma il protagonista è l'arbitro Di Bello

Una Roma davvero poco convincete passa ai quarti di finale, battendo immeritatamente l'Empoli per 2 reti ad 1. Decisivo il rigore concesso dal signor Di Bello durante il secondo tempo supplementare, e trasformato poi da De Rossi. Rigore inventato dall'arbitro, visto il preciso intervento con il quale Zielinski aveva anticipato Paredes. Decisione che farà sicuramente discutere.

La Roma elimina l'Empoli ai supplementari, ma il protagonista è l'arbitro Di Bello
Roma
2 1
Empoli
Roma: 4-3-3): SKORUPSKI; MAICON, MAPOU, ASTORI, COLE (HOLEBAS 24'); PJANIC (PAREDES MIN 81), DE ROSSI, NAINGGOLAN; ITURBE, DESTRO, TOTTI (LJAIC 66')
Empoli: (4-3-1-2) BASSI; LAURINI (HYSAJ 52'), BIANCHETTI, BARBA, MARIO RUI; VECINO, SIGNORELLI, LAXALT; SAPONARA (ZIELINSKi 53'); TAVANO, MACCARONE (VERDI 68')
SCORE: 1-1 J. ITURBE MIN 5; VERDI MIN 79', De Rossi, min. 114.
ARBITRO: Di Bello. Ammoniti: Bianchetti, Mapou.
NOTE: DALLO STADIO OLIMPICO DI ROMA, OTTAVI DI FINALE DELLA TIM CUP 2014/2015.

Una Roma davvero opaca riesce a superare l'Empoli per 2 reti ad 1 e si qualifica così per i Quarti di Finale della Coppa Italia. Farà discutere sicuramente la brutta prestazione dei ragazzi di Garcia, che questa sera ha preferito schierare tutti i titolari. Come sempre ottimo Empoli, davvero ben messo in campo, che viene eliminato solo da una decisione errata del Signor Di Bello, che forse offouscato dalla stanchezza, si inventa il rigore che sarà poi decisivo ai fini del risultato. 

Rudi Garcia dice no al turnover e schiera tutti i titolari tranne Skourpski tra i pali. In difesa tornano Maicon ed Ashley Cole, mentra a centrocampo ci sono Nainggolan, Pjanic e De Rossi. In attacco spazio a Destro, Totti ed Iturbe, con Ljaijc in panchina. Sarri invece attua un ampio turnover, affidandosi a tanti giocatori che fino a questo momento sono scesi poche volte in campo. Spazio al neo-acquisto Saponara, che completa il reparto di centrocampo insieme a Vecino, Signorelli e Laxalt. In avanti ci sono Tavano e Maccarone. 

Parte forte la Roma, che trova l'immediato vantaggio al 5° minuto di gioco con Iturbe. L'attaccante argentino è bravo a sfruttare un assist di Maicon saltando Bianchetti e battendo Bassi con un destro preciso. Sembrebbe l'inizio di una goleada, ma i giallorossi si spengono prima del previsto, dando vita ad una partita abbastanza noiosa, visto che l'Empoli, giustamente, aspetta i più quotati padroni di casa dietro la linea del pallone. Passano i minuti ma latitano le azioni da gol, infatti bisogna aspettare il 40° minuto per vedere un tiro nello specchio, ed è Nainggolan ad impegnare Bassi. Le formazioni vanno negli spogliatoi sul punteggio di 1-0 a favore della Roma, con la speranza di vivere un secondo tempo più spettacolare.

La ripresa inizia con gli stessi 22 in campo, ma con una Roma più propositiva. E' Mattia Destro a sfiorare il 2-0, ma Bassi è attento e para in tuffo. Passano dieci minuti e Sarri prova a cambiare qualcosa, inserendo Zielinski e Hysaj, per uno stanco Saponara e Laurini. Il cambio sortisce gli effetti sperati ed è proprio Zielinski a sfiorare il gol del pareggio: il suo tiro termina di poco alto. Fase di stallo fisiologica nella ripresa, ma quando meno te l'aspetti arriva la perla di Verdi. Vecino vede lo scatto di Verdi e lo lancia nello spazio: l'attaccante è più veloce di Astori, salta Skorupski e mette la palla in rete. Siamo 1-1 all'80°minuto. La Roma prova il forcing finale, ma Bassi si supera su Iturbe al 92° minuto. Si deciderà ai supplementari Roma-Empoli.

La stanchezza si fa sentire dopo 94 minuti di gioco, ed il gioco ne riesente ulteriormente. Sono solo le giocate dei singoli a dare un pò di verve al match.Ci provano prima Iturbe e poi Ljajic, ma Bassi è sempre molto concentrato, negando ai giallorossi la gioia del gol. Ma al 114° arriva la svolta della partita. Zielinski anticipa nettamente in scivolata Paredes, ma il Signor Di Bello, forse offuscato dalla stanchezza, si inventa un calcio di rigore. De Rossi è freddo e trasforma il rigore che porta la Roma ai Quarti di Finale. All'ultimo secondo ci pensa poi Skorupski a salvare i giallorossi, compiendo una super parata su uno stanchissimo Tavano.