Casillas - Roma, intreccio capitale

La Roma ha puntato il capitano del Real Madrid come portiere titolare per la prossima stagione. Il Real venderebbe il proprio numero uno ma tiene banco il nodo ingaggio.

Casillas - Roma, intreccio capitale
Casillas - Roma intreccio capitale

In Spagna ne sono sicuri: Iker Casillas sarà il prossimo portiere della Roma. El Mundo Deportivo lancia la bomba di mercato, riprendendo il sito italiano tuttomercatoweb. La società capitolina ha già alzato la cornetta per chiamare Madrid, l’operazione è in fase embrionale ma tutto può concretizzarsi già per la metà di Luglio.

La partenza di Casillas continua a tenere banco nel madridismo. Tra chi si priverebbe, volentieri, del portiere spagnolo e chi invece non vorrebbe l’addio del capitán simbolo del Real Madrid degli ultimi quindici anni. Il club della capitale spagnola cercherà di risolvere la situazione entro il 10 Luglio, giorno dell’inizio del ritiro merengue, il quale dovrebbe coincidere anche con l’arrivo (già annunciato) del nuovo numero uno blancos: il portiere del Manchester United David De Gea. Difficile rivedere la staffetta tra portieri, già vista durante la stagione della décima con Ancelotti in panchina, anche perchè nessuno dei due sarebbe disposto a cedere la titolarità. Casillas è un grandissimo portiere, anche se non più giovanissimo, e nonostante sia incappato in alcune papere nel passato recente, sarebbe proprio il giocatore che servirebbe alla Roma, intenzionata a non confermare De Sanctis (mentre Skorupski sarà venduto all’Empoli).

Il nodo da risolvere riguarderebbe l’ingaggio, sostanzioso, di Casillas. La Roma non può assicurare al giocatore l’ingaggio che percepisce attualmente, arrivando ad offrire un contratto di 3 milioni e mezzo all’anno. Casillas ha un contratto con il Real Madrid fino al 30 Giugno 2017, per un totale di 15,5 milioni di euro netti: 8 milioni in questa stagione, 7,5 per la prossima; ai quali si sommerebbero i 7,8 milioni di tasse a carico del club di Madrid. Quindi l’operazione avviata appare leggermente complessa. La dirigenza del Real potrebbe farsi carico solo di 4 milioni di ingaggio da destinare al giocatore in questa stagione, ma solo se in cambio Iker rinunciasse alla totalità della sua buonuscita (che al momento si aggira sui 23 milioni). A Madrid, come a Roma, bisognerà studiare per il matrimonio dell’estate.

L’operazione, tuttavia, troverebbe il gradimento del portiere spagnolo, molto interessato a giocare in Serie A e soprattutto affascinato dal progetto della Roma, squadra vice-campione che cercherà, nuovamente, di lottare per lo scudetto. Inoltre la partecipazione alla prossima fase a gironi della Champions League è un ulteriore motivo di seduzione per Casillas, già vincitore di tre Coppe dei campioni. Da non sottovalutare la meta: la capitale italiana attrae e non poco il giocatore. La dirigenza della Roma già ha intavolato contatti diretti con l’agente del giocatore, Carlos Cutropía, il quale darebbe il benestare all’operazione. Riguardo al costo del cartellino, se sia possibile ripetere un’operazione a costo 0 stile Diego Lopez al Milan, non è ancora lecito saperlo. Di fatto il neo allenatore merengues, Rafa Benítez, gradirebbe una soluzione in tempi brevi. Iker non se ne andrebbe mai dal club dove ha sempre giocato da bambino, ma se messo da parte da allenatore, società e tifo la partenza sarebbe inevitabile. E poi ci sarebbe l’occasione di giocare in squadra con un’altra bandiera del calcio mondiale: Francesco Totti.